23/08/2019

Cronaca

Chivasso: assessore alle Politiche per la casa o primario in Cardiologia? Moretti sceglie l’ospedale

CONDIVIDI

Martedì 20 agosto il dottor Claudio Moretti ha presentato, al Sindaco Claudio Castello, la sua lettera di dimissioni dall’incarico di Assessore con delega alle Politiche per la casa, Politiche giovanili, Politiche per l’integrazione, Famiglia, Politiche per l’accoglienza, Pari opportunità, Politiche sociali (welfare – solidarietà – handicap), Volontariato, Politiche del lavoro e dell’occupazione, Formazione professionale. Nella lettera trasmessa al sindaco sono contenute le ragioni che hanno portato Claudio Moretti a tale decisione, motivazioni sostanzialmente legate a ragioni professionali, determinate dalle sue nuove funzioni dirigenziali presso l’Asl T04.

“Caro Sindaco, dopo due anni di intenso e proficuo lavoro insieme, con la presente sono a rassegnare formalmente le mie dimissioni dalla carica assessorile, da Te affidatami – scrive l’assessore dimissionario -. Ho cercato di svolgere il mandato con tenacia e correttezza e sempre con profondo senso di legalità, mettendo a disposizione dell’intera comunità le mie competenze umane, la mia professionalità ed il mio tempo.

Molte cose sono cambiate in questi ultimi mesi, non tutte previste o prevedibili. In particolare la direzione di due cardiologie, a Ivrea e a Chivasso, e la prossima realizzazione di un laboratorio di emodinamica, un progetto che darà pieno significato all’amore che proviamo per il nostro comune. Tutte queste nuove attività sottraggono tempo prezioso alla mia attività di Assessore. Per questo motivo ritengo corretto e doveroso restituire la delega affidatami, non senza rimpianti.

Approfitto di questo momento per rinnovare la mia profonda stima ed amicizia nei Tuoi confronti, dei colleghi Assessori, dei Consiglieri di maggioranza e di opposizione, che hanno condiviso con me la passione e l’impegno nell’espletamento del ruolo politico-amministrativo.
Quando ho iniziato questa attività non avrei mai immaginato che potesse stravolgere in maniera così radicale la mia vita: per questo non ti ringrazierò mai abbastanza. So che ti schermirai di fronte a queste mie dichiarazioni ma ritengo veramente che tu sia stato per me un esempio di passione civile, di amore, di dedizione a Chivasso.

Da ultimo, ma non per importanza, ringrazio la dottoressa De Biase, i dirigenti e tutti i dipendenti comunali, in particolare quelli dei miei settori di riferimento: senza di loro nulla di quanto è stato fatto sarebbe stato possibile. Continuo a pensare che i Chivassesi dovrebbero essere meglio informati di quanto tutti loro fanno quotidianamente per mandare avanti la macchina comunale.
Ringraziandoti ancora per avermi offerto l’onore e la possibilità di potermi mettere al servizio della mia Città auguro a Te ed all’intera Amministrazione un buon lavoro”.

La notizia non è si è rivelata una sorpresa per il sindaco Castello: negli ultimi mesi, infatti, era evidente come l’attività professionale del Dott. Moretti assorbisse notevolmente il tempo a sua disposizione. Sulla decisione di rassegnare le dimissioni dall’incarico, il sindaco Claudio Castello, ha espresso parole di stima e di ringraziamento: “L’apporto che Claudio Moretti ha dato al mio esecutivo è stato fondamentale in questi anni di amministrazione della città. Il suo incarico in un settore così delicato come quello del Welfare e del Lavoro è stato importantissimo. Un uomo con una personalità decisa e determinata che ha dimostrato in questi due anni come sia possibile intervenire positivamente in questo delicato settore, portando un aiuto concreto alle persone che si trovano in condizioni di disagio economico e sociale. Un professionista ed un politico serio che non si è mai risparmiato nell’impegno per i più deboli e che non si è mai accontentato di soluzioni vacue o superficiali.
Il suo atteggiamento ed il suo modo di lavorare sono stati un prezioso valore per me e per i componenti della mia giunta. Un esempio di capacità manageriale e dedizione al lavoro che si conferma anche con questa sua decisione di interrompere l’esperienza di Amministratore nel momento in cui non ha più a disposizione il tempo necessario a seguire con la dovuta attenzione il lavoro del suo assessorato. Ma, oltre all’impegno amministrativo ed al lavoro, ci sono anche quei valori umani che hanno confermato e consolidato la nostra amicizia, un’amicizia e una stima che resterà tra noi anche in futuro.

Voglio, quindi, ringraziare sinceramente il dottor Moretti per il lavoro che ha svolto per il bene della nostra città ed augurargli il successo che merita nel suo ruolo di Primario del reparto di Cardiologia dell’Ospedale di Chivasso e Ivrea, con l’augurio di portare presto a termine il progetto per il ritorno del reparto di Emodinamica nella nostra città”.

Nelle prossime settimane il primo cittadino si occuperà, con le forze politiche che sostengono la sua maggioranza, di individuare una nuova figura a cui affidare l’incarico assessorile.

17/04/2021 

Sanità

Covid-19: accordo della Regione Piemonte con i farmacisti per i vaccini Pzifer e Moderna

Regione Piemonte, Federfarma e Assofarm hanno definito il percorso che consentirà ai farmacisti di somministrare anche […]

leggi tutto...

17/04/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 865 nuovi casi e 25 decessi. 1.809 i pazienti guariti rispetto a ieri

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle ore 17,00 di oggi, sabato 17 aprile, l’Unità di […]

leggi tutto...

17/04/2021 

Cronaca

Rivarolo: lo straziante saluto della città ai coniugi Dighera. Domani 18 aprile è lutto cittadino

Rivarolo Canavese si è fermata, nel primo pomeriggio di oggi, sabato 17 aprile, per tributare l’ultimo […]

leggi tutto...

17/04/2021 

Cronaca

Pensionato di Corio esce di strada con l’auto, si schianta contro un albero e finisce in ospedale

Un pensionato settantenne è stato ricoverato in ospedale a Ciriè in seguito a un incidente stradale […]

leggi tutto...

17/04/2021 

Cronaca

Telefonata anonima in ospedale contro il pluriomicida: “Stacchiamo la spina a Tarabella”

“Stacchiamo la spina a Tarabella”: la telefonata anonima è giunta all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino […]

leggi tutto...

16/04/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 1.200 nuovi casi. 38 i decessi. Cala la pressione sulle terapie intensive

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, venerdì 16 aprile, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy