27/06/2019

Sanità

E’ caldo torrido anche nei reparti degli ospedali dell’Asl T04. Il Nursind: “Gravi rischi per i pazienti”

Ivrea

/
CONDIVIDI

L’ondata di caldo torrido mette a rischio la salute dei pazienti nei reparti di degenza degli ospedali dell’Asl T04 a causa della crenza di climatizzatori che mitihì+ghino gli effetti di queste roventi giornate. A denunciare questa situazione giunta ai limiti dell’insostenibile è il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche che parla di “grave inadempienza climatica”.

“Abbiamo effettuato alcune rilevazioni della temperatura e in alcuni servizi e reparti di degenza si arriva a superare una temperatura ambientale di 34°. Secondo il testo unico della sicurezza sul lavoro la temperatura ottimale è indicata fra i 19 e i 26 gradi ed è preciso obbligo del datore di lavoro la tutela della salute di operatore e pazienti, assicurando nei locali un microclima idoneo – spiega Giuseppe Summa, segretario provinciale del sindacato autonomo Nursind -. Molti servizi sono sprovvisti di condizionatori e quei pochi presenti sono vecchi e malfunzionanti. Vogliamo ricordare che queste condizioni aumentano notevolmente il carico di lavoro oltre al rischio di complicanze per i pazienti. E’ evidente la necessità di una maggiore igiene, maggior ricambio della biancheria, maggior idratazione in particolare per i pazienti anziani, senza voler parlare degli stati febbrili, medicazioni e altro”.

La problematica non è nuova: il segretario provinciale sottolinea come le segnalazioni siano effettuate ogni anno senza che, però, l’azienda assuma le opportune iniziative per garantire una migliore condizioni di vivibilità sia per i degenti e sia per gli operatori sanitari.

“Facciamo notare inoltre che anche i farmaci, pena un loro deterioramento dovrebbero essere conservati ad una temperatura adeguata. Siamo costretti pertanto, dopo numerose segnalazione e in assenza di interventi da parte dell’azienda, a rivolgerci nuovamente alle autorità competenti per tutelare un diritto – conclude Giuseppe Summa -. Abbiamo scritto allo Spresal competente per territorio e all’Ispettorato del lavoro affinché verifichino se sussistono le condizioni climatiche adeguate per operatori e degenti. Prendiamo atto ancora una volta di quanto l’azienda sia inadempiente in termini strategici rispetto alla tutela dell’operato dei lavoratori e di conseguenza della tutela della salute dei cittadini ricoverati presso i nostri ospedali”.

27/02/2024 

Cronaca

Neonato abbandonato tra i rifiuti a Villanova Canavese. Una famiglia si occuperà di Lorenzo

In una fredda sera dello scorso mese di gennaio, una scena toccante ha avuto luogo nelle […]

leggi tutto...

27/02/2024 

Economia

Il Duc di Chivasso porta il commercio nelle scuole. Al via il primo laboratorio di educazione ai consumi

Si concluderà nel mese il marzo il progetto formativo voluto da Comune di Chivasso e Ascom […]

leggi tutto...

27/02/2024 

Cronaca

Attimi di terrore a Bajo Dora per la caduta di massi dal fianco della montagna. Nessun ferito

Attimi di apprensione hanno scosso la tranquillità di Bajo Dora nella tarda serata di ieri, lunedì […]

leggi tutto...

27/02/2024 

Economia

Ivrea, grazie a C.Next rinascono le Officine Ico, dichiarate dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”

In una riunione tenutasi nella mattinata di ieri, lunedì 26 febbraio, il management di C.Next Ivrea […]

leggi tutto...

27/02/2024 

Cronaca

Previsioni meteo: domani, mercoledì 28 febbraio, ancora pioggia, acquazzoni e neve a bassa quota

Queste le previsioni del tempo per domani, mercoledì 28 febbraio, elaborate dal Centro Meteo Italiano: AL […]

leggi tutto...

26/02/2024 

Cronaca

Caselle, nuovi voli Ryanair per Reggio Calabria e Crotone. Torino è collegata con tutti gli scali calabresi

Si amplia il network di destinazioni di Torino Airport per la stagione estiva 2024: lo scalo […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy