18/09/2015

Cronaca

Ivrea, l’Asl TO4 non chiuderà il reparto di oncologia

Ivrea

/
CONDIVIDI

Il reparto di oncologia dell’ospedale di Ivrea non chiuderà. La petizione popolare che ha raccolto oltre ventimila firme ha conseguito il risultato sperato ed è stata recepita del direttore generale dell’Asl TO4 di Ivrea-Ciriè-Chivasso. Il nuovo piano aziendale sanitario è stato presentato nella giornata di ieri ai 180 sindaci del territorio di riferimento che conta oltre trecentomila utenti. Si tratta di una riorganizzazione che deve necessariamente tenere conto delle direttive imposte dall’assessorato alla Sanità della Regione Piemonte.

In definitiva la struttura complessa di oncologia rimarrà in funzione così come la sala di emodinamica rimarrà il punto di riferimento, 24 ore su 24, per tutto il territorio canavesano. La direzione generale dell’azienda sanitaria presenterà il nuovo piano di riorganizzazione in Regione. Il general manager Lorenzo Ardissone si è detto certo di aver rispettato tutti gli impegni economici e i paletti che l’assessorato alla Sanità ha imposto per rispettare l’equilibrio di bilancio. Novità (non troppo positiva) per quanto concerne la nefrologia che prevede un solo primario per tutta l’Asl.

Lo scambio tra i vari ospedali di competenze e servizi servirà, invece, a mantenere inalterati i servizi, tanto che anche il nosocomio di Lanzo non subirà, com’era stato paventato nel passato, nessuna penalizzazione, salvaguardando in questo modo le esigenze della popolazione della Valle. Entro la fine del corrente mese di settembre la giunta regionale dovrà esprimersi sul piano che sarà presentato lunedì al competente assessorato.

La speranza è che tutto vada per il meglio e che non vengano richieste modifiche significative. A rischio potrebbe essere il servizio di emodinamica: attualmente le sale attive sono due e si trovano a Ciriè e a Ivrea mentre inizialmente ne era prevista una sola. Se la direzione dovesse essere chiamata scegliere quale delle due mantenere in servizio quasi certamente la scelta cadrebbe sull’ospedale di Ciriè che è anche provvisto di una struttura complessa di cardiologia diretta da un primario.

Dov'è successo?

26/10/2020 

Sanità

L’Asl T04 allestisce altri due punti di accesso diretto per i tamponi e ricerca luoghi idonei

L’Asl T04 sta valutando per l’attivazione di due nuovi Punti di accesso diretto per l’esecuzione di […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Cronaca

La sindaca di Settimo Elena Piastra positiva al Covid. L’appello sui social: “Non abbassiamo la guardia”

Elena Piastra, sindaco di Settimo Torinese, è risultata positiva al Coronavirus. È stata l’amministratrice a dare […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: l’epidemia continua la sua corsa. Nelle ultime 24 ore + 1.625 casi positivi

Alle 17,30 di oggi, lunedì 26 ottobre, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Cronaca

Ivrea: di notte sul tetto di un’autovettura inveisce contro l’ex titolare. 33enne arrestato dalla polizia

La scorsa notte gli agenti del commissariato Ivrea e Banchette hanno ricevuto la segnalazione di un […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Cronaca

Emergenza Covid, il governatore Cirio: “Manteniamo mascherina e distanziamento sociale”

Commentando il Dpcm appena emanato dal Governo, il presidente della Regione Alberto Cirio dichiara che “siamo […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Cronaca

Incidente sul raccordo Torino-Caselle. Auto investe operaio dell’Anas. Il ferito trasportato al Cto

Un operaio dipendente dell’Anas è stato investito da una Fiat 500 in transito sul raccordo autostradale […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy