San Giusto Canavese: fiamme nella villa del boss Assisi. La solidarietà del Comune di Castellamonte

11/06/2018

CONDIVIDI

Il sindaco Pasquale Mazza: "Esprimiamo piena solidarietà al comune di San Giusto perché quella villa è un simbolo, ma anche i simboli sono importanti. Per dire chiaramente da che parte stiamo: quella della legalità"

Il comune di Castellamonte esprime piena solidarietà a quello di San Giusto Canavese, dove nei giorni scorsi, alcuni ignoti hanno cercato di dare fuoco alla villa del boss del narcotraffico Nicola Assisi, attualmente latitante e oggetto di un mandato di cattura europeo. La lussuosa abitazione è stata affidata, dopo la confisca, per scopi sociali all’associazione Libera di Don Ciotti. In un comunicato stampa il sindaco di Castellamonte Pasquale Mazza ricorda come il 30 aprile scorso un rappresentante dell’amministrazione castellamontese aveva preso parte alla manifestazione organizzata da Libera a San Giusto Canavese (nella foto).

“Crediamo che quella partecipazione fosse utile per dare un segnale, per ricordare e ricordarci che questo territorio è spesso fertile per la criminalità organizzata, che può agire indisturbata lontano da occhi indiscreti.
Per dare un segnale contro quel mondo scoperchiato dall’operazione Minotauro del 2011. Abbiamo invece appreso i recenti atti avvenuti all’interno della villa, dove i lucchetti sono stati tranciati e pareti interne date alle fiamme, con bombole di gas lasciate al centro di due stanze come avvertimento”.

Sul significato del gesto il primo cittadino della Città della Ceramica non ha dubbi: “Atti di intimidazione mafiosa. Per questo come amministrazione esprimiamo piena solidarietà al comune di San Giusto e saremo presenti ufficialmente il 16 giugno alle iniziative già in programma nella villa.

Perché quella villa è un simbolo, ma anche i simboli sono importanti in questa battaglia. Per dire chiaramente da che parte stiamo, e da che parte è necessario andare per risollevare tutto il Canavese: la parte della legalità”.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/10/2018

Cuorgnè: domenica 21 ottobre “Gran Castagnata” e “Passerella Cinofila” in piazza Martiri

Con l’arrivo dell’Autunno tornano in Canavese le tradizionali “Castagnate”: domenica 21 ottobre sarà la volta di […]

leggi tutto...

Canavese

/

16/10/2018

Trapianto di polmoni a cuore fermo al “Maria Vittoria”. Il donatore è un 40enne canavesano

Primato all’ospedale Maria Vittoria di Torino: l’équipe chirugica diretta dal professor Emilpaolo Manno ha eseguito, oggi, […]

leggi tutto...

Chivasso

/

16/10/2018

Chivasso: dopo quattro anni riapre nel 2019 la sede Inps. Il sindaco Castello: “Stop ai disagi”

Nel 2015, la notizia della chiusura della sede Inps di via Demetrio Cosola a Chivasso, fu […]

leggi tutto...