24/03/2016

Cronaca

Montalenghe: arrivano in paese trenta migranti nigeriane, ma non il sindaco non viene avvertito

Montalenghe

/
CONDIVIDI

In paese arrivano trenta profughi, tutte donne di origine nigeriana provenienti da una struttura di accoglienza della provincia di Torino. Peccato che il sindaco Valerio Camillo Grosso, non ne fosse stato informato. Il questo caso la Prefettura di Torino ha commesso un autogol. Tanto che il primo cittadino è andato su tutte le furie sottolineando il fatto di non essere stato minimamente informato dell’arrivo del gruppo di donne. Totalmente ignorato insomma. Dia dal Prefetto Paola Basiloni che dalla cooperativa Arvat che ha gestito l’operazione di trasferimento e neanche dai proprietari degli alloggi dove le donne saranno ospitate in via Don Arvat 10 a Montalenghe.

Da quanto si è appreso le migranti saranno ospitate in alcuni alloggi messi a disposizione da un privato. Il sindaco non di dà pace. Eppure la Prefettura è l’istituzione immediatamente superiore in materia di ordine pubblico e di gestione del flusso di migranti. Eppure i funzionari della Prefettura si dimostrano decisamente solerti quando è il momento di richiamare i sindaci per sollecitarli o fare in modo che adempiano il più presto possibile agli adempimenti burocratici. In questo modo Montalenghe, paese di mille abitanti nel cuore del Canavese, dovrà arrangiarsi nell’accogliere le trenta donne e predisporre la necessaria documentazione.

Intanto nei prossimi giorni l’amministrazione comunale organizzerà un incontro pubblico con i responsabili della cooperativa e i titolari degli immobili situati in paese. L’obiettivo, al di là della mancata comunicazione degli enti competenti , è quello di fare chiarezza sulla gestione dei rapporti sulla presenza del gruppo di migranti. In ogni caso, indipendentemente dalle polemiche e delle rimostranze, cittadini, carabinieri e amministrazione comunale si sono adoperati, per quanto colti di sorpresa a fare in modo che l’inaspettato arrivo fosse gestito al meglio, sia pure in via del tutto provvisoria.

Dov'è successo?

30/11/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi sfiorata la soglia dei mille nuovi contagi. Tre i decessi. 492 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, 30 novembre, l’Unità di Crisi della […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Eventi

Doppio concerto a Rivarolo delle bande musicali “La Rivarolese” e “La Novella” di San Maurizio

Sabato 11 dicembre 2021 avrà luogo un’edizione speciale del concerto di Santa Cecilia per la Filarmonica […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Cronaca

Mazzè: prostituta sale sull’auto di un cliente ma viene rapinata e gettata fuori dall’auto. È grave

Rapinata e poi gettata sulla strada da un’auto in corsa. È in prognosi riservata all’ospedale di […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Cronaca

Borgaro: in uno scontro il portiere cade per terra e non muove le gambe. Salvato da un arbitro eroe

È raro che un arbitro esca dal campo tra gli applausi dei tifosi: ad Ayoub El […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Cronaca

Il calcio piemontese e canavesano in lutto per la morte di Stefano Borla, preparatore dei portieri

È deceduto dopo tre giorni di agonia in ospedale Stefano Borla, 50 anni, responsabile della scuola […]

leggi tutto...

30/11/2021 

Cronaca

Volpiano, esercitazione della protezione civile per operazioni di ricerca e salvataggio

Nella settimana dal 22 al 26 novembre a Volpiano si è svolta un’esercitazione di protezione civile […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy