19/01/2021

Lavoro

Lavoro, la Cassazione: “Non è licenziabile chi aderisce all’accordo sul demansionamento”

CONDIVIDI

Chi aderisce all’accordo sindacale sul demansionamento nell’ambito di una procedura di mobilità, non può essere licenziato: lo ha stabilito una sentenza della Sezione Lavoro della Corte di Cassazione che ha accolto il ricorso di un lavoratore, il quale da impiegato era passato a fare l’operaio e in seguito licenziato. I giudici delle Suprema Corte hanno sentenziato che l’azienda non ha il potere unilaterale di disattendere l’accordo sindacale che prevede la possibilità per il dipendente di svolgere una mansione inferiore a quella ricoperta in precedenza.

A ripotare la notizia, a firma di Paola Rossi è il quotidiano di economia e finanza “Il Sole 24 Ore” in un apposito inserto dedicato al diritto del Lavoro. In sostanza i giudici di merito, secondo quelli di legittimità “nell’attribuire il corretto significato giuridico all’accordo previsto dal comma 11 dell’articolo 4 della legge del 1991 sulla mobilità. L’azienda aveva, infatti, concluso con le rappresentanze sindacali un accordo che prevedeva il riassorbimento di lavoratori eccedenti tramite assegnazione a mansioni diverse da quelle svolte, anche inferiori.

L’accordo vincola il datore che non potrà ignorare la disponibilità al ricollocamento in posizioni “più basse” per professionalità e retribuzione. La vincolatività dell’eventuale accordo che apre al demansionamento, ma al mantenimento del posto di lavoro, è dimostrata anche dalla circostanza che la dequalificazione del dipendente in un nuovo ruolo aziendale non deve essere oggetto di specifica trattativa e consenso della parte più debole, il lavoratore”.

Nella fattispecie, quindi, conclude la giornalista “Le regole concordate sono sufficienti al demansionamento del dipendente che ovviamente può scegliere di dimettersi per l’assenza di gradimento della nuova posizione che gli va però offerta e soprattutto su sua richiesta non gli può essere negata col silenzio dell’imprenditore”.

08/03/2021 

Cronaca

Bosconero: auto esce di strada e si schianta contro il guard rail. Grave un uomo di 36 anni di Rivarolo

Un altro, grave ennesimo incidente stradale, sulla ex strada statale 460: per cause ancora in via […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Sanità

Coronavirus: oggi 1.210 nuovi contagi. 16 i decessi. Il Piemonte va verso la “zona rossa”

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, lunedì 8 marzo, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Sanità

Asl T04: il dottor Carlo Bono, 56 anni, è stato nominato Direttore del Distretto Sanitario di Ivrea

La Direzione Generale ha assegnato l’incarico di Direttore della Struttura Complessa Distretto Ivrea a Carlo Bono. […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Economia

Dalla Regione maggiori fondi per i sistemi informativi. Lavoro, domanda e offerta devono viaggiare online

Maggiori fondi in favore dei sistemi informativi, per creare l’incrocio ideale tra domanda e offerta di […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Sanità

Coronavirus, sale il numero dei contagi. Forse lunedì 15 marzo il Piemonte diverrà zona rossa

Il lento e inesorabile cammino del Piemonte verso la zona rossa è iniziato: con ogni probabilità, […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Cronaca

Didattica a distanza, gli infermieri del Nursind protestano: “Così si mette a rischio il Piano vaccinale”

“Lunedì 8 marzo è una giornata importante per le donne, ma le stesse donne impegnate da […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy