12/03/2016

Politica

Rivarolo, i bambini spiegano al sindaco Rostagno in quale città vorrebbero vivere

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

Il Piano regolatore partecipato voluto dall’Amministrazione Comunale di Rivarolo Canavese, che ridisegnerà nei prossimi anni il radicale riassetto urbanistico della città, inizia a dare i suoi frutti. In attesa di ricevere i suggerimento delle associazioni dei cittadini, dalle categorie professionali, da quelle di categorie, dai commercianti, e dalle associazioni di volontariato, i primi a rispondere sono stati i bambini rivarolesi, in special modo gli alunni della scuola primaria. Ma in quale città i bambini vorrebbero vivere? Le immagini che pubblichiamo sono più che esplicative. I più piccoli vorrebbero vivere in una città più funzionale, dotata dei servizi essenziali: parchi giochi puliti e funzionanti, un cinema (che a Rivarolo Canavese è incredibilmente assente), l’ospedale, i giardinetti della scuola verdi e curati, maggiore cura per l’ambiente, trasporti efficienti, la garanzia della sicurezza.

Gli scolari si sono espressi tramite il disegno: lo strumento che è loro più congeniale e che meglio evidenzia il loro pensiero. Il sindaco di Rivarolo Alberto Rostagno è particolarmente soddisfatto. E’ ovvio che i suggerimenti saranno tenuti in debito conto allo scadere del periodo prefissato per far giungere a Palazzo Lomellini che ospita gli uffici comunali, tutte le osservazioni e le proposte avanzate dai cittadini, ma questa sollecitudine dimostrata dalla popolazione più piccola è anche un po’ commovente nella sua ingenuità e nella capacità, nel contempo, di individuare alcune decisive priorità.

“Devo ammettere che sono rimasto alquanto sorpreso quando abbiamo ricevuto diverse di queste cartoline consegnate nelle scuole – commenta il primo cittadino -. Per noi è di particolare importanza sapere in quale città vorrebbero vivere i futuri cittadini di Rivarolo, ossia di coloro che, tra non molti anni qui lavoreranno, continueranno a studiare, abiteranno con la propria famiglia. Lo scopo del nuovo Piano Regolatore che la giunta che presiedo intende attuare è proprio questo: fare in modo che la nuova città stia al passo con i tempi che cambiano e che sia, soprattutto più a misura d’uomo e di bambino. Una sfida importante non soltanto per noi ma anche per gli amministratori che ci succederanno”.

Dov'è successo?

26/10/2020 

Sanità

L’Asl T04 allestisce altri due punti di accesso diretto per i tamponi e ricerca luoghi idonei

L’Asl T04 sta valutando per l’attivazione di due nuovi Punti di accesso diretto per l’esecuzione di […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Cronaca

La sindaca di Settimo Elena Piastra positiva al Covid. L’appello sui social: “Non abbassiamo la guardia”

Elena Piastra, sindaco di Settimo Torinese, è risultata positiva al Coronavirus. È stata l’amministratrice a dare […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: l’epidemia continua la sua corsa. Nelle ultime 24 ore + 1.625 casi positivi

Alle 17,30 di oggi, lunedì 26 ottobre, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Cronaca

Ivrea: di notte sul tetto di un’autovettura inveisce contro l’ex titolare. 33enne arrestato dalla polizia

La scorsa notte gli agenti del commissariato Ivrea e Banchette hanno ricevuto la segnalazione di un […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Cronaca

Emergenza Covid, il governatore Cirio: “Manteniamo mascherina e distanziamento sociale”

Commentando il Dpcm appena emanato dal Governo, il presidente della Regione Alberto Cirio dichiara che “siamo […]

leggi tutto...

26/10/2020 

Cronaca

Incidente sul raccordo Torino-Caselle. Auto investe operaio dell’Anas. Il ferito trasportato al Cto

Un operaio dipendente dell’Anas è stato investito da una Fiat 500 in transito sul raccordo autostradale […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy