09/02/2016

Cronaca

Pratiglione: Giuseppe Turigliatto è morto per un infarto e non per soffocamento

Pratiglione

/
CONDIVIDI

La prima ipotesi era stata quella del decesso per soffocamento. Ma non è stata quella la causa che ha determinato ma morte di Giuseppe Turigliatto, residente a Pratiglione, che ha perso la vita nella serata di domenica scorsa mentre stava scavalcando la recinzione di casa. Lo ha stabilito il medico legale dell’Asl To4. L’uomo, 56 anni, abitava con la sorella a Torino: quella maledetta sera si era recato nella villetta di sua proprietà ma la sfortuna ha voluto che la chiave si fosse rotta mentre stava per aprire il cancello. A quel punto l’unica soluzione era parsa quella di scavalcare la recinzione. La scarsa illuminazione di via Forno Canavese 9 non gli ha consentito di essere visto e soccorso dai vicini.

A lanciare l’allarme era stato un passante che ha trovato l’uomo ancora appeso alla recinzione. Il personale medico del 118 non potuto fare nulla. Il medico, nella giornata di ieri, nella “morgue” dell’ospedale di Cuorgnè, ha effettuato un attento esame del corpo della vittima. Sul collo non erano presenti né lividi e neanche escoriazioni. Niente soffocamento, dunque, come si era ipotizzato in un primo momento. A causare il decesso di Giuseppe Turigliatto sarebbe stato un attacco cardiaco letale scatenato dallo stato di grande agitazione quando l’uomo si sarebbe reso conto di essere rimasto impigliato nelle maglie della recinzione. Lo dimostrai vari strappi causati dalle punte metalliche nella giacca. La procura di Ivrea, preso atto del referto stilato dal medico legale ha deciso di non effettuare l’autopsia e a breve concederà il nulla osta per la celebrazione dei funerali.

24/07/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 161 nuovi contagi. Tre i ricoverati in Rianimazione. Nessun decesso in ospedale

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, sabato 24 luglio, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Nubifragio a Rivarolo: allagato il sottopasso di via Martiri delle Foibe. Albero sradicato in via Reyneri

Un violentissimo temporale ha spazzato il territorio di Rivarolo Canavese provocando allagamenti, in special modo nel […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Ivrea: lo sportello di pubblica tutela funziona ma rischia la chiusura. No della Città metropolitana

L’Ufficio decentrato di pubblica tutela a Ivrea è stato inaugurato a giugno dello scorso anno e […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Sanità

Covid in Canavese: da lunedì 26 luglio vaccini senza preadesione per i ragazzi tra i 12 e i 19 anni

Da lunedì 26 luglio accesso diretto agli hub per i 12-19enni. Le ragazze ed i ragazzi […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Leinì: volevano mettere in piedi una “baby gang” dedita a furti e rapine. Nei guai quattro ragazzi

L’intenzione era quella di dare vita a una “baby-gang” sul modello di quelle che ormai spopolano […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Cronaca

Chivasso: educatrice positiva al Covid. Chiuso il centro estivo alla scuola Mazzucchelli

Da oggi, venerdì 23 luglio e fino a lunedì 26 luglio, il centro estivo della scuola […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy