09/03/2016

Cronaca

San Giusto Canavese: una “panchina rossa” per invitare gli uomini a non “odiare le donne”

San Giusto Canavese

/
CONDIVIDI

Una “panchina rossa” contro la violenza sulle donne. Un fenomeno, purtroppo, in continua crescita, che ha ispirato la creazione e l’installazione delle ormai celebri panchine colorate di rosso, divenute simbolo della lotta alla violenza e al femminicidio. Una di queste panchine, realizzata dalle giovani artiste sangiustesi Lucrezia Bertetto e Letizia Giulio, da ieri, 8 marzo, giorno della Festa della Donna, fa bella figura di sé nel parco in cui è stato eretto il monumento dedicato ai Caduti di tutte le guerre. Sullo schienale sono stati disegnati occhi di donna: occhi spalancati, dolorosi, accusatori e increduli.

L’installazione della “panchina rossa”, voluta dall’Amministrazione Comunale di San Giusto Canavese ha un significato ben preciso: è un implacabile atto d’accusa della società civile nei confronti di chi commette soprusi e atti di violenza sulle donne. Donne colpevoli essere tali, di non voler essere soltanto considerato come un oggetto di proprietà, di essere umano inferiore. La società muta, a volte in positivo a volte in negativo ma la violenza rimane sottotraccia e spesso non viene denunciata per paura o per scarsa consapevolezza. Le “panchine rosse” sono questo e anche molto di più: un monito a rispettare ed amare il genere femminile e un invito a denunciare quegli uomini che, parafrasando lo scrittore svedese Stieg Larsson, “odiano le donne”.

Dov'è successo?

30/11/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi sfiorata la soglia dei mille nuovi contagi. Tre i decessi. 492 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, 30 novembre, l’Unità di Crisi della […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Eventi

Doppio concerto a Rivarolo delle bande musicali “La Rivarolese” e “La Novella” di San Maurizio

Sabato 11 dicembre 2021 avrà luogo un’edizione speciale del concerto di Santa Cecilia per la Filarmonica […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Cronaca

Mazzè: prostituta sale sull’auto di un cliente ma viene rapinata e gettata fuori dall’auto. È grave

Rapinata e poi gettata sulla strada da un’auto in corsa. È in prognosi riservata all’ospedale di […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Cronaca

Borgaro: in uno scontro il portiere cade per terra e non muove le gambe. Salvato da un arbitro eroe

È raro che un arbitro esca dal campo tra gli applausi dei tifosi: ad Ayoub El […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Cronaca

Il calcio piemontese e canavesano in lutto per la morte di Stefano Borla, preparatore dei portieri

È deceduto dopo tre giorni di agonia in ospedale Stefano Borla, 50 anni, responsabile della scuola […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Cronaca

Volpiano, esercitazione della protezione civile per operazioni di ricerca e salvataggio

Nella settimana dal 22 al 26 novembre a Volpiano si è svolta un’esercitazione di protezione civile […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy