10/09/2015

Cronaca

Ivrea, montanarese provoca (forse) un incidente e finisce davanti al giudice

Ivrea

/
CONDIVIDI

Denunciato per omissione di soccorso e lesioni colpose. Un automobilista è finito nei guai per aver provocato un incidente stradale e per essere fuggito senza prestare soccorso agli altri automobilisti coinvolti nel sinistro. Davanti al giudice Marianna Tiseo è finito P.G.D., 62 anni residente a Montanaro.

I FATTI

I fatti risalgono al 14 febbraio 2012. L’incidente del quale sarebbe presunto responsabile l’imputato hanno avuto luogo lungo la strada provinciale che attraversa il territorio di Bairo. Nel corso del processo che si sta svolgento al tribunale di Ivrea, si sta ripercorrendo la vicenda: alle 8,45 di quel fatidico febbraio 2012, un’auto con due persone a bordo finisce fuori strada. Il conducente sarebbe stato costretto a sbandare per evitare l’impatto con un’altra auto proveniente da una strada laterale. Gli occupanti dell’auto riportano alcune ferite mentre la Golf si allontana velocemente.

LA TESTIMONE

Una testimone assiste alla scena, trascrive il numero di targa del mezzo che si è allontanato e si reca dai carabinieri a segnalare il fatto. Per I carabinieri risalire all’identità del proprietario è uno scherzo e l’uomo viene denunciato. E qui la vicenda si tinge di giallo: il conducente dell’auto che avrebbe provocato l’incidente stradale quella mattina si trovava a casa in compagnia della moglie e della figlia.

IL PRESUNTO SCAMBIO

I legali del montanarese scoprono che esiste un’altra auto, una Wolkswagen Polo, del tutto simile alla Golf incriminata: stesso il colore, e quasi identica la targa. La differenza sta in due numeri. La donna, probabilmente, nel trascrivere in tutta fretta il numero di targa del fuggitivo avrebbe invertito il numero 591 con 519. La Wolkswagen Polo apparterrebbe ad una donna residente ad Agliè, esattamente a poche centinaia di metri dal luogo teatro dell’incidente.

Nel corso della prossima udienza sarà a chiamata a testimoniare la donna proprietaria della Polo, ovvero dell’auto che è stata scambiata per la Golf. Il giudice ha inserito nel fascicolo quano è stato scoperto dai legali. Si preannuncia un inaspettato colpo di scena.

Dov'è successo?

11/04/2021 

Cronaca

Rivarolo, il sindaco Rostagno: “Il padre non aveva più fatto seguire dal Ciss 38 il figlio disabile”

È visibilmente provato il sindaco di Rivarolo Alberto Rostagno. Questa mattina, alle 7,00, si è recato […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Cronaca

Omicidio a Rivarolo: procura e carabinieri indagano a tutto campo. La città sconvolta, si interroga

Nella mattina uggiosa di oggi, domenica 11 aprile, Rivarolo si è svegliata nella morsa di un […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Sanità

Emergenza Coronavirus: due nuovi centri vaccinali anti-Covid a Volpiano e San Benigno Canavese

Sabato 10 aprile a Volpiano sono entrati in funzione due centri vaccinali locali, nella sala polivalente […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Cronaca

Notte di sangue a Rivarolo: uccide la moglie, il figlio disabile e i padroni di casa. Poi tenta il suicidio

  Notte di sangue a Rivarolo: un pensionato di 83 anni ha ucciso il figlio disabile, […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Sanità

Covid: da lunedì 12 aprile la provincia di Torino tornerà in zona arancione. Riaprono i negozi e scuole

Gli esperti e gli epidemiologi dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, convocati per le 13,00 di […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Sanità

Leinì, alla Cittadella dello Sport il nuovo Centro vaccinale. L’Asl accoglie la proposta del Comune

Il Commissario dell’Asl T04, Luigi Vercellino, ha comunicato alla Conferenza dei sindaci canavesani la nuova ubicazione […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy