11/12/2017

Cronaca

San Giorgio: nove bambini intossicati a scuola dal monossido di carbonio. Inchiesta della procura

San Giorgio Canavese

/
CONDIVIDI

Il monossido di carbonio si sarebbe diffuso nella palestra della scuola elementare “Carlo Ignazio Giulio” di San Giorgio Canavese a causa del malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento: sono venti i bambini (un’intera classe) impegnati negli esercizi ginnici che avrebbero accusato uno strano malessere. Si deve all’intuito di una maestra se la fuga di monossido di carbonio non ha creato seri danni alla salute degli scolari. E’ stata la stessa insegnante a chiamare i soccorsi dopo aver portato gli alunni all’aperto. E’ acaduto nella mattinata di oggi, lunedì 11 dicembre.

Sul posto sono tempestivamente intervenuti il personale sanitario del 118, i vigili del fuoco di Ivrea e i colleghi del Nucleo Nbrc di Torino. Nove i bambini ricoverati negli ospedali di Ivrea, Chivasso e Ciriè. Le condizioni dei bambini sono buone anche se i sanitari, per precauzione, li sottoporranno a una seduta di ossigeno terapia nelle camere iperbariche degli ospedali Molinette e Regina Margherita di Torino. Uno dei bimbi è stato ricoverato in codice gialle mentre gli altri sono stati classificati nei triage come codici verdi.

Il sindaco di San Giorgio Canavese da ore staziona negli ospedali dove sono trasportati i bambini. Quella scuola, situata al centro del paese, è frequentata anche dalla figlia del primo cittadino. Mentre i carabinieri della stazione di San Giorgio Canavese hanno iniziato le indagini, il sindaco Andrea Zanusso ha firmato un’ordinanza di chiusura della scuola fino a data da destinarsi.

Quel che conta è la salute dei bambini, che per fortuna, come conferma il sindaco, non desta particolari preoccupazione: certo è che l’impianto di riscaldamento sarà attentamente ispezionato per comprendere come abbia potuto verificarsi la pericolosa fuga di monossido di carbonio che è un gas inodore e incolore. Nella mattinata di domani, martedì 13 dicembre, l’amministrazione comunale fornirà informazioni dettagliate e aggiornate. La situazione, in ogni caso, è sotto controllo.

Una cosa è certa: prima di riaprire il plesso scolastico il sindaco Andrea Zanusso vuole avere la certezza che un inconveniente di questa gravità non abbia più a ripetersi. La procura della Repubblica di Ivrea ha aperto un’inchiesta.

Dov'è successo?

18/06/2021 

Eventi

Forno Canavese: da sabato 19 giugno al via la manifestazione “Teatro e Musica del Paluc”

Il Piemonte è in zona bianca e gli eventi sul territorio, seppure limitati dalle stringenti normative […]

leggi tutto...

18/06/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi nessun decesso. 58 i nuovi casi positivi. 36 i ricoveri in terapia intensiva

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 18,00 di oggi, venerdì 18 giugno, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

18/06/2021 

Economia

Scarmagno: sulla Gigafactory da 4mila posti di lavoro è “guerra” tra Torino e Canavese

L’opportunità della “green transition” a livello di industria automobilistica accende i riflettori sul Piemonte, che da […]

leggi tutto...

18/06/2021 

Cronaca

Volpiano, boom di domande per i centri estivi. Allestita una seconda sede alla scuola “Ghirotti”

Per accogliere tutti i 116 bambini iscritti ai centri estivi di Volpiano, l’amministrazione comunale ha provveduto […]

leggi tutto...

18/06/2021 

Cronaca

Ivrea: auto sfiora il marciapiede. 26enne rincorre l’automobilista e gli sfascia il parabrezza

Due le denunce per danneggiamento scattate nella sola giornata di martedì, ad opera degli agenti del […]

leggi tutto...

18/06/2021 

Economia

Le discoteche sono sull’orlo del fallimento: La Lega: “Riapriamole per chi possiede il green pass”

Fermi da 15 mesi, i gestori di locali da ballo e discoteche chiedono di tornare a […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy