25/06/2019

Cronaca

Frana di Quincinetto, l’Uncem polemizza: “A rendere sicura la A5 devono essere le concessionarie”

Quincinetto

/
CONDIVIDI

E’ l’immobilismo delle società concessionarie dell’A5 Torino-Aosta a preoccupare, e non poco, Marco Bussone, presidente nazionale dell’Uncem sul tema della frana di Quincinetto che da ben sette an ni incombre sull’arteria stradale internazionale. “Anche dopo la riapertura dell’autostrada Torino-Aosta-Monte Bianco, i concessionari non hanno avanzato alcuna proposta di intervenire sul versante della frana di Quincinetto e sulle strade secondarie in accordo con Anas – ha dichiarato Marco Bussone-. I lavori devono essere a carico dei concessionari autostradali, della A5 che è tra le autostrade più care d’Italia”.

Ma le critiche non si fermano qui: il presidente nazionale dell’Uncem sottolinea il fatto che non risulta che i concessionari abbiano rimborsato i pedaggi a quanti sono rimasti bloccati nell’Eporediese e hanno forzatamente intasato la viabilità dei centri abitati. “È naturale che i Comuni siano arrabbiati. Anche noi lo siamo molto. Ma non si deve perdere questa occasione e non si deve sprecare quanto successo. Se tutto finisce con un tavolo in Prefettura, come molti altri, che induca poi la Regione a investire qualche milione di euro sul versante, abbiamo perso tutti. Non deve ancora una volta la collettività a pagare. A intervenire deve essere il concessionario, che da sempre ignora i territori attraversati dalle autostrade dalle quali incassa i pedaggi con enormi utili”.

Ma se Atene piange Sparta non ride: le società concessionarie non battono un colpo e né tantomeno lo fa il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Marco Bussone picchia sodo, convinto del fatto che a pagare i disservizi e i disagi non debbano essere e solo gli utenti: “Il ministero obblighi i concessionari a intervenire sulle reti secondarie delle strade dei territori e nelle situazioni più complesse come quella di Quincinetto. Il Mit ha la grande occasione di ascoltare il grido degli Amministratori locali e imporre ai concessionari nuove regole che ridefiniscano i rapporti anche con gli Enti locali, troppo spesso ignorati e anche presi in giro”.

05/12/2021 

Cronaca

Rivarolo: carabinieri in congedo e in servizio festeggiano la “Virgo Fidelis” patrona dell’Arma

Le limitazioni imposte dalla normativa anti Covid hanno in parte penalizzato la tradizionale celebrazione della “Virgo […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Cronaca

Covid in Piemonte: oggi 906 nuovi contagi e nessun decesso. Oltre il 60% gli asintomatici

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, domenica 5 dicembre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Cronaca

Ceresole: contributo del Comune per i soggiorni gratuiti ai ragazzi in difficoltà economiche

Nell’ultimo Consiglio che si è svolto nel palazzo municipale di Ceresole Reale, l’Amministrazione comunale ha approvato, […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Sanità

Covid, il Piemonte resta in zona bianca. I contagi crescono, ma la situazione non è allarmante

Il Piemonte si conferma in zona bianca. Nella settimana che va dal 22 al 28 novembre, […]

leggi tutto...

04/12/2021 

Cronaca

Chivasso: i cinghiali sono troppi e devastano le colture. Gli agricoltori sfilano con i trattori

Troppi cinghiali nelle campagne del Chivassese e gli agricoltori salgono sui trattori e danno vita a […]

leggi tutto...

04/12/2021 

Cronaca

Biella: si presenta per la vaccinazione con un finto braccio in silicone per il Green Pass. Denunciato

La realtà spesso supera fantasia e qualche volta sfiora anche il ridicolo: lo dimostra il fatto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy