06/02/2024

Economia

Canavese, agricoltori e allevatori scendono in strada: “L’Europa uccide il nostro futuro”

Pavone

/
CONDIVIDI

Canavese, agricoltori e allevatori scendono in strada: “L’Europa uccide il nostro futuro”

Gli agricoltori canavesani scendono in strada per protestare contro la politica europea che penalizza, a quanto sostengono, l’economia agricola e gli allevamenti. A Torino, in strada Moncalieri, decine e decine di agricoltori e allevatori, provenienti da tutto il Piemonte e dal Canavese a bordo di numerosi trattori, stanno inscenando una protesta che si protrarrà fino a venerdì.

L’iniziativa è nata da comitati spontanei guidati dalla sola passione per il lavoro, agricolo ma dopo anni di crisi la passione per l’agricoltura e l’allevamento non è più sufficiente a sostenere economicamente le aziende agricole italiane.

“Non chiediamo più sussidi europei o maggiori agevolazioni, ma la possibilità di vendere il nostro prodotto al giusto prezzo che ci permetta di coprire i costi di produzione e sopravvivere agli aumenti dei costi necessari a mandare avanti le nostre aziende – spiega Morena Adda, titolare dell’azienda agricola “La Cascinassa” di Pavone che ha aderito insieme a molti altri all’iniziativa, come hanno anche fatto Marco Bigio di Chiaverano, Matteo Detragiache di Perosa Canavese, i fratelli Robiola di Vallo e Massimo Gauna di Bollengo -. L’ Unione Europea impone agli agricoltori europei di rispettare limiti e di coltivare in modo sostenibile. Gli agricoltori devono sostenere però costi e burocrazia neanche lontanamente paragonabili a quelli di paesi come stati uniti , brasile e argentina con i quali dobbiamo confrontarci per quanto riguarda la concorrenza, una concorrenza decisamente sleale”.

Spiega ancora Morena Adda: “Costringere i nostri agricoltori a lasciare incolti i nostri campi, nonostante vengano promessi indennizzi economici, è un paradosso in quanto non risolve il problema inquinamento perché tutti i cereali di cui abbisogna la filiera italiana dovranno essere importati da altri paesi rendendoci ancora più schiavi, e imponendo costi per il trasporto sia in termini economici che ambientali e facilitando la sostituzione dei piccoli agricoltori da parte di multinazionali che non ridistribuiscono sul territorio gli utili e pagano le tasse in paradisi fiscali”.

A giudizio dei manifestanti qualunque misura il governo o l’unione europea intenda adottare nel prossimo futuro, non deve alimentare ulteriore burocrazia ma tenere conto degli agricoltori e non di tutti i soggetti che lucrano su di loro.

25/02/2024 

Cronaca

Strambinello: il nuovo “Ponte Preti” sarà in acciaio e non in muratura. Il costo? 24 milioni di euro

Entro la fine del 2025, prenderanno il via i lavori per la costruzione del nuovo Ponte […]

leggi tutto...

25/02/2024 

Cronaca

Chivasso: martedì l’autopsia sul calciatore di 12 anni morto dopo tre accessi al pronto soccorso

Martedì 27 febbraio sarà eseguita l’autopsia sul corpo di Andrea Vincenzi, il dodicenne di Castiglione Torinese […]

leggi tutto...

25/02/2024 

Cronaca

Chivasso: morta per le ustioni riportate nell’incendio. Martedì 27 i funerali di Simona Pivetta

Martedì 27 febbraio alle 15.30, si terranno i funerali di Simona Pivetta, la donna di 72 […]

leggi tutto...

25/02/2024 

Economia

Economia: la Regione Piemonte proroga la concessione dei contributi alle imprese per le fiere espositive

La Regione Piemonte ha annunciato la proroga della Misura di concessione di un contributo a fondo […]

leggi tutto...

24/02/2024 

Cronaca

Locana, donna di 70 anni cade nel torrente Orco. Evitato il dramma grazie ad alcuni passanti

Una donna settantenne di Locana, nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 23 febbraio è caduta accidentalmente […]

leggi tutto...

24/02/2024 

Cronaca

Levone: inaugurato il nuovo mezzo spazzaneve ottenuto grazie all’impegno di Mauro di Fava (FI)

Il sindaco di Levone, Massimiliano Gagnor, insieme al consigliere regionale Mauro Fava e al presidente federazione […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy