Autista Gtt aggredito a Ivrea da un giovane senza mascherina. La Lega: “Si usi il pugno di ferro”

15/07/2020

CONDIVIDI

I consiglieri regionali canavesani del "Carroccio" insorgono contro l'ennesimo atto di violenza consumato ai danni dei dipendenti della società di trasporti che gestisce il servizio pubblico eporediese

Ancora un autista del Gtt aggredito da un passeggero senza mascherina, che poi si è dato alla fuga. Quello avvenuto vicino alla stazione di Ivrea è l’ennesimo episodio di violenza ai danni di un dipendente del Gruppo torinese trasporti nella ex provincia di Torino: denunciando questa escalation, i consiglieri canavesani del gruppo regionale della Lega, Gianluca Gavazza, Andrea Cane, Mauro Fava e Claudio Leone, chiedono che sia usato il “pugno di ferro” contro gli aggressori.

“Una violenza del tutto gratuita e vergognosa – esordisce Gianluca Gavazza, consigliere della Lega e membro dell’Ufficio di Presidenza del consiglio regionale -. Si tratta dell’ennesima dimostrazione di prepotenza immotivata. Sono fiducioso nel lavoro delle forze dell’ordine affinché l’aggressore venga identificato e denunciato al più presto con tutte le conseguenze del caso. Mi sento particolarmente vicino al conducente – e a tutta la categoria dei dipendenti del trasporto pubblico – che rischiano ogni giorno la propria incolumità per garantire un servizio ai cittadini”.

“In Canavese si sta portando avanti lo stupido gioco del tiro al bersaglio contro bus e autisti – aggiunge il consigliere Andrea Cane -. Non voglio essere bacchettone o paternalista, ma tanta maleducazione e menefreghismo mi fanno riflettere molto sul futuro delle nostre generazioni. Solo pochi giorni fa avevo incontrato in Regione le ragazze di ‘Break the Silence’ per evidenziare i problemi della violenza di genere, compresa la maleducazione gratuita per le strade o proprio a bordo di un bus. Occorrono provvedimenti severi per fronteggiare una situazione tanto allarmante, valutando la presenza di agenti in borghese a bordo dei bus”.

“Questo stillicidio è intollerabile – sottolinea il consigliere Mauro Fava – La situazione era preoccupante già prima dell’emergenza Coronavirus, ma ora sta assumendo proporzioni allarmanti, con attacchi che si susseguono quasi a ritmo quotidiano. C’è un chiaro ed evidente problema di sicurezza per il personale viaggiante di Gtt al quale bisogna dare risposte chiare e concrete. I lavoratori sono esasperati, come hanno chiaramente evidenziato con la manifestazione di qualche giorno fa, e il sindaco Appendino non può continuare a fuggire in eterno evitando il confronto. Il Comune di Torino, unico azionista di Gtt, deve assumersi le sue responsabilità, senza scaricare sui dipendenti dell’azienda di trasporto gli effetti negativi della sua mala-gestione”.

“Ennesimo episodio vergognoso contro operatori che, doverosamente, fanno rispettare le regole – conclude il consigliere Claudio Leone -: quando qualcuno sale su un mezzo di trasporto deve portare la mascherina sul viso. Un moto di violenza del tutto privo di giustificazioni, che spero venga perseguito in tempi celeri dalle forze dell’ordine”.

Leggi anche

25/09/2020

Sanità, la Regione stanzia 35 milioni per ridurre le liste d’attesa. All’Asl T04 oltre 3 milioni di euro

Sanità, la Regione Piemonte stanzia 35 milioni per ridurre le liste d’attesa. All’Asl T04 oltre 3 […]

leggi tutto...

25/09/2020

Coronavirus in Piemonte: nuova impennata dei contagi (+120). Un decesso e 65 pazienti guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, alle 17,30 di oggi venerdì 25 maggio i […]

leggi tutto...

25/09/2020

Cadono i primi fiocchi: nevicate in Valle Orco e al Sestriere. Chiusa la strada per il Nivolet

Cadono i primi fiocchi: nevicate in Valle Orco e al Sestriere. Chiusa la strada per il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy