14/10/2021

Sanità

Quale futuro per il pronto soccorso di Cuorgnè? In attesa della riapertura, l’Asl T04 trasferisce il personale

CONDIVIDI

Il pronto soccorso di Cuorgnè ha ancora un futuro. Ad onta delle periodiche rassicurazioni, pare che la data della riapertura si allontani sempre di più. Ed è preoccupante il fatto che sia stata coperta anche la scritta che indica l’entrata del Dea e che siano stati transennati sia l’accesso ai veicoli che quello per i pedoni. Ma quel che più preoccupa è il fatto che l’azienda ha comunicato ai sindacati la decisione di trasferire “momentaneamente” il personale infermieristico e Odd che opera nel pronto soccorso cuorgnatese in altri ospedali dell’Asl T04.

Fatti che offrono più di uno spunto per riflettere e creare concrete preoccupazioni. “Siamo intanto dispiaciuti che la comunicazione avvenga a decisione già presa senza l’importante confronto con il sindacato- dichiara Giuseppe Summa, segretario territoriale del Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche – visto che l’informativa parla di condivisione con i dipendenti. Evidentemente la parola condivisione è confusa con la parola informazione.

Ci preoccupa il fatto che non venga indicata una data e non ci sia una progettualità in merito alla riapertura del pronto soccorso che apprendiamo dalle dichiarazioni dell’assessorato alla sanità essere una propria volontà”.

Nel contesto della situazione attuale Giuseppe Summa esprime, a nome del sindacato che rappresenta, l’insoddisfazione per il fatto che non ci sia stato nessun confronto per concordare non solo le tempistiche che devono essere chiare ma anche le modalità con le quali i dipendenti saranno trasferiti.

“Abbiamo espresso più volte come sia importante che questo pronto soccorso non venga chiuso e non vorremmo che questo rappresenti un primo passo non avendo avuto concrete rassicurazioni – continua Giuseppe Summa che sottolinea, tra l’altro, infermieri e Oss non possono continuare ad essere trattati come pacchi postali.

“Per questi motivi – conclude – abbiamo chiesto un incontro urgente che speriamo l’amministrazione conceda prima di dare seguito all’informativa”.

24/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 160 nuovi contagi su oltre 35 mila tamponi. In risalita le terapie intensive

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, domenica 24 ottobre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Aumentano i fondi a sostegno dei più fragili. La Regione Piemonte stanzia 2,3 milioni ai Centri per le famiglie

Grazie all’incremento delle risorse statali, la Regione Piemonte stanzia quasi 2,3 milioni di euro a favore […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Castellamonte: drammatico incidente stradale sulla “Pedemontana”. Due i feriti in ospedale

Due auto distrutte e due feriti: è il drammatico bilancio di un grave incidente stradale che […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Quincinetto: cacciatore scivola per 200 metri sul fianco della montagna. Salvato in extremis

Un cacciatore di 40 anni, residente a Valchiusa, impegnato in una battuta nei pressi della Bocchetta […]

leggi tutto...

23/10/2021 

Cronaca

Controlli della Polstrada sulla Tangenziale Nord: numerosi gli automobilisti ubriachi. 15 patenti ritirate

Numerosi controlli sono stati svolti dalla Polizia Stradale, Specialità della Polizia di Stato, nel fine settimana […]

leggi tutto...

23/10/2021 

Cronaca

Trasporti Caselle-Torino, il consigliere regionale Avetta (Pd): “Un servizio pessimo e inaccettabile”

Pendolari esasperati, corse “saltate”, il viaggio per studio o per lavoro che si trasforma più che […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy