21/08/2015

Economia

Discariche abusive a Cuorgnè: il sindaco Pezzetto dà sfogo al proprio sdegno

Cuorgnè

/
CONDIVIDI

E’ su Facebook che Beppe Pezzetto, sindaco di Cuorgnè, documenta con tanto di immagine fotografica, l’ennesimo atto di inciviltà compiuto da concittadini che non hanno nessun rispetto per la collettività. Da persona di spirito il primo cittadino posta la fotografia sul suo frofilo, accompagnata da commenti salaci per mimetizzare, almeno un po’, lo sdegno che le discariche abusive suscitano non solo begli amministratori ma anche in buona parte della cittadinanza.

L’immagine è significativa: rifiuti ingombranti, tra i quali fanno bella mostra di sé lastre di lamiera e un divano di ragguardevoli dimensioni, abbandonati in mezzo alla vegetazione ai bordi di una strada trafficata. Il fenomeno delle discariche abusive, negli ultimi anni, si è trasformata in una vera piaga che costringe le amministrazioni comunali a far lievitare i costi della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti ingombranti. Rivarolo e Castellamonte ne sono un esempio lampante.

Scrive il sindaco nel post pubblicato: “Pensieri in libertà: ora la butto sullo spiritoso, perché altrimenti dovrei dire di averne un po’ le scatole piene di correre dietro a cittadini che definire “maiali” pare riduttivo. La fotografia in allegato, che rappresenta quanto abbiamo trovato oggi in una via cittadina, non può essere assimilata ad una installazione d’arte contemporanea, escludendo una riedizione del Costanzo Show, e verificato che non fosse il mio divano, credo sia una rielaborazione un po’ spinta del concetto di open space, o un suggerimento per panchine più comode”.

L’operato della socieà che effettua il servizio di raccolta dei rifiuti è fuori discussione in questi momento. Il dato di fatto incontestabile è che il costo della rimozione e della bonifica delle discariche abusive che costellano il terriotrio canavesano, ricade sulle spalle di quei contribuenti che pagano regolarmente il servizio e si comportano più che correttamente.

E’ l’Italia dei furbi, di coloro che pensano soltanto ai loro comodi e che ostentano indifferenza nel causare danni, a volte irreversibili, anche all’ecoambiente. Conclude il sindaco Pezzetto: “Detto questo ricordo con molta calma, che il materiale ingombrante viene ritirato chiamando il numero verde 800.079.960. Se poi qualcuno avesse delle informazioni su questi concittadini così creativi e volesse comunicarmele, mi farebbe veramente piacere potermi complimentare personalmente per l’alto senso civico dimostrato”.

Dov'è successo?

20/04/2021 

Cronaca

La variante Lombardore-Salassa inserita nel Recovery Plan. Fava: “Dopo anni l’opera potrebbe essere realtà”

Importanti passi in avanti verso la realizzazione della tanto discussa e richiesta variante alla Sp460 Lombardore-Salassa. […]

leggi tutto...

20/04/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 988 nuovi casi e 31 decessi. Ancora in calo i ricoveri in terapia intensiva

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, martedì 20 aprile, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

20/04/2021 

Sanità

Primo caso di variante sudafricana in Piemonte in un paziente che ha fatto il tampone a Chivasso

Primo caso di variante sudafricana del Covid in Piemonte. Le analisi eseguite nei laboratori del Centro […]

leggi tutto...

20/04/2021 

Cronaca

Aperitivi negazionisti alla “Torteria” di Chivasso. Marocco: “La politica tuteli chi rispetta la legge”

“Siamo tutti convinti che si debba poter lavorare per far vivere le nostre città anche attraverso […]

leggi tutto...

20/04/2021 

Cronaca

Spaccio di droga a Rivarolo Canavese: la polizia arresta tre persone in un alloggio del centro cittadino

Nel pomeriggio di venerdì 16 aprile, nel corso di un’operazione di polizia finalizzata al contrasto della […]

leggi tutto...

20/04/2021 

Cronaca

Eporediese: carne mal conservata in macelleria. I carabinieri del Nas denunciano il titolare

I carabinieri del Nas di Torino hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria il titolare di una […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy