25/10/2018

Cronaca

Ivrea e Canavese: raffica di arresti e denunce dei carabinieri a Feletto, Pont, Ivrea, Strambino e Azeglio

Feletto

/
CONDIVIDI

Tre arresti e quattro denunce. È questo il bilancio delle attività svolte nei giorni scorsi in Canavese dai carabinieri della Compagnia di Ivrea.

I carabinieri di Ivrea hanno arrestato M.L.M., rumeno di 33 anni. Lo stesso, che deve scontare la pena di un anno, nove mesi e 26 giorni per reati contro la fede pubblica e contro il patrimonio, è stato raggiunto da un ordine di esecuzione per espiazione pena emesso dalla Procura di Vercelli. Dopo le formalità di rito è stato sottoposto alla detenzione domiciliare.

A Pont Canavese i militari della locale Stazione hanno arrestato G.S., italiano di 42 anni, nei cui confronti il Tribunale di Ivrea ha emesso un’ordinanza di aggravamento misura. L’uomo, che era già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari perché arrestato lo scorso settembre dai carabinieri di Cuorgnè per resistenza a pubblico ufficiale, è stato associato alla casa circondariale di Ivrea.

I carabinieri di Azeglio hanno arrestato B.P., italiano 26enne, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale di Torino. Il giovane deve espiare la pena di tre anni e quattro mesi di reclusione per reati contro il patrimonio. Per lui si sono aperte le porte del carcere eporediese.

I carabinieri di Strambino hanno denunciato in stato di libertà alla Procura di Ivrea per detenzione abusiva di armi un 40enne italiano residente a Strambino. Nel corso di una perquisizione presso la sua abitazione, i militari hanno rinvenuto e sequestrato una carabina cal. 4,5 detenuta illegalmente.

A Pont Canavese i militari della locale Stazione hanno denunciato a piede libero per evasione una donna di 41 anni. La stessa, già sottoposta agli arresti domiciliari, non è stata trovata in casa durante un controllo dei carabinieri poiché si era allontanata senza alcuna preventiva autorizzazione. È stata quindi rintracciata dopo alcune ore dai militari mentre scendeva da un autobus di linea, a Pont Canavese, e deferita in stato di libertà alla Procura eporediese.

Sempre a Pont Canavese i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà un uomo di 35 anni. Sottoposto a controllo a bordo della sua autovettura, è stato trovato in possesso di un coltello ed alcuni arnesi dei quali, portati al seguito senza giustificato motivo. Nei suoi confronti è scattata una denuncia per porto di armi od oggetti atti ad offendere.

A Feletto i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile hanno denunciato in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza un 30enne che, controllato al volante della sua utilitaria e sottoposto ad alcoltest, ha evidenziato un tasso alcolemico pari al doppio del limite consentito.

Dov'è successo?

15/01/2021 

Sport

La biellese Clelia Zola neo presidente Fidal Piemonte: “Riporterò unità nell’atletica regionale”

Clelia Zola è il nuovo Presidente del Comitato Regionale della Fidal Piemonte per il quadriennio 2021/2024. […]

leggi tutto...

14/01/2021 

Cronaca

Forno Canavese: stroncato da un malore improvviso. Operaio 44enne di Rivara muore in fabbrica

È morto all’improvviso, stroncato da un malore che non gli ha lasciato scampo. A perdere la […]

leggi tutto...

14/01/2021 

Sanità

Emergenza Covid: in Piemonte oggi 889 casi positivi. 21 i morti. 887 i pazienti guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI Alle 17,30 di oggi, giovedì 14 gennaio, l’Unità di Crisi della Regione […]

leggi tutto...

14/01/2021 

Economia

Il sindacalista Fabrizio Bellino (Fiom-Cgil): “Il Canavese deve continuare a essere competitivo”

Il Canavese deve tornare ad essere più competitivo. È un imperativo in questo momento in cui […]

leggi tutto...

14/01/2021 

Economia

“Bretella” di Lombardore, il consigliere regionale Fava: “Opera strategica per il rilancio del Canavese”

Sull’urgenza che la tanto paventata realizzazione della variante di Lombardore riveste per le aziende canavesane, il […]

leggi tutto...

14/01/2021 

Economia

Polo dello stampaggio: gli imprenditori pensano a un Comitato che faccia “pressing” sulla politica

L’imprenditore canavesano Fabrizio Rosboch non ha dubbi: è la mobilitazione del territorio a essere l’ultima carta […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy