24/12/2020

Sanità

Sanità, il sindacato Nursind polemizza: “In ritardo il servizio degli infermieri di famiglia”

CONDIVIDI

Siamo alle solite. Ancora una volta la Regione Piemonte è ritardo sulla realizzazione di progetti annunciati, come quello, ad esempio, dell’istituzione dell’infermiere di famiglia e di comunità. Il motivo: il mancato stanziamento dei fondi per l’istituzione del servizio che, in un momento critico come quello che si sta attraversando sarebbe di grande utilità. A denunciare la situazione è il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche. “Con il decreto-legge 34/2020 successivamente convertito con la legge 77/2020, è stato prevista l’acquisizione di 8 infermieri di famiglia e comunità ogni 50.000 abitanti. Considerato quindi i numeri dell’Asl T04, dovrebbero prendere servizio le 73 unità infermieristiche a tempo indeterminato. Eppure, nonostante l’Azienda Sanitaria locale abbia previsto il numero di unità utile al fine di raggiungere l’obiettivo previsto dalla normativa, la stessa azienda non ha potuto inserire i 73 infermieri all’interno del piano del fabbisogno di personale. Le motivazioni risiedono nel fatto che i tetti di spesa stabiliti dalla Regione a favore dell’azienda, sono rimasti praticamente immutati”.

In questo frangente il Nursind ha immediatamente inviato una lettera ai vertici dell’Asl T04 chiedendo di inserire ugualmente i 73 infermieri all’interno del Piano economico 2021, considerando che il Governo ha stanziato specifiche risorse a favore delle Regioni.

“Soprattutto ci chiediamo come saranno acquisite le 73 unità considerato che il 1° gennaio 2021 è ormai alle porte, non è presente una graduatoria infermieristica a tempo indeterminato e che quella a tempo determinato di 36 mesi è inspiegabilmente ferma – continua il Nursind -. Insomma, l’ennesimo e imbarazzante pasticcio di un Assessorato che ha ormai dimostrato la sua incapacità e inadeguatezza nella gestione di questa pandemia. Fra l’altro siamo curiosi di conoscere come l’Asl T04 utilizzerà i soldi risparmiati delle assunzioni a tempo indeterminato non effettuate nel 2020. Infine, ad aggravare ancor di più la carenza di personale in azienda, si è messa una DGR del 1° dicembre che prevede in maniera assolutamente illegittima, l’utilizzo di OSS e infermieri presso le Rsa, svuotando colpevolmente gli ospedali che a breve dovranno scontrarsi con l’arrivo dell’influenza, della terza ondata Covid e dell’impegno legato alla vaccinazione”.

26/09/2021 

Arte

L’Arte Urbana colora Rivarolo Canavese

Inside/Out è questo il titolo dell’iniziativa culturale che sta per approdare a Villa Vallero. Nella sede […]

leggi tutto...

26/09/2021 

Cronaca

Che brutta avventura a Porta Nuova: aggredita e derubata

Una donna sta attraversando le strisce pedonali nei pressi della stazione Porta Nuova quando, fermatasi sulla […]

leggi tutto...

26/09/2021 

Sport

Campionato di bike Trial ad Alpette, spettacolo a due ruote.

E’ in corso la quarta prova del campionato nazionale di Bike Trial ad Alpette. Dalle 9.30 […]

leggi tutto...

24/09/2021 

Economia

Cantieri di lavoro in Piemonte: dalla Regione 1,5 milioni di euro per i nuovi bandi. Ecco tutte le Info

Un’opportunità concreta di occupazione per le persone più svantaggiate e più deboli che affrontano il mercato del lavoro. […]

leggi tutto...

24/09/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 213 nuovi contagi e tre decessi. Stabile la situazione nelle terapie intensive

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,45 di oggi, venerdì 24 settembre l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/09/2021 

Cultura

Al Castello Malgrà, domenica 26 “Blue Moon”, il gran concerto del Coro Polifonico Città di Rivarolo

Avrà luogo domenica 26 settembre alle 20,45 nella suggestiva cornice delle Ex Scuderie del Castello Malgrà […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy