26/12/2019

Cronaca

Volpiano: ignoti cercano di dare fuoco alla villa dell’ex boss Marando. Si tratta di un atto intimidatorio?

CONDIVIDI

In quella villetta costruita in via Trento a Volpiano un tempo dimorava il temuto boss della ‘ndrangheta Pasquale Marando l’incontrastato re dei Narcos negli anni Novanta. Nell’abitazione, disabitata dal 1993, ignoti hanno aperto il cancello esterno e hanno appiccato il fuoco utilizzando della “diavolina”. Le fiamme non hanno però attecchito e il tentativo di dare fuoco all’edificio è fallito. Ad essere annerito è stato soltanto il portoncino d’ingresso.

La villetta era stata confiscata a Marando al termine di una vasta operazione di polizia contro la criminalità organizzata. Nel 2002 Pasquale Marando fu ucciso nel corso di una faida famigliare a Platì, nel cuore della Calabria. L’attentato potrebbe avere una matrice mafiosa. Il bene, dopo il decreto di confisca della Cassazione è stata affidata al Comune che ha deciso di trasformare la struttura in una comunità per disabili. Per questa ragione da mesi fervono i lavori di riqualificazione finanziati anche dalla Regione Piemonte.

E appare decisamente strano che l’atto di probabile intimidazione sia stato compiuto proprio quando manca poco per ridare alla villetta una nuova e utile destinazione d’uso. E pensare che dal 113, cioè dall’anno della confisca non si è mai registrato il benché minimo tentativo di effrazione. La procura di Ivrea ha aperto un fascicolo per incendio doloso. Una delle ipotesi accosta questo tentativo di intimidazione a quello, del tutto simile, che ha avuto luogo nella villa del narcotrafficante Nicola Assisi a San Giusto Canavese. Sull’episodio indagano i carabinieri della Compagnia di Chivasso.

Scrive a questo proposito Libera Piemonte, l’associazione contro le mafie fondata da Don Luigi Ciotti, sul suo profilo social: “Un nuovo probabile atto intimidatorio, perché il riutilizzo sociale dei beni dà fastidio. Al nord come al sud. È necessario reagire per contrastare la presenza massiccia delle mafie nel nostro territorio. Dobbiamo farlo, insieme!”

04/10/2022 

Sanità

Il Covid si evolve: arriva in Piemonte la sottovariante “Centaurus”, cinque volte più contagiosa

È stata scoperta nelle acque piemontesi ed è cinque volte più contagiosa rispetto alle altre varianti […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Piemonte: oltre tre milioni per la copertura delle borse di studio e per la scuola pubblica e paritaria

Con la variazione di bilancio aumenteranno le coperture per le borse di studio universitarie e gli […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Mobilità sostenibile: il Comune di Chivasso è al primo posto nella graduatoria nazionale

La Città di Chivasso fa parte dell’accordo di programma del progetto PASCAL (Percorsi Partecipati Scuola-Casa-Lavoro), siglato […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Sport

Massimo Testa, presidente Ascom di Rivarolo Canavese, partecipa con successo all’Iron Man di Cervia

Ha scritto sul suo profilo di aver realizzato il sogno della vita, in realtà sicuramente ha […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Previsioni meteo: tempo asciutto nella mattinata ma attenzione ai banchi di nebbia improvvisi

Queste le previsioni del tempo per mercoledì 5 ottobre, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD   Tempo […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

“Le regole per crescere liberi”, istituzioni e studenti delle scuole di Volpiano a Capaci e Caccamo

Giovedì 29 settembre, nell’ambito del progetto “Le regole per crescere liberi” che promuove il tema della […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy