18/07/2016

Cronaca

San Carlo Canavese: in manette famiglia dedita ai furti. Sequestrati beni per 600mila euro

San Carlo Canavese

/
CONDIVIDI

Un’intera famiglia dedita ai furti. Decine. Compiuti, secondo inquirenti e investigatori, in Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia e Toscana. Un meccanismo bel oliato e collaudato che è stato scoperto e smantellato dai carabinieri della Compagnia di Venaria coordinata dalla procura di Torino. La famiglia Trompino è residente a San Carlo Canavese. Gli uomini dell’Arma hanno arrestato Franco Trompino, 60 anni, attualmente detenuto in carcere, la moglie Ottavia Laforet, 57 anni, sottoposta a misura cautelare, la figlia Angelica, 36 anni, che deve quotidianamente firmare il registro presenze presso la locale stazione dei carabinieri e il marito di quest’ultima, Antonio Franzi, 37 anni, anch’egli rinchiuso in carcere. I carabinieri sono sulle tracce di altre due persone che si sono rese irreperibili.

L’accusa, per tutti i componenti della famiglia è quella di furto, riciclaggio e di aver commesso, tra l’altro, due furti, divenute poi rapine, ai danni di un supermercato di San Carlo Canavese. Dopo un’articolata attività investigativa i carabinieri ha consentito di recuperare oltre trentamila euro di bottino, monili, denaro in contanti e orologi frutto di un furto compiuto in un’abitazione di Borgone di Susa, dove risiedevano alcuni anziani. Alla famiglia Trompino su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono stati sequestrati tutti i beni e la lavanderia Self Service “Bolle Blu” attiva a Lanzo. A giudizio degli investigatori l’attività commerciale sarebbe stata utilizzata come copertura per riciclare  i proventi dell’attività illecita. E’ stato il tribunale di Torino a emettere il decreto di sequestro anticipato dei beni che rietrano nella disponibilità della famiglia, finalizzato alla confisca.

Le indagini hanno permesso di accertare come i componenti della famiglia disponessero di beni per un valore decisamente sproporzionato rispetto al reddito dichiarato: un elemento che farebbe pensare che i beni acquistati siano serviti a “ripulire” il denaro frutto dell’attività criminale: sono stati sequestrati tre auto, un appartamento, un autocarro e una lavanderia. Il valore stimato dei beni ammonta a 600mila euro.

Dov'è successo?

06/12/2022 

Cronaca

Canavese, la Coldiretti Torino: “Dopo gli incendi in cascina chiediamo massima vigilanza”

Dopo l’ennesimo incendio che ha devastato un fienile, questa volta nella frazione Sant’Antonio di Castellamonte, mandando […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Sport

San Francesco al Campo: via al Turin International Cyclocross. Gran finale di stagione al Velodromo

Sarà una fine anno davvero speciale per lo sport tra Torinese e Canavese. Ieri sera, al […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Politica

Pronto soccorso di Cuorgnè, il consigliere regionale Avetta (Pd): “Icardi non lo riaprirà più”

Il consigliere regionale Alberto Avetta (Pd) non ha dubbi ed esprime chiaramente la sua opinione:  a […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Pont Canavese: una frana si stacca dal fianco della montagna. Danneggiati la chiesa e un’auto

I massi si sono staccati all’improvviso dal fianco della montagna e la frana ha investito la […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Vidracco: il vicesindaco Metropolitano ai sindaci della Valle: “Nel 2023 i lavori sulla provinciale 61”

Sopralluogo ieri mattina lunedì 5 dicembre in ValChiusella per il vicesindaco della Città metropolitana di Torino […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Strade chiuse per lavori di ammodernamento a San Maurizio, Santuario di Belmonte e Valli di Lanzo

Strada provinciale 16 di “San Maurizio” dal 6 al 16 dicembre 2022 Per lavori di rappezzatura […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy