30/07/2016

Politica

Rivarolo: sulle sezioni della materna all’Anffas, è polemica tra Alberto Rostagno e Marina Vittone

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

Sono state le due sezioni della scuola materna temporaneamente trasferite presso l’Anffas di corso Indipendenza a Rivarolo Canavese, a riscaldare gli animi nel corso dell’ultima seduta estiva del consiglio comunale cittadino. Motivo del contendere? L’affitto che l’amministrazione comunale paga alla struttura che ospita persone disabili. Ad innescare la polemica politica è stata ancora una volta la capogruppo della lista “Rivarolo Sostenibile” Marina Vittone che ha sottolineato come la spesa, che ammonta a 1.200 euro mensili per ogni sezione, sarebbe troppo elevata. La consigliera comunale ha fatto un conteggio di spesa totale partendo dall’anno 2005 (anno del primo insediamento dell’asilo).

Il sindaco Alberto Rostagno ha ribattuto che, oltre al fatto che l’asilo comunale all’Anffas, oltre alla sistemazione logistica ha permesso un’integrazione  tra bambini e disabili che sta ottenendo importanti risultati dal punto di vista sociale. Per quanto invece concerne la spesa ritenuta troppo elevata da marina Vittone, il primo cittadino ha spiegato che intendeva fare conti all’attuale amministrazione avrebbe dovuto partire dal 2914, e cioè dall’anno dell’insediamento del nuovo sindaco e non quando ad amministrare erano altri. Alberto Rostagno, nel corso della replica alle argomentazioni addotte da Marina Vittone ha ribadito che anche la commissione prefettizia che ha governato nel 2012 e nel 2013 non ha ritenuto di disdire o di mettere in discussione la convenzione. Non paga, la consigliera ha ignorato le spiegazioni del primo cittadino e ha continuato a inveire contro il presidente del consiglio comunale Domenico Rosboch che ha cercato di rammentarle che il tempo a sua disposizione era scaduto. La consigliera ha continuato nel suo intento, senza tenere conto di quanto specificato.

“Marina Vittone è  l’unico consigliere di tutta l’assemblea – rileva Alberto Rostagno – che non rispetta mai le norme contenute nei regolamenti comunali”. La risistemazione di Villa Vallero, dove si era pensato di ricollocare tutte le sezioni dell’asilo nido, provvisoriamente accantonata dall’attuale amministrazione perché comporterebbe costi molto alti, è stata marginalmente toccata, anche se questo è un punto moto caro al gruppo consigliare di “Rivarolo Sostenibile”.

Dov'è successo?

25/01/2021 

Cronaca

Suicidi in aumento tra gli adolescenti e i giovani in Italia e in Piemonte. E l’Oms lancia l’allarme

Si feriscono alle gambe e alle braccia: atti di autolesionismo che sempre più spesso sfociano nel […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Sanità

Emergenza Covid: oggi in Piemonte 600 nuovi contagi, 21 i decessi e 707 i pazienti guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI Alle ore 16,30 di oggi, lunedì 25 gennaio, l’Unità di Crisi della […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Cronaca

Piemonte, migliora la qualità dell’aria. Revocato il blocco della circolazione dei diesel Euro 5

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, d’intesa con gli assessori competenti all’Ambiente e alla Sanità, […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Politica

Il governo taglia fuori le regioni dalla gestione dei miliardi del React-Eu. Insorge la Lega canavesana

Il Piemonte non ci sta e reagisce alla notizia che l’Italia intende gestire i 13,5 miliardi […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Cronaca

Volpiano: celebrazioni on line nella “Giornata della Memoria” per non dimenticare l’Olocausto

Per la Giornata della Memoria, la ricorrenza che si celebra il 27 gennaio per ricordare le […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Cronaca

Dramma sfiorato a Oglianico: in ospedale 4 donne intossicate dal monossido di carbonio

Quattro donne sono finite in ospedale a causa di una presunta intossicazione da monossido di carbonio. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy