06/11/2019

Cronaca

Chivasso: 25 anni fa l’alluvione spazzò via il ponte sul Po che aveva resistito ai bombardamenti

CONDIVIDI

Il mese di novembre del 1994 è ricordato come uno dei periodi più brutti della storia chivassese a causa dei tragici eventi alluvionali che colpirono la città. A partire dagli ultimi giorni di ottobre, piogge incessanti e molto intense colpirono gran parte del Piemonte centrale e meridionale provocando l’ingrossamento dei corsi d’acqua del territorio, in particolare del Po e dei suoi affluenti.

Così tra i 4 e 5 novembre, il ponte del fiume Po costruito a metà del 1800 per collegare il centro cittadino ai comuni della collina e del Monferrato crollò. Le nove arcate in mattoni non riuscirono infatti a reggere la furia della piena che si scatenò alla confluenza con il torrente Orco ed il territorio rimase improvvisamente isolato.

Le settimane ed i mesi successivi servirono per ricostruire quanto era stato distrutto: cantine, abitazioni, garage vennero invasi, ma il problema più grande da risolvere era la mancanza di un ponte sul fiume.
Per far fronte all’emergenza, il Genio militare mise a disposizione dei traghetti fluviali provvisori per consentire alle persone che quotidianamente avevano bisogno di un collegamento con la collina di spostarsi da una sponda all’altra senza disagi. Il servizio era già in funzione nel gennaio del 1995. Per ridurre ancora di più i disagi, sempre nel 1995, il Genio costruì un ponte bailey provvisorio che collegava Verolengo con San Sebastiano da Po.

A Chivasso, invece, Anas (il compartimento di viabilità di Torino) progettò un nuovo ponte che venne realizzato in calcestruzzo con le più aggiornate tecnologie e sole tre arcate di considerevoli dimensioni, così da consentire il miglior deflusso alle acque. Il nuovo collegamento, lungo 230 metri, venne inaugurato il 2 maggio 1997 sotto l’amministrazione del sindaco Andrea Fluttero.

Il Comune di Chivasso, con il Comune di Castagneto Po e il distaccamento dei Vigili del Fuoco di Chivasso stanno predisponendo insieme una manifestazione in ricordo dei tragici eventi che si svolgerà il prossimo 17 novembre.

“Ascoltare le testimonianze dei sindaci e di tutti coloro che sono stati gli attori principali di un film che nessuno vuole più rivedere è stata un’occasione di profonda riflessione sia sul passato, ma soprattutto di insegnamento per il futuro”: questo è quanto ha detto il consigliere segretario Gianluca Gavazza a conclusione del Consiglio Regionale aperto svoltosi all’Unione industriale di Torino per celebrare i 25 anni dall’alluvione del 1994.

08/03/2021 

Cronaca

Bosconero: auto esce di strada e si schianta contro il guard rail. Grave un uomo di 36 anni di Rivarolo

Un altro, grave ennesimo incidente stradale, sulla ex strada statale 460: per cause ancora in via […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Sanità

Coronavirus: oggi 1.210 nuovi contagi. 16 i decessi. Il Piemonte va verso la “zona rossa”

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, lunedì 8 marzo, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Sanità

Asl T04: il dottor Carlo Bono, 56 anni, è stato nominato Direttore del Distretto Sanitario di Ivrea

La Direzione Generale ha assegnato l’incarico di Direttore della Struttura Complessa Distretto Ivrea a Carlo Bono. […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Economia

Dalla Regione maggiori fondi per i sistemi informativi. Lavoro, domanda e offerta devono viaggiare online

Maggiori fondi in favore dei sistemi informativi, per creare l’incrocio ideale tra domanda e offerta di […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Sanità

Coronavirus, sale il numero dei contagi. Forse lunedì 15 marzo il Piemonte diverrà zona rossa

Il lento e inesorabile cammino del Piemonte verso la zona rossa è iniziato: con ogni probabilità, […]

leggi tutto...

08/03/2021 

Cronaca

Didattica a distanza, gli infermieri del Nursind protestano: “Così si mette a rischio il Piano vaccinale”

“Lunedì 8 marzo è una giornata importante per le donne, ma le stesse donne impegnate da […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy