23/07/2016

Cronaca

Rivarolo: nell’incendio della discarica abusiva alle Gave non c’erano sostanze pericolose

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

Gli esami di laboratorio eseguiti dall’Arpa regionale hanno ufficialmente escluso che nell’incendio della discarica abusiva della Gave, nei pressi del torrente Orco. Dove lo scorso 7 luglio ignoti hanno dato fuoco ad un ammasso di rifiuti, tra i qualii erano anche presenti pneumatici, fossero presenti rifiuti pericolosi e tossici. La relazione redatta dai tecnici dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale è stata consegnata al sindaco Alberto Rostagno in seguito ad un secondo sopralluogo compiuto il 23 giugno, durate il quale sono stati effettuati nuovi prelievi di campioni. Toccherà adesso alla Teknoservice, società alla quale il Comune ha affidato la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, di rimuovere i resti dell’ammasso di rifiuti. Un’operazione che costerà ai contribuenti rivarolesi 4mila 840 euro. Una cifra contenuta perchè ad andare a fuoco non stati materiali tossici perché, in questo caso, la bonifica non sarebbe costata meno di 10mia euro.

Le indagini compiuti dagli agenti della polizia municipale che hanno accuratamente esaminato ciò che era rimasto dei fusti anneriti dal fumo, non hanno dato esito positivo. Nessuna indicazione sulla provenienza del materiale smaltito illegalmente o poi bruciato. Non è la prima volta che alle Gave, in un punto particolarmente delicato del territorio per la prossimità del torrente Orco, si creano provvisorie discariche alle quale si dà successivamente fuoco. Nel pomeriggio del 2 luglio scorso, si era verificato un episodio similare. La zona tra l’altro è al riparo di occhi indiscreti e il passaggio di mezzi sospetti passa del tutto inosservato. Si deve alla prontezza dell’azione svolta ai vigili del fuoco del distaccamento volontario di Rivarolo se in ambedue i casi le fiamme sono state circoscritte prima che si estendessero alla folta vegetazione circostante. Quello delle discariche abusive che vengono poi date alle fiamme è un problema comune a diversi comuni dell’Alto Canavese. Ciò non toglie che si tratti di n fenomeno pericoloso, costoso, che in qualche modo andrebbe definitivamente sradicato.

Dov'è successo?

06/12/2022 

Cronaca

Canavese, la Coldiretti Torino: “Dopo gli incendi in cascina chiediamo massima vigilanza”

Dopo l’ennesimo incendio che ha devastato un fienile, questa volta nella frazione Sant’Antonio di Castellamonte, mandando […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Sport

San Francesco al Campo: via al Turin International Cyclocross. Gran finale di stagione al Velodromo

Sarà una fine anno davvero speciale per lo sport tra Torinese e Canavese. Ieri sera, al […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Politica

Pronto soccorso di Cuorgnè, il consigliere regionale Avetta (Pd): “Icardi non lo riaprirà più”

Il consigliere regionale Alberto Avetta (Pd) non ha dubbi ed esprime chiaramente la sua opinione:  a […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Pont Canavese: una frana si stacca dal fianco della montagna. Danneggiati la chiesa e un’auto

I massi si sono staccati all’improvviso dal fianco della montagna e la frana ha investito la […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Vidracco: il vicesindaco Metropolitano ai sindaci della Valle: “Nel 2023 i lavori sulla provinciale 61”

Sopralluogo ieri mattina lunedì 5 dicembre in ValChiusella per il vicesindaco della Città metropolitana di Torino […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Strade chiuse per lavori di ammodernamento a San Maurizio, Santuario di Belmonte e Valli di Lanzo

Strada provinciale 16 di “San Maurizio” dal 6 al 16 dicembre 2022 Per lavori di rappezzatura […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy