Ciriè: la polizia stradale smantella una banda che rubava auto e rivendeva i ricambi sul mercato nero

Ciriè

/

26/01/2019

CONDIVIDI

In carcere sono finite otto persone mentre per altre quattro il Gip del tribunale di Torino ha disposto l'obbligo di firma. Nella rete anche un ciriacese di 49 anni

Un mercato parallelo a quello legale dove si smerciavano pezzi di ricambio per veicoli di ogni tipo: è quello sgominato dagli agenti della polizia stradale di Torino dopo una lunga e articolata attività investigativa che è culminata nell’esecuzione di 12 misure di custodia cautelare su disposizione del Gip del tribunale di Torino nei confronti di altrettante persone. Otto di queste sono finite in carcere mentre per le altre quattro il magistrato ha disposto l’obbligo di firma quotidiana. La banda era specializzata nel furto e nella ricettazione di autoveicoli. Le indagini sono state coordinate dai pubblici ministeri Maria Eugenia Ghi ed Edmondo Pio e hanno preso il via lo scorso 18 maggio 2018: in quella occasione fu rubata un’Alfa Romeo Giulietta che era stata parcheggiata dal proprietario davanti al supermercato “Carrefour” di corso Montecucco a Torino.

In quel contesto fu fermato un 49enne residente a Ciriè, soprannominato in lingua romena Mosneagul (Il vecchio): un soprannome che gli era stato affibbiato per la sua lunghissima esperienza maturata nel “malaffare”. Al termine di appostamenti e pedinamenti gli agenti della polizia stradale hanno anche rintracciato un 49enne che fungeva anche da custode di partite di droga per conto di un 51enne di Torino.

Nei mesi scorsi le forze dell’ordine hanno arrestato tre persone sono state arrestate perchè trovate con 94 chili di hashish suddivisi in 10mila datteri e sono stati sequestrati 12 autoveicoli. L’operazione è scattata all’alba di giovedì 24 gennaio e vi hanno preso parte 50 uomini del Compartimento della polizia stradale di Torino e della Valle d’Aosta.

Leggi anche

27/09/2020

Coronavirus in Piemonte: 132 nuovi contagi (98 asintomatici), un decesso e 83 pazienti guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, alle ore 16,30 di oggi, domenica 27 settembre, […]

leggi tutto...

27/09/2020

Ivrea: adescava giovani ragazze sui social per farle prostituire. 35enne condannato a 15 anni

È stato condannato in primo grado dal giudice del tribunale di Ivrea a una pena di […]

leggi tutto...

27/09/2020

Val di Chy: coltivava marijuana in garage. In manette un 43enne. Sequestrata la piantagione

Val di Chy: coltivava marijuana in garage. In manette un 43enne. Sequestrata la piantagione. Prosegue incessante […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy