06/12/2019

Cronaca

L’assessore regionale Tronzano in visita a Belmonte: “Urgente il recupero del Sacro Monte”

CONDIVIDI

Nella mattinata di ieri, giovedì 5 dicembre, l’assessore regionale al Bilancio e al Patrimonio Andrea Tronzano ha effettuato un sopralluogo al santuario di Belmonte insieme al consigliere Mauro Fava per verificare di persona lo stato dell’arte dell’immobile storico. Prima della visita, si è tenuta una riunione in Comune a Cuorgnè con i funzionari della Regione a cui hanno partecipato anche il presidente dell’Unione montana Val Gallenca, Piero Rolando Perino, e il vice-sindaco cuorgnatese Laura Febbraro.

“Siamo all’inizio di un percorso che deve portare al recupero e alla valorizzazione del complesso di Belmonte. Un processo che non può prescindere da un coinvolgimento diretto degli attori locali, in primis l’Unione montana – commenta l’assessore Andrea Tronzano –. La Regione garantisce il suo impegno in tal senso. Prima di tutto intendo incontrare la proprietà per analizzarne le intenzioni. Partiamo da una base di 1 milione di euro accantonato dalla Giunta Chiamparino, al quale bisogna trovare un capitolo di spesa adatto per renderlo disponibile ad essere utilizzato in lavori di manutenzione e riqualificazione dell’area del santuario. Ed in tal senso voglio incontrare l’ente di gestione dei Sacri monti, perché l’allocazione delle risorse di cui dispone, stanziate dalla Regione, non mi pare soddisfacente: bisogna fare di più, anche alla luce dei danni ingenti provocati dall’ultimo incendio al patrimonio forestale”.

Una cosa è certa. La presunta trattativa di acquisto sbandierata dal Pd prima del voto dello scorso giugno era ben lungi dall’essere vicina ad una conclusione.

“La verità è che il milione di euro stanziato dalla Regione targata Pd era solo un disperato tentativo di raggranellare qualche consenso a livello locale da parte di chi evidentemente era conscio della sua probabile sconfitta elettorale – spiega Mauro Fava –. Alla prova dei fatti, la somma messa a bilancio non era nemmeno utilizzabile, perché non c’era alcun accordo a livello locale, nonostante fosse indispensabile per concretizzare la compravendita. Si è trattato di una mera operazione di facciata sulla quale i democratici hanno provato a montare un’operazione propagandistica che però non ha alcun fondamento”.

30/11/2022 

Economia

Valperga: “Spazi di società” propone l’incontro “Scosse energetiche. Come difendersi?”

Il Circolo associativo Spazi di società, attivo nei locali della Soms di Valperga, con l’intento di […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Cronaca

Torre Canavese: a fuoco il tetto di una villetta. Pompieri al lavoro per domare le fiamme

A fuoco il tetto di un’abitazione a Torre Canavese. L’incendio è divampato intorno alle 18,30 di […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Cronaca

Canavese: chiuse al traffico per lavori di consolidamento le strade provinciali di Ceres, Rocca e Caravino

Strada provinciale 80 di “Caravino”, Strada provinciale 33d02 “della Val Granda – coll. Ceres”, Strada provinciale […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Economia

Economia: “IoLavoro” torna in presenza a Torino dopo il primo appuntamento di Biella

Dopo tre anni di edizioni digitali “IoLavoro” torna in presenza: il 25 novembre lo è stato […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Cronaca

Il sindaco di Chivasso annuncia la revoca della cittadinanza onoraria ad un quadrumviro della Marcia su Roma

“Il centenario della Marcia su Roma avrà un’eco a Chivasso, ma di tenore diametralmente opposto ai […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Cronaca

Gli orfani ucraini senza corrente elettrica. La memoria viva: “Ridiamo la luce agli angeli di Mariupol”

Dalla struttura ucraina che ospita gli orfani sfuggiti alla distruzione di Mariupol giunge un appello disperato: […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy