22/05/2022

Sanità

Sanità: anche all’Asl T04 mancano i fondi per pagare le indennità al personale. Il Nursind: “È inaccettabile”

CONDIVIDI

Dopo la segnalazione del Nursind sulle criticità registrate nelle altre Aziende Piemontesi, il Nursind torna alla carica anche sull’Asl T04. Nei giorni scorsi, il Nursind (il sindacato delle professioni infermieristiche) aveva denunciato pubblicamente che al San Luigi Orbassano non sarebbe stata più erogata l’indennità di malattie infettive per assenza di finanziamenti

“Stesso discorso anche per Asl T05, dove mancherebbero le risorse per pagare gli incentivi al personale Covid. Riteniamo inaccettabile che numerosi infermieri, OSS e altri sanitari coinvolti durante l’emergenza, stiano ancora aspettando di vedersi retribuito lo straordinario, le indennità e una quota di incentivi – dichiara il segretario territoriale Giuseppe Summa -. Purtroppo, i fondi aziendali dai quali vengono prese le risorse, sono stati svuotati dall’impegno legato all’emergenza Covid. E senza un nuovo arrivo di finanziamenti stabili, avremo serie criticità”.

L’esponente sindacale spiega che nel 2021 è stato possibile retribuire le indennità di malattie infettive e terapia intensiva del 2020, ma successivamente i lavoratori dei reparti covid hanno percepito solo una delle due indennità previste.

“E considerando che i dipendenti interessati non percepiscono l’indennità doppia da gennaio 2021 ad oggi, parliamo di una cifra media di circa 1500 euro lordi. È vergognoso. Non solo è ripreso il balletto dei tagli alla sanità, ma non vengono riconosciuti nemmeno i soldi per attività di lavoro già svolta. Anche questi dipendenti come tutti i cittadini hanno spese da affrontare, e di certo se fossero in debito con i loro creditori, questi non avrebbero aspettato a farsi sentire”.

Un’affermazione che suona come una dichiarazione di guerra: Summa annuncia che se non arriveranno risorse economiche entro poco tempo, il sindacato avvierà tutte le azioni legali per il recupero delle somme dovute a favore dei lavoratori.

“Di certo c’è, che non è con questi presupposti che riusciremo a trattenere il personale nelle nostre aziende – conclude -. Infine, anche sul tema stabilizzazioni e nuove assunzioni ci sono forti dubbi e preoccupazioni. Siamo riusciti a prorogare i contratti interinali fino al 30 settembre, ma di fatto abbiamo perso 22 unità. Non si può fare sanità in questo modo. Serve una programmazione a lungo termine”

02/07/2022 

Incidente in montagna: 58enne di Chivasso precipita e muore a Claviere sotto gli occhi del figlio

Un altro incidente in montagna, un altro morto. L’ennesimo episodio di cronaca si è consumato nella […]

leggi tutto...

02/07/2022 

Alla Mostra Nazionale di Usseglio per due domeniche si arriva con l’originale “Corriera della Toma”

Nei fine settimana centrali del mese di luglio torna ad Usseglio la Mostra Nazionale della Toma […]

leggi tutto...

02/07/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: dopo le grandinate e i violenti temporali ritorna l’estate. E ritorna il caldo torrido

Queste le previsioni del tempo per domani, domenica 3 luglio, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Al […]

leggi tutto...

02/07/2022 

Cronaca

È morta in ospedale dopo cinque giorni agonia, la pensionata 77enne di Valperga caduta dalle scale

È morta dopo cinque giorni di agonia la pensionata 77enne di Valperga caduta dalle scale mentre […]

leggi tutto...

01/07/2022 

Cronaca

Un violento nubifragio si abbatte sulla festa patronale di Volpiano. Ingenti i danni. Comune e Pro loco al lavoro

Nella tarda serata di giovedì 30 giugno, durante lo svolgimento della festa patronale, un violento nubifragio si è abbattuto […]

leggi tutto...

01/07/2022 

Cronaca

Giglio Vigna (Lega) contro i “furbetti” del reddito di cittadinanza. “Il Canavese è terra di lavoratori”

In merito al blitz svolto dalla Guardia di Finanza in alcuni locali di Chivasso che ha […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy