04/11/2015

Politica

Rivarolo Canavese, dal 1° gennaio 2016 addio ai “nonni vigili”. Ed è polemica

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

“Nonni vigili”, cambia tutto. Dal primo gennaio 2016 il servizio di sorveglianza all’entrata e all’uscita degli studenti dalle scuole rivarolesi sarà affidato dall’amministrazione comunale, come prevedono le nuove direttive, al Consorzio socio-assistenziale e non più al Centro anziani della città.

Toccherà quindi al Ciss 38 il compito di reclutare gli addetti. La scelta compiuta dal Comune ha provocato, nel corso dell’iltimo consiglio comunale, un’infuocata ridda di polemiche. Aldo Raimondo, capogruppo della lista di centrodestra “Riparolium”, ha sostenuto che sarebbe stato meglio continuare ad avvalersi di persone di fiducia. D’altro canto l’iniziativa era stata avviata per fare in modo che il denaro dei rivarolesi andasse agli anziani della città.

Il nodo “gordiano” da sciogliere è proprio quello che il rimborso concesso dal Comune al Centro anziani, deciso dai commissari nel 2012 dopo lo scioglimento del Consiglio comunale. Un’operazione che ha creato al Comune non pochi problemi come ha confermato l’assessore al Bilancio e vicesindaco Edo Gaetano. L’amministratoreha specificato in aula che la convenzione stipulata con il Centro anziani Villa San Giuseppe, si stava configurando con un rapporto di lavoro subordinato e non più volontario. La decisione è stata obbligata dato che tra, rimborsi, orari da rispettare, competenze che non consentivano, a giudizio del vicesindaco, la prosecuzione della convenzione senza un notevole esborso da parte del Comune.

Ad affiancare il personale scelto dal Ciss 38 saranno gli agenti del Corpo di Polizia municipale anche se qualche “nonno vigile” continuerà a svolgerevolontariamente il servizio. I vigili rivarolesi sono attualmente impegnati ad affiancare le prime dodici persone incaricate. L’opposizione ha anche chiesto spiegazioni sulla presenza degli agenti davanti al complesso scolastico di Via Maire dato che la strada di accesso è chiusa la traffico. La decisione si è resa necessaria, come ha sottolineato il sindaco Alberto Rostagno, perché è stata espressamente richiesta dai genitori e dagli insegnanti per prevenire e reprimere i deleteri e diffusi atti di “bullismo”.

Dov'è successo?

21/10/2020 

Eventi

Canavese: “DiscoVintage” sulla cresta dell’onda torna a trasmettere dai microfoni di Radio Alfa

L’Associazione di Dj e Speaker che operarono dal Canavese, si arricchisce di un nuovo componente, Beppe […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: sette i decessi e record di contagi (+1.799 rispetto a ieri). In aumento i ricoveri

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.613 (+ […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Canavese: derubavano anziani soli. Sgominata dalla polizia una banda di ladri e truffatori

Agivano tra le province di Torino, Cuneo e in Val d’Aosta e si presume siano autori […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Rondissone, mezzi pesanti in sosta lungo la strada e rifiuti: Amazon disponibile a eliminare i problemi

Amazon si è resa disponibile a limitare i problemi legati allo stazionamento dei mezzi pesanti sulla […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Trasporti pubblici in sciopero: venerdì “caldo” per studenti e pendolari. Disagi anche nella Sanità

Venerdì 23 ottobre le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, O.S. Ugl Autoferrotranvieri e dalla Rsu del personale […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

La città Metropolitana: “Il Ponte Preti si farà. Fondi per 19,5 milioni. Prosegue la progettazione”

Non è in discussione la realizzazione di una nuova struttura che sostituisca il Ponte Preti, sulla […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy