24/03/2016

Cronaca

Montalenghe: arrivano in paese trenta migranti nigeriane, ma non il sindaco non viene avvertito

Montalenghe

/
CONDIVIDI

In paese arrivano trenta profughi, tutte donne di origine nigeriana provenienti da una struttura di accoglienza della provincia di Torino. Peccato che il sindaco Valerio Camillo Grosso, non ne fosse stato informato. Il questo caso la Prefettura di Torino ha commesso un autogol. Tanto che il primo cittadino è andato su tutte le furie sottolineando il fatto di non essere stato minimamente informato dell’arrivo del gruppo di donne. Totalmente ignorato insomma. Dia dal Prefetto Paola Basiloni che dalla cooperativa Arvat che ha gestito l’operazione di trasferimento e neanche dai proprietari degli alloggi dove le donne saranno ospitate in via Don Arvat 10 a Montalenghe.

Da quanto si è appreso le migranti saranno ospitate in alcuni alloggi messi a disposizione da un privato. Il sindaco non di dà pace. Eppure la Prefettura è l’istituzione immediatamente superiore in materia di ordine pubblico e di gestione del flusso di migranti. Eppure i funzionari della Prefettura si dimostrano decisamente solerti quando è il momento di richiamare i sindaci per sollecitarli o fare in modo che adempiano il più presto possibile agli adempimenti burocratici. In questo modo Montalenghe, paese di mille abitanti nel cuore del Canavese, dovrà arrangiarsi nell’accogliere le trenta donne e predisporre la necessaria documentazione.

Intanto nei prossimi giorni l’amministrazione comunale organizzerà un incontro pubblico con i responsabili della cooperativa e i titolari degli immobili situati in paese. L’obiettivo, al di là della mancata comunicazione degli enti competenti , è quello di fare chiarezza sulla gestione dei rapporti sulla presenza del gruppo di migranti. In ogni caso, indipendentemente dalle polemiche e delle rimostranze, cittadini, carabinieri e amministrazione comunale si sono adoperati, per quanto colti di sorpresa a fare in modo che l’inaspettato arrivo fosse gestito al meglio, sia pure in via del tutto provvisoria.

Dov'è successo?

25/07/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 97 nuovi casi positivi. Nessun decesso. In leggero aumento i ricoveri

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, domenica 25 luglio l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

25/07/2021 

Sanità

Pronto soccorso di Cuorgnè, Avetta attacca Icardi: “Perché non incontra sindaci e sindacati?”

“Il Pronto soccorso dell’ospedale di Cuorgnè continua ad essere chiuso per carenza di personale, con grandi […]

leggi tutto...

25/07/2021 

Cronaca

Maltempo: finanziamenti in arrivo per Agliè, Quincinetto, San Benigno, San Colombano e Vestignè

Sono in arrivo altri fondi destinati ai comuni colpiti e danneggiati dalle alluvioni nel triennio 2019-2021: […]

leggi tutto...

25/07/2021 

Cronaca

Covid, la CNA favorevole al Green Pass: “Ma ristoratori e baristi non possono trasformarsi in vigilantes”

“Ristoratori e baristi non possono trasformarsi in controllori. Siamo assolutamente d’accordo con l’introduzione del Green Pass […]

leggi tutto...

25/07/2021 

Cronaca

Castellamonte: denunciati 2 maggiorenni e 4 minori che aggredirono l’autista di un autobus

I carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno denunciato alla Procura della Repubblica Ordinaria di Ivrea e […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Nubifragio a Rivarolo: allagato il sottopasso di via Martiri delle Foibe. Albero sradicato in via Reyneri

Un violentissimo temporale ha spazzato il territorio di Rivarolo Canavese provocando allagamenti, in special modo nel […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy