25/06/2019

Cronaca

Frana di Quincinetto, l’Uncem polemizza: “A rendere sicura la A5 devono essere le concessionarie”

Quincinetto

/
CONDIVIDI

E’ l’immobilismo delle società concessionarie dell’A5 Torino-Aosta a preoccupare, e non poco, Marco Bussone, presidente nazionale dell’Uncem sul tema della frana di Quincinetto che da ben sette an ni incombre sull’arteria stradale internazionale. “Anche dopo la riapertura dell’autostrada Torino-Aosta-Monte Bianco, i concessionari non hanno avanzato alcuna proposta di intervenire sul versante della frana di Quincinetto e sulle strade secondarie in accordo con Anas – ha dichiarato Marco Bussone-. I lavori devono essere a carico dei concessionari autostradali, della A5 che è tra le autostrade più care d’Italia”.

Ma le critiche non si fermano qui: il presidente nazionale dell’Uncem sottolinea il fatto che non risulta che i concessionari abbiano rimborsato i pedaggi a quanti sono rimasti bloccati nell’Eporediese e hanno forzatamente intasato la viabilità dei centri abitati. “È naturale che i Comuni siano arrabbiati. Anche noi lo siamo molto. Ma non si deve perdere questa occasione e non si deve sprecare quanto successo. Se tutto finisce con un tavolo in Prefettura, come molti altri, che induca poi la Regione a investire qualche milione di euro sul versante, abbiamo perso tutti. Non deve ancora una volta la collettività a pagare. A intervenire deve essere il concessionario, che da sempre ignora i territori attraversati dalle autostrade dalle quali incassa i pedaggi con enormi utili”.

Ma se Atene piange Sparta non ride: le società concessionarie non battono un colpo e né tantomeno lo fa il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Marco Bussone picchia sodo, convinto del fatto che a pagare i disservizi e i disagi non debbano essere e solo gli utenti: “Il ministero obblighi i concessionari a intervenire sulle reti secondarie delle strade dei territori e nelle situazioni più complesse come quella di Quincinetto. Il Mit ha la grande occasione di ascoltare il grido degli Amministratori locali e imporre ai concessionari nuove regole che ridefiniscano i rapporti anche con gli Enti locali, troppo spesso ignorati e anche presi in giro”.

20/10/2020 

Cronaca

Piemonte, entrano in vigore nuove restrizioni: centri commerciali chiusi il sabato e la domenica

La firma del decreto è attesa in serata, ma il contenuto è già pubblico da ore […]

leggi tutto...

20/10/2020 

Cronaca

Coronavirus, Hot-spot per i tamponi: l’Asl T04 indica orari, ubicazione e modalità di accesso

Dopo le polemiche innescate dalle lunghe code che si formano nei quattro punti di accesso per […]

leggi tutto...

20/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: 1.396 contagi in più rispetto a ieri. 154 i ricoverati in ospedale. 6 i decessi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.442 (+ […]

leggi tutto...

20/10/2020 

Sanità

È polemica sugli hotspot scolastici. L’assessore alla Sanità: “Se ci sono code prolungare gli orari”

Lunghissime code, serpentoni di auto che si snodano per chilometri: automobilisti in snervante attesa di poter […]

leggi tutto...

20/10/2020 

Sanità

Coronavirus, il sindacato Nursind denuncia: “Mancano infermieri per affrontare l’emergenza”

Il sistema sanitario piemontese è a un passo dal collasso. Le assunzioni avvengono con il contagocce […]

leggi tutto...

20/10/2020 

Sanità

Covid, da oggi saranno disponibili i test rapidi anche in Piemonte. L’esito in quindici minuti

I test rapidi per il Covid-19 dovrebbero essere disponibili da oggi, martedì 20 ottobre anche in […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy