03/10/2015

Cronaca

Caselle, il passeggero inventò l’allarme bomba per una ripicca

Caselle

/
CONDIVIDI

Non c’è matassa che non si possa sbrogliare. E così anche per la vicenda originata dal falso allarme bomba che nella serata di mercoledì scorso ha costretto l’aereo dell’Alitalia in partenza alle ore 21,00 per Roma Fiumicino a interrompere il rullaggio. L’autore della telefonata effettuata è stato denunciato per procurato allarme. La polizia aeroportuale ha ricostruito l’esatta dinamica della vicenda che ha fatto vivere a centinaia di passeggeri autentici attimi di terrore.

All’inizio si era pensato che il passeggero avesse telefonato al 113 affermando che a bordo del veicolo era presente una bomba perché era in ritardo e temeva di perdere il volo. In realtà ha agito per ripicca nei confronti della Compagnia aerea. Il motivo? Il passeggero era giunto all’aeroporto “Sandro Pertini” in notevole anticipo pensando di poter salire a bordo del volo che decollava alle 19,00 ma aveva prenotato quello delle 21,00. L’uomo aveva insistito per poter anticipare la partenza e, quando si è reso conto che non era assolutamente possibile è scattata la ripicca. Nell’effettuare la telefonata anonima alla polizia aveva affermato di aver sentito dire a due arabi presenti nello scalo che a bordo di quell’aereo, l’ultimo della giornata in partenza per la capitale, c’era una bomba. Subito è scattato l’allarme. L’aereo ha interrotto il rullaggio mentre le forze dell’ordine hanno provveduto a far sgomberare i passeggeri. Gli accurati controlli effettuati non hanno rivelato la presenza di alcun ordigno.

Dopo aver trascorso la notte al posto di polizia, il passeggero è ripartito il mattino dopo per Palermo dove aveva un appuntamento di lavoro. Sembra che non sia nuovo a episodi di questo genere. L’aereo è ripartito per Roma con oltre due ore di ritardo. L’autore del falso allarma e, oltre ad essere denunciato è stato segnalato al Ministero dei Trasporti e all’Alitalia: con ogni probabilità il suo nome finirà nella lista dei viaggiatori indesiderati.

27/10/2020 

Cronaca

Guerriglia urbana a Torino, il presidente Cirio: “Pene esemplari per i delinquenti”

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio stigmatizza le violenze che hanno caratterizzato una delle manifestazioni […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Caluso: dopo la madre è morto anche il bimbo di 5 anni coinvolto in un tragico incidente stradale

E’ morto nella mattinata di ieri, lunedì 26 ottobre, il bambino di 5 anni vittima di […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Sanità

Coronavirus: balzo in avanti del contagio. +2.458 casi positivi. 13 i morti a causa del Covid-19

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che, alle 19,30 di oggi, martedì 27 ottobre, […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Covid-19 a Volpiano, chiusi l’ufficio anagrafe e l’asilo nido comunale per la presenza di casi positivi

L’ufficio Anagrafe del Comune di Volpiano è chiuso al pubblico da oggi, martedì 27 ottobre, fino […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Ivrea: titolare di una piadineria multato di 400 euro per aver servito un cliente dopo le 18

Sanzione di 400 euro per aver servito una piadina a un cliente dopo le ore 18,00. […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Nole, svaligiava le cassette delle offerte dei fedeli in chiesta. Arrestato dai carabinieri nomade 24enne

Lo hanno pedinato per parecchio tempo e alla fine i carabinieri lo hanno colto con le […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy