18/06/2021

Economia

Scarmagno: sulla Gigafactory da 4mila posti di lavoro è “guerra” tra Torino e Canavese

CONDIVIDI

L’opportunità della “green transition” a livello di industria automobilistica accende i riflettori sul Piemonte, che da sempre in Italia è protagonista del settore. Ma su questa opportunità si scatena la querelle politica con i consiglieri della Lega Salvini che accusano i colleghi del Partito Democratico di avvallare la sola candidatura della Gigafactory di batterie elettriche per auto nel gruppo Stellantis. La Italvolt aveva già preannunciato di voler realizzare il più grande impianto di produzione europeo nell’area ex Olivetti di Scarmagno. La presa di posizione assunta dal Pd, a giudizio dei consiglieri regionali leghisti, penalizza il Canavese dato che la Gigafactory prevede l’assunzione di almeno 4mila addetti.

“Trovo contrastanti ed inefficaci – commenta il consigliere canavesano Andrea Cane -. Le posizioni che il Pd sostiene nell’emiciclo del Consiglio regionale. Abbiamo fornito al collega Alberto Avetta una serie di informazioni nel question time della seduta del 15 giugno, in cui l’assessore alle Attività produttive Tronzano ha rassicurato sul percorso che Italvolt, società fondata e guidata da Lars Carlstrom (a destra nella fotografia) ha dichiarato di voler concretizzare in Canavese con un investimento di 4 miliardi di euro per costruire la prima Gigafactory in Italia. Oggi però ci ritroviamo con un Ordine del Giorno del PD, a prima firma del Consigliere Gallo che recita di voler dare sostegno alla sola candidatura del capoluogo piemontese per ospitare la nuova Gigafactory di batterie del gruppo Stellantis”.

“Ma cos’è Torino versus Canavese?! – ha incalzato il Consigliere con delega agli enti locali per la Lega in Piemonte Andrea Cane -.  Perché creare questa contrapposizione a fronte di una posizione chiara da parte del Presidente Cirio e di tutta la Giunta che hanno più volte ribadito che il Piemonte è pronto a sostenere tutti gli interlocutori conscio dell’impatto socioeconomico che la nuova industrializzazione verde porterà sul territorio? Le posizioni del Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti sono altrettanto chiare e la prospettiva del Recovery Fund apre una nuova fase. Vedere una minoranza che al suo interno mette in concorrenza Torino e la sua provincia, con il vecchio metodo della sinistra che fa l’occhiolino al mondo industriale senza mai esporsi è desueto e inopportuno. Vogliamo un futuro del Piemonte e dei Piemontesi, se la Sinistra parteggia per Stellantis o continua sulla volontà centripeta di mettere Torino davanti ad ogni opportunità, lo dica chiaramente e i cittadini canavesani ne prenderanno atto”.

15/10/2021 

Cronaca

Perosa: terrificante scontro tra due auto sul viadotto dell’A5. Una donna finisce in gravi condizioni al Cto

Due auto distrutte e due feriti, ci cui uno si trova in gravi condizioni in ospedale: […]

leggi tutto...

15/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: in risalita i nuovi contagi. Oggi sono 203. Stabili le terapie intensive

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, venerdì 15 ottobre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

15/10/2021 

Economia

Assegnato al Piemonte l’Oscar del turismo enogastronomico. Lo ha decretato il popolo del web

Nel 2021 il Piemonte è stata la regione che ha registrato nelle recensioni online il sentiment […]

leggi tutto...

15/10/2021 

Cronaca

Orio Canavese: 80enne colpito alla schiena nel cortile di casa dai colpi sparati da un cacciatore

Prima ha sentito lo sparo poi è stato raggiunto dai pallini di piombo mentre si trovava […]

leggi tutto...

15/10/2021 

Cronaca

Strada provinciale 32 “della Valle di Viù”: decretata la chiusura invernale dal 18 ottobre per lavori

La strada provinciale 32 della Valle di Viù nel tratto compreso fra l’abitato di Margone e […]

leggi tutto...

15/10/2021 

Cronaca

Momenti di paura a San Martino Canavese. A fuoco il tetto di un edificio nel centro storico

Un incendio sviluppatosi nella mattinata di oggi, venerdì 15 ottobre, ha distrutto il tetto di un […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy