Disco verde per la Shopville “Caselle Open Mall” che sorgerà a ridosso dell’aeroporto “Pertini”

01/10/2019

CONDIVIDI

L'investimento è colossale: il "Caselle Open Mall" occuperà una superfice commerciale utile di 114 mila metri quadrati sui quali troveranno posto aree di vendita al dettaglio, spazi dedicati al food e anche all'intrattenimento

Il “Caselle Open Mall”, il mega-centro commerciale polifunzionale tra i più grandi d’Italia che sorgerà a ridosso dell’aeroporto di Caselle Torinese e i comuni di Leinì e San Maurizio Canavese diventa realtà. Nei giorni scorsi il gruppo internazionale “Aedes-Siiq” ha ritirato in Comune i permessi di costruzione a conclusione di un lungo iter amministrativo che, nel passato, aveva suscitato vibranti polemiche. La società ha depositato in Comune le polizze fideiussorie stipulate con un pool di istituti assicurativi italiani ed esteri che ammontano a 50 milioni di euro. A breve la società verserà nelle casse comunali ben 4,5 milioni di oneri di urbanizzazione che vanno a sommarsi al milione e mezzo di euro già versato.

L’investimento è colossale così come impressionanti sono i numeri del progetto: il “Caselle Open Mall” occuperà una superfice commerciale utile di 114 mila metri quadrati sui quali troveranno posto aree di vendita al dettaglio, spazi dedicati al food, all’intrattenimento anche educativo, oltre a servizi vari, spazi e negozi fisici per gli acquisti on line e relativa consegna.

Tutta l’area della shopville sarà ecosostenibile, con un progetto realizzato interamente tramite l’aiuto di un software. Al momento, sono già stati sottoscritti accordi per il 20% della superficie totale e un altro 50% è in corso di negoziazione: i vertici di Aedes-Siiq sperano di completare gli accordi entro l’apertura dell’Open Mall, in modo da dare all’utenza il famoso “pacchetto completo”.

“Siamo molto soddisfatti di essere finalmente arrivati alla fine della fase amministrativa e contestualmente all’avvio delle attività propedeutiche alla fase realizzativa che ci permetterà di sviluppare il primo Open Mall in Italia con caratteristiche di innovazione, sostenibilità e tecnologia all’avanguardia – commenta Giuseppe Roveda, amministratore delegato di Aedes Siiq -. Inoltre, aver scommesso nel 2013/2014 in un cambio sostanziale del progetto durante l’iter amministrativo, passando dal tradizionale shopping center all’open mall, per recepire l’evoluzione dei nuovi trend di mercato che derivano dalle mutate esigenze e consuetudini dei consumatori, ha pagato e ci consente oggi di disporre di un prodotto innovativo in anticipo sulla concorrenza e affrontare serenamente un investimento strategico per il Gruppo che guarda un orizzonte temporale di lungo termine”.

Leggi anche

29/09/2020

Baseball: i “ragazzi” del “Redclay” di Castellamonte primeggiano sul Novara e accedono alle fasi nazionali

Si è concluso con un altro successo la stagione di baseball per i “ragazzi” della società […]

leggi tutto...

29/09/2020

Femminicidi: sul territorio metropolitano creata una rete di aiuto per gli uomini che odiano le donne

Preoccupa l’ondata di violenze familiari, culminata in questi ultimissimi giorni con l’uccisione di una donna da […]

leggi tutto...

29/09/2020

Coronavirus in Piemonte: oggi, 29 settembre, registrati due decessi, cento contagi e 55 guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che, alle 18,00 di oggi, martedì 29 settembre, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy