06/11/2019

Cronaca

Chivasso: rapinano e picchiano un giovane nella stazione ferroviaria. La Polfer arresta tre giovani

CONDIVIDI

Sono stati arrestati i tre autori di una violenta rapina a un ragazzo colpevole soltanto di aver aspettato l’ultimo treno per tornare a casa nella stazione di Chivasso, un italiano di 56 anni, un romeno di 29 senza fissa dimora, e un marocchino di 21, tutti con precedenti per reati contro il patrimonio.

La sera del 18 ottobre scorso, un giovane trentaduenne italiano si trovava nella stazione ferroviaria in attesa dell’arrivo del convoglio, che era in ritardo. Questa è l’occasione per i tre soggetti pregiudicati e già noti alle Forze dell’Ordine, presenti in stazione, di dare vita al loro progetto criminoso. Avvicinato il ragazzo e con una scusa lo hanno accerchiato impedendogli qualsiasi movimento, chiedendogli di consegnare immediatamente il cellulare Iphone e tutto il denaro a disposizione.

Non soddisfatti del bottino iniziano a colpire ripetutamente il ragazzo con calci e pugni e, trattenendolo per un braccio, lo hanno costretto ad effettuare un prelievo presso lo sportello bancomat presente in stazione, per una somma di 250 euro, mentre uno di loro faceva da palo all’ingresso dello scalo ferroviario. Approfittando di un momento di distrazione dei tre criminali, il ragazzo ha tentato, riuscendoci, la fuga correndo lungo la banchina in fondo allo scalo.

La vittima ha poi presentato una denuncia alla Polizia Ferroviaria ed il personale della Squadra di Polizia Giudiziaria compartimentale in collaborazione con gli Agenti del Posto Polfer di Chivasso hanno avviato delle capillari e scrupolose indagini. Gli agenti hanno visionato i filmati estratti dalle telecamere di sorveglianza presenti in stazione, dai quali è chiara tutta la sequenza delle violenza inferta, e hanno stilato un identikit dei tre rei. Durante appositi controlli nella stazione di Chivasso, per reperire informazioni più dettagliate sull’episodio, gli agenti in abiti civili hanno riconosciuto uno tre soggetti identificati nei frames dei video.

Dopo un pedinamento, che è terminato in un esercizio commerciale poco distante, l’uomo si è incontrato con l’altro complice; a quel punto sono stati fermati ed identificati sul posto. La vittima, recatasi presso gli Uffici della Polizia Ferroviaria di Chivasso, dopo aver visionato un album fotografico predisposto dal personale Polfer in servizio, ha riconosciuto i tre soggetti quali autori della rapina da lui subita.

Grazie agli elementi raccolti, i tre uomini gravemente indiziati del delitti di sequestro di persona, rapina, violenza privata e lesioni personali, sono stati portati in carcere. Sono ancora in corso ulteriori accertamenti per ritrovare il cellulare rubato.

30/07/2021 

Sanità

Pandemia: mascherine dal Piemonte a Cuba contro il Covid. L’isola caraibica è tra le più colpite dal virus

Il Consiglio regionale del Piemonte ha approvato all’unanimità un ordine del giorno, primo firmatario Marco Grimaldi […]

leggi tutto...

30/07/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi sono 287 nuovi casi positivi ma nessun decesso. 4 i ricoveri in Rianimazione

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 287 nuovi […]

leggi tutto...

30/07/2021 

Economia

Piemonte: crescono gli assunti a tempo indeterminato. Nuove risorse per l’apprendistato

Il primo semestre 2021 ha registrato una netta ripresa (+21,5% rispetto allo stesso periodo del 2020) […]

leggi tutto...

30/07/2021 

Cronaca

Piemonte: bando della Regione per tutelare le scuole di montagna. Stanziati oltre 500 mila euro

Continua l’attenzione della Regione per la tutela e la continuità delle scuole di montagna esistenti in Piemonte. […]

leggi tutto...

30/07/2021 

Cronaca

Borgofranco d’Ivrea: operaio cade nel canale e muore. Cinque indagati per omicidio colposo

Sono cinque le persone iscritte dalla procura di Ivrea nel registro degli indagati per la morte […]

leggi tutto...

30/07/2021 

Cronaca

Rivarolo: il luogotenente Mammino va in pensione. Per 28 anni è stato il punto di riferimento per la città

Dopo 41 anni, trascorsi al servizio dell’Arma e dello Stato, 28 dei quali trascorsi in qualità […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy