10/07/2015

Cronaca

Chivasso, la sala d’attesa del pronto soccorso è vicina al collasso

Chivasso

/
CONDIVIDI

Una sala d’attesa angusta, stretta tra la cappella dell’ospedale e il corridoio che conduce al reparto cure palliative e ad alcuni ambulatori. Una sala che può al massimo accogliere una ventina di persone e dove si ammassano decine e decine di parenti di coloro che sono costretti a ricorrere alle cure mediche. La ventilazione (insufficiente) è garantita da due ventilatori rotanti assicurati al soffito ma in queste giornate di caldo torrido, il disagio, creato dal sovraffollamento, è maggiormente percepibile e l’aria e quasi irrespirabile.

E’ la sala d’attesa del nuovo pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso che fa parte della rete dell’Asl TO4. La sistemazione doveva essere provvisoria in attesa che si completasse la nuova piastra ospedaliera che ospiterà oltre al nuovo pronto soccorso (già potenziato e pienamente operativo), anche la rianimazione e terapia intensiva, reparti di degenza, e una nuova sala di attesa, decisamente più capiente e confortevole. Sta di fatto che da oltre un anno pazienti e parenti devono convivere in pochi metri quadrati con le problematiche che si possono facilmente immaginare.

E tra la folla, i barellieri del 118, impegnati 24 ore su 24, devono fendere la calca per trasportare gli ammalati che necessitano di cure urgenti. E ancora: le ambulanze sono costrette a salire e scendere le rampe dell’ingresso dell’ospedale dove transitano continuamente centinaia di persone.

Doveva essere un disagio temporaneo ma i tempi si sono dilatati oltre il consentito. E’ inimmaginabile che una struttura sanitaria articolata come quella dell’ospedale chivassese (che deve servire oltre 300mila utenti), più volte rimaneggiata e oggetto di ampliamenti che sono costati svariati milioni di euro, debba penalizzare in questo modo quanti si recano in ospedale.

C’è anche da dire che, nonostante l’ampliamento e la realizzazione di nuove sale mediche del pronto soccorso, i pazienti continuano a sostare nei corridoi sulle barelle, in attesa di venire visitati (a seconda del codice assegnato dal triage) o di essere sottoposti agli esami prescritti dai sanitari.

E’ evidente che situazione sta gradualmente divenendo insostenibile e, in un certo senso, rende maggiormente più difficoltoso il lavoro di medici e infermieri e la permanenza dei pazienti.

Dov'è successo?

11/04/2021 

Cronaca

Chiesanuova: cade dalla motocicletta mentre corre tra i boschi. 22enne salvato dal Soccorso Alpino

Stava percorrendo in sella alla sua motocicletta la strada tortuosa e stretta che da località Belice […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Sanità

Emergenza Covid in Piemonte: oggi, domenica 11 aprile, 1.372 nuovi casi e 13 decessi. 1.660 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle ore 16,00 di oggi, domenica 11 aprile, l’Unità di […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Cronaca

Rivarolo, il sindaco Rostagno: “Il padre non aveva più fatto seguire dal Ciss 38 il figlio disabile”

È visibilmente provato il sindaco di Rivarolo Alberto Rostagno. Questa mattina, alle 7,00, si è recato […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Cronaca

Omicidio a Rivarolo: procura e carabinieri indagano a tutto campo. La città sconvolta, si interroga

Nella mattina uggiosa di oggi, domenica 11 aprile, Rivarolo si è svegliata nella morsa di un […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Sanità

Emergenza Coronavirus: due nuovi centri vaccinali anti-Covid a Volpiano e San Benigno Canavese

Sabato 10 aprile a Volpiano sono entrati in funzione due centri vaccinali locali, nella sala polivalente […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Sanità

Covid: da lunedì 12 aprile la provincia di Torino tornerà in zona arancione. Riaprono i negozi e scuole

Gli esperti e gli epidemiologi dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, convocati per le 13,00 di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy