06/08/2015

Economia

Agliè, la fortuna torna a baciare il castello di Elisa di Rivombrosa

Agliè

/
CONDIVIDI

Diecimila visitatori nel 2014 in più rispetto al biennio precedente. Elisa di Rivombrosa, l’umile popolana capace di stregare il cuore del conte Fabrizio Ristori, l’arrogante nobile che impara ad amare al di là del ceto sociale, è tornata a portare fortuna ad Agliè.

Dopo il lento e graduale decremento delle visite, dovuto anche a trascorrere del tempo (sono passati dieci anni da quando la regista Cinzia TH Torrini aveva reso famoso il castello di Agliè, ambientando nella famosa residenza sabauda l’appassionante storia d’amore), da due anni a questa parte italiani e stranieri sono tornati ad affollare le fastose sale dove è stato ambientato lo sceneggiato. Un incremento che si è tradotto in una positiva ricaduta economica per il piccolo indotto alladiese costituito da botteghe, dagli alberghi e dai ristoranti.

Qualche numero per dare un’idea della ripresa turistica, forniti dal Ministero dei Beni Culturali: nel 2014 il castello ducale alladiese è stato visitato da 69 mila 929 turisti contro i 59 mila 704 del 2013. Ancora qualche significativo particolare: nel 2014 i visitatori paganti sono stati 37 mila 632 e 32mila 297 i turisti non paganti grazie al fatto che per disposizione del Ministero, la prima domenica del mese le visite sono gratuite.

In ogni caso l’amministrazione del Castello Ducale ha incassato ben 102 mila euro contro l’incasso lordo di 80 mila euro registrato lo scorso anno.

Il record assoluto di visite risale al 2011: in quell’anno la residenza sabauda (dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’Umanità) fu visitata da 85 mila 340 persone. Negli anni d’oro, in special modo nel 2004, quando il ricordo di Elisa era ancora chiaramente impresso nella memoria e nei cuori di milioni di telespettatori, furono staccati ben 100 mila biglietti in un anno. E con l’incremento dei visitatori, nel 2015 non sono mancati i problemi: la scorsa domenica, a causa dell’ingresso gratuito, numerosi turisti non sono riusciti ad entrare perché la struttura ha chiuso in anticipo rispetto all’orario fissato per over-booking.

Sarebbe opportuno correre per tempo ai ripari, prima che la fortuna torni a passare oltre e trasformi la valorizzazione dei beni culturali canavesani in una dolorosa e ingiustificabile débacle.

Dov'è successo?

05/12/2021 

Cronaca

Rivarolo: carabinieri in congedo e in servizio festeggiano la “Virgo Fidelis” patrona dell’Arma

Le limitazioni imposte dalla normativa anti Covid hanno in parte penalizzato la tradizionale celebrazione della “Virgo […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Cronaca

Covid in Piemonte: oggi 906 nuovi contagi e nessun decesso. Oltre il 60% gli asintomatici

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, domenica 5 dicembre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Cronaca

Ceresole: contributo del Comune per i soggiorni gratuiti ai ragazzi in difficoltà economiche

Nell’ultimo Consiglio che si è svolto nel palazzo municipale di Ceresole Reale, l’Amministrazione comunale ha approvato, […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Sanità

Covid, il Piemonte resta in zona bianca. I contagi crescono, ma la situazione non è allarmante

Il Piemonte si conferma in zona bianca. Nella settimana che va dal 22 al 28 novembre, […]

leggi tutto...

04/12/2021 

Cronaca

Chivasso: i cinghiali sono troppi e devastano le colture. Gli agricoltori sfilano con i trattori

Troppi cinghiali nelle campagne del Chivassese e gli agricoltori salgono sui trattori e danno vita a […]

leggi tutto...

04/12/2021 

Cronaca

Biella: si presenta per la vaccinazione con un finto braccio in silicone per il Green Pass. Denunciato

La realtà spesso supera fantasia e qualche volta sfiora anche il ridicolo: lo dimostra il fatto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy