20/08/2015

Economia

Ivrea: Comdata incontra ma non convince i Cobas. Confermato lo stato di agitazione

Ivrea

/
CONDIVIDI

Commesse stabili in termini di volume di lavoro e di addetti. Il sito di Ivrea della Comdata, il colosso italiano dei servizi esternalizzati dai grandi gestori di telefonia, sta attraversano un periodo di relativo equilbrio che farebbe ben sperare per il futuro di un sito che occupa a tutt’oggi ben 1.500 dipendenti (su 6.500 in tutta Italia).

Lo scorso martedì ha avuto luogo un incontro pianificato tra i vertici dell’azienda di servizi e i rappresentanti sindacali. I Cobas spiegano che la società ha affermato che il contratto in scadenza con Mediaset è stato rinnovato, il reparto Vodafone risulta in crescita mentre sono stabili i reparti delle commesse di Wind ed Eni. In concomitanza con il sopraggiungere del periodo estivo – ha sottolineato l’azienda – è stata registrata una significativa flessione su alcune attività svolte per conto della Telecom. La previsione per il 187, ovvero la gestione dell’area client della Tim, è previsto in crescita sia dal punto di vista dei volumi che da quello degli addetti.

Qualche dato significativo che fotografa la situazione attuale: oltre ai dipendenti assunti a tempo indeterminato, al momento sono impiegati 103 persone in regime di somministrazione e altri 280 stanno affrontando il periodo di formazione professionale in attesa di essere impiegati in relazione ai volumi di lavoro che verranno affidati dalle società committenti.

E per quanto concerne il fatto che negli ultimi mesi sono stati formati dei dipendenti nelle sedi che l’azienda possiede in Romania, la società di servizi, ha chiarito che la preoccupazione che possa essere rilocalizzato il servizio 187 è del tutto infondata: l’iniziativa è stata assunta per gestire l’esubero di chiamate che gli operatori di Ivrea e Olbia non riuscivano a smaltire. La commessa del 119, il servizio client di Tim, invece, è stata ulteriormente rinviata dal gestore telefonico. Sul tavolo del confronto è stato anche posto il problema della qualità della vita dei dipendenti, soprattutto nel reparto che si occupa di gestire l’utenza del 187. Su questo argomento l’azienda, a detta dei Cobas, ha annunciato che, a partire dal mese di settembre, valuterà diverse soluzioni per alleggerire l’applicazione dell’orario spezzato sulla commessa Wind.

I rappresentanti sindacali non sono molto convinti che la situazione generale possa cambiare in modo significativo e, per questa ragione, hanno deciso di mantere lo stato di agitazione sindacale, almeno fino a quando Comdata non assumerà “reali interventi per alleggerire il peso sui lavoratori del reparto Telecom, coinvolti da troppi mesi in situazioni di stress e di gestione sbagliata e ingiusta da parte dell’azienda”.

 

Dov'è successo?

04/08/2021 

Cronaca

Piemonte e Canavese: voucher scuola 2021-2022, la Regione ha finanziato oltre 41mila domande

La Regione Piemonte ha definito le graduatorie dei beneficiari ammessi al voucher scuola 2021-2022, il ticket […]

leggi tutto...

04/08/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: sale il numero di nuovi contagi. Oggi sono 257. Nessun decesso. 136 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 257 nuovi […]

leggi tutto...

04/08/2021 

Sanità

Canavese: un solo ricoverato per Covid in ospedale. Inoculate finora oltre 500 mila dosi di vaccino

È più che migliorata la situazione sanitaria per quanto concerne la diffusione dell’epidemia di Coronavirus sul […]

leggi tutto...

04/08/2021 

Cronaca

Aperto corso Piemonte nella zona industriale di Volpiano che sarà collegata con la SP 500 e la SP39

Nella zona industriale di Volpiano è stato aperto corso Piemonte, una nuova strada che permette il […]

leggi tutto...

04/08/2021 

Cronaca

Sinergia tra Arpa Piemonte e Arpa Liguria: nasce “Livestorm” l’App che segnala l’arrivo dei temporali

Arpa Piemonte e Arpa Liguria hanno messo a punto “Livestorm”, applicazione che permette di ricevere gli […]

leggi tutto...

04/08/2021 

Cronaca

Chivasso: i ragazzi giocarono a calcio in oratorio in zona rossa. Il parroco non pagherà la multa

Avrebbe dovuto pagare una sanzione di 533 euro per aver permesso ai ragazzi che frequentano la […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy