16/04/2018

Economia

Canavese: a cinque comuni montani i fondi statali per sostenere e incentivare il commercio locale

CONDIVIDI

Venticinquemila euro per incentivare le attività commerciali nei comuni a rischio desertificazione: a beneficiare dello stanziamento proveniente dal riparto del Fondo Nazionale per la Montagna. Tra i comuni i graduatoria sono stati ammessi al finanziamento Ribordone, Chiesanuova, Ingria, Borgiallo e Levone. Le tipologie di intervento previste sono le seguenti: erogazione di incentivi agli esercizi commerciali, il mantenimento e l’ampliamento dell’offerta anche in forma di multiservizi e i servizi di consegna a domicilio nelle località dove sono assenti per rispondere alle esigenze della popolazione locale in particolare di quella residente nelle frazioni dei comuni montani. La lotta alla graduale desertificazione delle aree montane canavesane e piemontesi è uno degli obiettivi primari che l’Uncem si è imposta di concretizzare: per questa ragione l’erogazione degli stanziamenti da parte del Ministero per gli Affari Regionali è stata salutata con estremo favore.

“Compra in valle, la montagna vivrà”: è il claim con il quale l’Uncem si è prefissa lo scopo di sostenere il commercio nelle terre alte perchè è intorno agli esercizio commerciali che ruota una parte essenziale della vita sociale delle comunità. Spiega Enrico Borghi, deputato e presidente dell’Uncem: “Dare alla montagna nuovi strumenti per generare impresa e valore è fondamentale. Il fondo di 20 milioni di euro può aiutare gli Enti locali a garantire migliori servizi e a fermare l’abbandono e lo spopolamento nelle aree interne. Dobbiamo anche avviare un lavoro intenso, con le istituzioni centrali e le Regioni, per una fiscalità peculiare e specifica nelle aree montane. Lavoreremo a una legge che affronti il tema, con concretezza e senza demagogia, rappresentando la complessità dei territori italiani. La desertificazione e la carenza di servizi sono emergenze non solo per i borghi e per i piccoli Comuni interessati, bensì per l’intera collettività, per l’Italia. Le politiche devono tenere conto dei processi sociali ed economici dei territori, orientando scelte specifiche che riducano le sperequazioni tra aree urbane e aree interne del Paese, generando coesione e crescita”.

Dov'è successo?

25/06/2022 

Cronaca

Chivasso: dopo essere diventato il re dei social, a Khaby Lame la cittadinanza italiana

Vive a Chivasso da oltre vent’anni, è diventato grazie al suo intuito e alla sua abilità […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Cronaca

Pont Canavese: escursionista precipita per venti metri nella strada ferrata e finisce al Cto

Un altro incidente in montagna e più precisamente sulla strada ferrata di Pont Canavese. Protagonista dell’incidente, […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Eventi

San Francesco al Campo, il presidente della Regione Cirio visita il “Velodromo Francone”

Venerdì 24 giugno il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha visitato il “Velodromo Francone” di […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: domani, domenica 26 giugno, torna l’instabilità in Piemonte e Canavese

Queste le previsioni del tempo per domani, domenica 26 giugno, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Al […]

leggi tutto...

24/06/2022 

Economia

Caselle, l’aeroporto è stato premiato, nella sua categoria, come il migliore in Europa

Torino Airport vince il primo premio come Best European Airport nella sua categoria in occasione della […]

leggi tutto...

24/06/2022 

Cronaca

Inaugurati al Movicentro di Venaria i “Bike Box” finanziati dalla Città Metropolitana di Torino

A Venaria sono a disposizione 6 spazi, ognuno dei quali può contenere due biciclette. L’iniziativa è […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy