10/07/2015

Cronaca

Chivasso, la sala d’attesa del pronto soccorso è vicina al collasso

Chivasso

/
CONDIVIDI

Una sala d’attesa angusta, stretta tra la cappella dell’ospedale e il corridoio che conduce al reparto cure palliative e ad alcuni ambulatori. Una sala che può al massimo accogliere una ventina di persone e dove si ammassano decine e decine di parenti di coloro che sono costretti a ricorrere alle cure mediche. La ventilazione (insufficiente) è garantita da due ventilatori rotanti assicurati al soffito ma in queste giornate di caldo torrido, il disagio, creato dal sovraffollamento, è maggiormente percepibile e l’aria e quasi irrespirabile.

E’ la sala d’attesa del nuovo pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso che fa parte della rete dell’Asl TO4. La sistemazione doveva essere provvisoria in attesa che si completasse la nuova piastra ospedaliera che ospiterà oltre al nuovo pronto soccorso (già potenziato e pienamente operativo), anche la rianimazione e terapia intensiva, reparti di degenza, e una nuova sala di attesa, decisamente più capiente e confortevole. Sta di fatto che da oltre un anno pazienti e parenti devono convivere in pochi metri quadrati con le problematiche che si possono facilmente immaginare.

E tra la folla, i barellieri del 118, impegnati 24 ore su 24, devono fendere la calca per trasportare gli ammalati che necessitano di cure urgenti. E ancora: le ambulanze sono costrette a salire e scendere le rampe dell’ingresso dell’ospedale dove transitano continuamente centinaia di persone.

Doveva essere un disagio temporaneo ma i tempi si sono dilatati oltre il consentito. E’ inimmaginabile che una struttura sanitaria articolata come quella dell’ospedale chivassese (che deve servire oltre 300mila utenti), più volte rimaneggiata e oggetto di ampliamenti che sono costati svariati milioni di euro, debba penalizzare in questo modo quanti si recano in ospedale.

C’è anche da dire che, nonostante l’ampliamento e la realizzazione di nuove sale mediche del pronto soccorso, i pazienti continuano a sostare nei corridoi sulle barelle, in attesa di venire visitati (a seconda del codice assegnato dal triage) o di essere sottoposti agli esami prescritti dai sanitari.

E’ evidente che situazione sta gradualmente divenendo insostenibile e, in un certo senso, rende maggiormente più difficoltoso il lavoro di medici e infermieri e la permanenza dei pazienti.

Dov'è successo?

21/06/2021 

Cronaca

Tragedia ferroviaria: treno travolge e investe un uomo sulla Rivarolo-Chieri. Vani i soccorsi

La giornata di ieri, domenica 20 giugno è stata funestata da un incidente ferroviario che è […]

leggi tutto...

21/06/2021 

Cronaca

Canavese, si contano i danni. Leone (Lega): “Valuteremo se chiedere lo stato di calamità”

L’Arpa Piemonte aveva segnalato nei giorni scorsi una allerta meteo per il Canavese che è stato […]

leggi tutto...

21/06/2021 

Cronaca

Nubifragio in Canavese: a Favria evacuate tre famiglie e 2mila metri quadrati di serre distrutte

I danni provocati dal violento nubifragio che ieri, domenica 20 giugno, ha letteralmente spazzato diversi dell’Alto […]

leggi tutto...

20/06/2021 

Sport

Volley: le giovani atlete della Balamunt Under 14, campionesse ai play off regionali Uisp 2020/2021

Domenica scorsa 13 giugno 2021, preso il centro polivalente di Villafranca Piemonte, le ragazze Under 14 […]

leggi tutto...

20/06/2021 

Cronaca

Rivarolo: “centauro” cade dalla moto in corso Indipendenza. Trasportato in eliambulanza al Cto

È caduto, per cause ancora in via di accertamento dalla motocicletta sulla quale stava viaggiando ed […]

leggi tutto...

20/06/2021 

Cronaca

Nubifragio sul Canavese. Case scoperchiate e alberi abbattuti dal vento a Ozegna, Favria e Rivarolo

Un violento nubifragio si è abbattuto nel pomeriggio di oggi, domenica 20 giugno, sul Canavese causando […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy