06/07/2015

Cultura

Il Canavese è la nuova capitale della musica alternativa

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

“La musica? Appartiene al tuo stile di vita, ti accompagna nei momenti salienti, ti fa incontrare gente, ti dà la carica o ti toglie la tensione, ti fa esprimere e comunicare con il pubblico”.

Parola di Daniele, 37 anni, funzionario commerciale di una nota azienda canavesana. Per lavoro gira il mondo, ma nel tempo libero toglie giacca e cravatta, indossa un paio di jeans e una maglietta e via, pronto a esibirsi in un concerto in giro per l’Italia.

Ettore, 27 anni, fa il volontario per conto del comune di Torino: si occupa di ragazzi disagiati: li segue, trova loro opportunità di praticare attività, di sentirsi diversamente normali. E sono tutti giovanissimi che hanno problemi mentali o fisici. Ha scoperto la musica quasi per caso e quasi per caso è entrato nella band “Fanali di Scorta” che si è esibita sabato scorso a Rivarolo al Keyco Music Festival organizzato dall’omonima società che ha sede a Favria.

L’incontro tra Daniele e Ettore ha avuto luogo qualche anno fa. I Fanali di Scorta prediligono il genere Freak&Roll. Daniele cercava un percussionista; per pura combinazione sente Ettore alla batteria e decide che fa al caso suo. Si sono esibiti tanti giovani alla manifestazione musicale ideata dall’imprenditore Fabrizio Rosboch, giunta alla seconda edizione.

Sono tempi duri anche per la musica: la crisi economica mette il pubblico di fronte a una scelta: “Spesso la gente sceglie di spendere i soldi per andare a sentire i grandi nomi. Un tempo non era così: anche lo stile e il repertorio che vengono considerati di nicchia avevano un seguito numeroso”. “Il limite di reddito causato dal crisi economica penalizza non poco i concerti delle band – sottolinea Ettore -. Partecipiamo a tanti concerti e festival, ma ci siamo resi conto che il pubblico è diminuito nonostante il prezzo d’ingresso sia più che accessibile”.

In ogni caso il Canavese sta diventando un polo alternativo a Torino per quanto riguarda la musica di genere. Una migrazione che impoverisce il panorama culturale torinese e arricchisce quello periferico. Spiega Daniele: “Ormai il genere musicale è omologato: i big suonano e cantano allo stesso modo. Noi abbiamo scelto, pur tra mille difficoltà, di seguire la nostra strada. E’ indubbiamente una scelta che ci procura molte più soddisfazioni personali”.

 

30/10/2020 

Cronaca

Casi Covid a Cuorgnè: sospesa l’attività in quattro sezioni in due scuole dell’Infanzia cittadine

A causa di un caso positivo di Covid, l’Asl ha chiuso quattro sezioni in due scuole […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Il Piemonte verso la didattica a distanza per le scuole superiori. Capienza ridotta per i mezzi pubblici

Una nuova ordinanza che contiene nuove norme per arginare il contagio anticovid nella Regione Piemonte: il […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: in forte risalita i nuovi contagi (+2719). In aumento anche i ricoveri in ospedale

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che alle 17,30 di oggi, venerdì 30 ottobre, […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Tigotà, azienda leader per l’igiene, dona migliaia di litri di sapone liquido alle Agenzie formative

Tigotà, società leader in Italia nella vendita di prodotti per la pulizia della casa, l’igiene della […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Sanità

Vaccino antinfluenzale in Canavese. L’Asl ai pazienti: “Non concentrate l’afflusso nei primi giorni”

Nell’ambito dell’Asl T04 anche quest’anno la vaccinazione antinfluenzale è effettuata dal proprio medico o pediatra di […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Castellamonte: odissea al “Pit Stop” per i tamponi. La testimonianza dell’ex sindaco Gabriele Francisca

Per trasformarsi da Città della Ceramica a Città del Drive In sono bastati pochi giorni. Giusto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy