10/02/2016

Cultura

Rivarolo Canavese: un libro racconta la tragica avventura polare di Adalberto Mariano

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

E’ la storia di una grande disavventura che si trasforma in un grande atto di eroismo. E’ la vicenda che ha visto protagonista Adalberto Mariano, l’esploratore polare nato a Rivarolo Canavese e della drammatica spedizione del dirigibile Italia. Una grande e disperata epopea raccontata dallo scrittore Gerardo Unia nel libro intitolato “Il Prefetto dei Ghiacci. Dalla tenda Rossa al Polo Nord a Cuneo. Storia di un esploratore polare diventato prefetto a Cuneo”. La presentazione del volume dedicato a questo importante rivarolese avrà luogo giovedì 18 febbraio alle ore 21,oo presso la sala consigliare del Comune in via Ivrea 60. Dopo il saluto agli intervenuti da parte del sindaco di Rivarolo Canavese Alberto Rostagno e dell’Assessore alla cultura Costanza Conta Canova, Stefano Merlo e Riccardo Poletto illustreranno al pubblico alcune note rivarolesi sull’ammiraglio Adalberto Mariano. L’ingresso alla serata è libero. In occasione dell’evento sarà allestita una rassegna bibliografica e documentaria a cura di Stefano Merlo.

Esperto ufficiale della regia marina Italiana, Adalberto Mariano, era un profondo conoscitore dell’Estremo Oriente, fu ufficiale d’ordinanza del principe Aimone di Savoia-Aosta, duca di Spoleto. Nel 1928, anche grazie alla sua esperienza di navigazione aerea, fu scelto per far parte della spedizione del generale Umberto Nobile con il dirigibile “Italia”, svolgendo in pratica le mansioni di comandante in seconda. Il resto è storia: il 25 maggio 1928, dopo aver sorvolato il Polo, il dirigibile, per un insieme di cause deviò dalla rotta, scese di quota e precipitò sulla banchisa dove cadde parte dell’equipaggio, tra cui Adalberto Mariani e del carico. Il dirigibile, alleggerito venne trascinato dai venti insieme al resto del personale di bordo verso un ignoto destino. Dopo aver raccolto provviste e quanto poteva essere utile, i superstiti si sistemarono alla meglio nella celeberrima “tenda rossa”. Dopo mesi, una sola delle spedizioni partite in soccorso dell’equipaggio dello sfortunato dirigibile, riuscì a salvare il generale Nobile e quel che rimaneva dell’equipaggio. Al termine dell’avventura artica Adalberto Mariano perse la gamba destra che gli fu amputata perché incancrenita dal progressivo congelamento. L’Ammiraglio morì a Roma il 27 ottobre 1972.

Dov'è successo?

26/11/2021 

Sanità

Piemonte, il 97% delle Rsa è Covid-free. E la Regione annuncia tamponi gratuiti per le visite natalizie

Test gratuiti per le visite natalizie nelle Rsa e nelle altre residenze. Come già avvenuto lo […]

leggi tutto...

26/11/2021 

Eventi

Rivarolo Canavese: la mostra fotografica all’aperto “R-Esistiamo” diventa la cronistoria del Covid

Immagini eloquenti, a volte crude, impietose ma soprattutto umane: sono quelle scattate dal fotografo valperghese Piero […]

leggi tutto...

26/11/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: sfiorata la soglia dei 900 nuovi contagi. Nessun decesso. 29 in Rianimazione

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, venerdì 26 novembre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

26/11/2021 

Cronaca

Caluso: la Città Metropolitana “boccia” il progetto dell’impianto che produce metano dai rifiuti

La Città Metropolitana di Torino ha “bocciato” il progetto relativo alla realizzazione di un impianto previsto […]

leggi tutto...

26/11/2021 

Cronaca

Locana: il 5 dicembre grande manifestazione di Rally solidale per aiutare il piccolo Gioele

Manifestazione di beneficenza a Locana il prossimo 5 dicembre. Dalla collaborazione nata tra l’Associazione “Noi Ci […]

leggi tutto...

26/11/2021 

Cronaca

Alluvione 1994: la Regione difende i diritti delle imprese danneggiate dall’inondazione

L’annosa questione delle aziende piemontesi danneggiate dall’alluvione del 1994 per le quali si paventa il pericolo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy