26/05/2020

Cronaca

La polizia scopre un laboratorio tessile abusivo dove si confezionavano camici e mascherine

CONDIVIDI

Come molte attività imprenditoriali, anche i laboratori abusivi hanno riconvertito la loro produzione per realizzare facili guadagni cavalcando l’attuale emergenza sanitaria. E’ cosi che un opificio per la produzione di maglieria, con tre dipendenti regolarmente assunti, si trasforma in un laboratorio tessile che impiega 16 lavoratori in nero per la produzione di camici monouso e mascherine.

La scoperta ha avuto luogo in corso Vercelli a Torino. Alcuni giorni fa, gli agenti della locale Divisione Polizia Amministrativa, hanno effettuato un servizio di controllo nel capannone, volto alla verifica del rispetto della normativa sui luoghi di lavoro e dell’osservanza delle vigenti disposizioni per l’emergenza Covid-19. Al momento dell’ingresso degli operatori di Polizia, gli agenti hanno trovato 16 operai di nazionalità cinese intenti a confezionare camici e kit monouso insieme al titolare dell’attività, un cittadino cinese di 45 anni, e a figlio diciottenne.

Il locale si sviluppa su una superficie di oltre mille metri quadrati e consta di diverse postazioni di lavoro, con macchine da cucire, tagliatrici, bottonatrici, stiratrici dove lavoravano incessantemente gli operai. Il tutto era in conto lavorazione per una ditta di Cuneo che aveva fornito la materia prima per la realizzazione dei kit.

I tre dipendenti regolarmente assunti non erano presenti, mentre alcuni tra i 16 operai in nero, provenienti dalla provincia di Milano, erano stati chiamati proprio per rispondere all’eccezionale richiesta di camici e mascherine. Due di loro erano inoltre privi del permesso di soggiorno in Italia, pertanto irregolari sul territorio nazionale.  In merito al rispetto della normativa sui luoghi di lavoro, è risultato mancante il documento di valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro; assenti, inoltre, gli estintori, sebbene fossero presenti le rispettive postazioni, segnalate dall’apposita cartellonistica antincendio.

Per il cittadino cinese di 45 anni, già noto per violazioni sulla normativa a tutela del lavoro, è scattata la denuncia per omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro; per aver occupato alle proprie dipendenze lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno previsto; per omissione della valutazione dei rischi e l’adozione del relativo documento e infine per non aver provveduto alla salute e sicurezza del luogo di lavoro.

22/09/2021 

Cronaca

Canavese: in farmacia prenotazioni ambulatoriali, ritiro dei referti e pagamento ticket

Nei prossimi giorni in 1.600 farmacie piemontesi sarà possibile prenotare le prestazioni ambulatoriali attraverso il Cup […]

leggi tutto...

22/09/2021 

Sanità

Covid in Piemonte, monitoraggio nelle scuole in tutta la regione: 4 focolai e 74 classi in quarantena

Sono ad oggi 4 i focolai di Covid nelle scuole del Piemonte: uno in un nido […]

leggi tutto...

22/09/2021 

Cronaca

Partono i lavori per allargare la strada provinciale 1 “delle Valli di Lanzo” in frazione Voragno a Ceres

Proseguono gli interventi in sinergia tra Città metropolitana di Torino e le due Unioni Montane presenti […]

leggi tutto...

22/09/2021 

Cronaca

Ivrea: incidente sulla Torino-Aosta. Camper si ribalta in mezzo alla strada. Due i feriti

Ha perso in controllo, per cause in via di accertamento, del camper che stava guidando e […]

leggi tutto...

22/09/2021 

Cronaca

Rocca Canavese: i carabinieri sequestrano armi detenute illegalmente. Due arresti

A Rocca Canavese e Nole, i carabinieri della Stazione di Leinì, in collaborazione con i colleghi […]

leggi tutto...

21/09/2021 

Cronaca

Rivarolo-Oglianico in lutto per la morte, a 53 anni, di Carmen Rubino volontaria di “One World Onlus”

Ha combattuto fino allo stremo contro il male incurabile che l’aveva aggredita. E lo ha fatto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy