23/12/2015

Cronaca

IL PUNTO: Ai funerali di Laura “Lalla” Olivetti, l’imbarazzante assenza di gran parte della città

Ivrea

/
CONDIVIDI

L’hanno pensato in molti ma in pochi lo hanno detto. Sta di fatto che ai funerali di Laura “Lalla” Olivetti, scomparsa prematuramente all’età di 64 anni a causa di una grave malattia che in tre anni l’ha consumata, sarebbe stato lecito attendersi una partecipazione decisamente più massiccia. E non solo perché Laura Olivetti era l’ultimogenita del grande e geniale Adriano che fu l’artefice, per alcuni decenni della fortuna di una città e di un intero territorio, ma perché è stata una ambasciatrice canavesana nell’esclusivo e complesso mondo della cultura sociale internazionale. Sarà forse l’effetto dell’inevitabile ricambio generazionale, ma sta di fatto che la città ha mostrato una certa e imbarazzante indifferenza e disaffezione.

Eppure Laura Olivetti ha portato, seppure in ambienti diversi da quelli frequentati dal padre, il nome di Ivrea nel mondo, grazie alla sua cultura, alla sua preparazione, alla sua partecipazione a grandi iniziative umanitarie e sociali. E’ il segno di una Ivrea che è cambiata? E’ innegabile che la graduale scomparsa dell’azienda dal territorio eporediese e canavesano, ha in qualche modo contribuito a troncare l’imprescindibile rapporto tra l’azienda e gli eporediesi. Nulla da eccepire sulla solennità che le istituzioni hanno dato alla scomparsa di Laura Olivetti: la camera ardente in municipio come si conviene ai personaggi illustri, la guardia d’onore, la parata commossa delle vecchie spille Olivetti.

E’ la partecipazione della città che ha lasciato a desiderare. Di quella città, di quella “comunità” che ad Adriano deve molto: lavoro, dignità, strutture allora all’avanguardia, ai primi asili nido e alle prime scuole materne istituite in Italia, una moderna e ineguagliabile concezione urbanistica, un futuro certo, una casa acquistata con orgoglio con lo stipendio guadagnato con l’impegno e la passione per il lavoro.

Qui sta la vera genialità di Adriano: al di là delle sue innovatrici intuizioni in campo imprenditoriale, Adriano Olivetti è stato capace di far nascere nei suoi dipendenti, fossero essi dirigenti, ingegneri, tecnici, operai e operaie, l’amore per il proprio lavoro e la fierezza dell’appartenenza ad un’azienda che stava cambiando il mondo e il modo di comunicare. E non è un caso se gli edifici della Olivetti, in tempo luoghi di lavoro e di vita,  sono oggi candidati a entrare nella lista del Patrimonio mondiale dell’Unesco per iniziativa del Comune di Ivrea, della Fondazione Olivetti  con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività culturali.

Al di là della retorica, della facile dietrologia, la scarsa partecipazione ai funerali di “Lalla” Olivetti (che quest’anno ha ricevuto il premio Unesco Ombra della Sera), si è rivelata un’occasione persa per rendere omaggio alla figlia di una città che agli Olivetti deve molto, se non tutto. E non è un bel segnale.

Dov'è successo?

23/09/2021 

Cronaca

Frassinetto: pensionato 75enne di Rivarolo va in cerca di funghi, cade e si frattura un femore

Si è ferito dopo una brutta caduta mentre si trovava al Pian del Lupo, nel territorio […]

leggi tutto...

23/09/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: 242 nuovi contagi. Nessun decesso. Sono 224 i pazienti guariti rispetto a ieri

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, giovedì 23 settembre la Regione Piemonte […]

leggi tutto...

23/09/2021 

Cronaca

Alba: muore a 21 anni in un incidente, il futuro genero del vicesindaco metropolitano Marocco

È ancora al vaglio degli inquirenti la dinamica dell’incidente stradale nel quale ha perso la vita […]

leggi tutto...

23/09/2021 

Eventi

Venaria: il 10 ottobre al via la “Mandrialonga”, 25 chilometri immersi nella natura e nella storia

Venticinque chilometri da percorrere totalmente immersi nella natura, in un suggestivo cotesto storico e culturale: prenderà […]

leggi tutto...

23/09/2021 

Cronaca

Si è risvegliato dal coma il giovane 26enne di San Giusto Canavese coinvolto in una rissa a Caluso

È finalmente uscito dal coma farmacologico il giovane studente di 26 anni residente a San Giusto […]

leggi tutto...

23/09/2021 

Cronaca

Borgofranco d’Ivrea: coltivavano marijuana in un’area boschiva. Arrestati un pensionato e un barista

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale per contrastare lo spaccio di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy