02/03/2024

Cronaca

Canavese: acqua contaminata da Pfas: esposto in procura di Legambiente per accertare le responsabilità

Ivrea

/
CONDIVIDI

Greenpeace Italia denuncia la contaminazione da PFAS nelle acque potabili del Piemonte e chiede l’intervento della magistratura. L’organizzazione ambientalista ha presentato degli esposti presso le procure di Torino, Ivrea, Alessandria e Novara, dove sono state rilevate concentrazioni di sostanze poli e perfluoroalchiliche (PFAS) superiori ai limiti di sicurezza. Le PFAS sono composti chimici persistenti e tossici, associati a diversi problemi di salute, come il cancro, l’infertilità e il diabete.

Greenpeace Italia accusa la Regione Piemonte, il massimo organo sanitario, di non essere a conoscenza dell’operato delle proprie agenzie o di nascondere le informazioni agli enti e ai cittadini. “I nostri esposti confermano quanto la situazione PFAS in Piemonte sia fuori controllo. La Regione sembra non essere a conoscenza dell’operato delle proprie agenzie o si macchia di un reato per non rispondere alle istanze di Greenpeace. Tutto questo è inaccettabile”, dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace Italia.

L’organizzazione ambientalista chiede alla magistratura di prendere tutti i provvedimenti cautelari del caso per impedire che si continui a somministrare alla popolazione acque contenenti PFAS e per verificare se sussistano le condizioni per ipotizzare i reati di disastro ambientale o innominato, e per omissione di atti d’ufficio conseguente il mancato rispetto della normativa sull’accesso agli atti.

“Chiediamo alla magistratura di indagare perché finora chi dovrebbe garantire la sicurezza della cittadinanza si è limitato a cercare di sminuire il problema, sostenendo che i valori rilevati da Greenpeace sono nella norma. Il punto è che i limiti attuali ci espongono a dosi pericolose di queste sostanze. Esiste, infatti, un evidente scollamento tra le preoccupazioni della comunità scientifica e il limite imposto dalle norme europee, pari a 100 nanogrammi per litro per la somma di 24 molecole, che entrerà in vigore solo nel 2026”, conclude Ungherese.

Greenpeace Italia sollecita anche la Città metropolitana di Torino a chiarire alcuni aspetti riguardanti i dati consegnati dall’ente gestore del servizio idrico Smat, che mostrano una presenza di PFAS in alcuni comuni della provincia torinese.

L’organizzazione ambientalista chiede inoltre che vengano resi pubblici i dati relativi alle fonti di inquinamento da PFAS nel territorio piemontese e che vengano adottate misure urgenti per eliminare le emissioni di queste sostanze.

15/04/2024 

Sport

Ozegna: grande partecipazione al primo stage di difesa personale organizzato dall’Usic

Nella mattinata di ieri, domenica 14 aprile, all’interno del palazzetto dello sport del comune di Ozegna, […]

leggi tutto...

15/04/2024 

Cronaca

Previsioni del tempo: dopo l’assaggio estivo, da domani, martedì 16 aprile ritorna la pioggia

Queste le previsioni del tempo per domani, martedì 16 aprile, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Al […]

leggi tutto...

14/04/2024 

Cronaca

Dopo lo scontro con Masina durante il Derby della Mole, il portiere della Juve Szczesny operato a Chivasso

In un drammatico episodio avvenuto durante gli ultimi istanti del derby della Mole, il portiere della […]

leggi tutto...

14/04/2024 

Cronaca

Rivarolo-Pont Canavese: in vista della riapertura soppressi i passaggi a livello e due stazioni

Entro la fine dell’anno si aprirà un nuovo capitolo per la ferrovia Rivarolo-Pont: incontri cruciali tra […]

leggi tutto...

14/04/2024 

Cronaca

Chivasso: sfonda la vetrina di un negozio di abbigliamento per rubare delle scarpe. Arrestato

Dopo aver effettuato un furto notturno, un uomo di 31 anni è stato arrestato per aver […]

leggi tutto...

13/04/2024 

Politica

Mossa a sorpresa del Pd: l’eporediese Mauro Salizzoni sarà capolista del Pd alle prossime regionali

In una mossa strategica che segna una svolta significativa nel panorama politico regionale, il Partito Democratico […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy