11/11/2020

Cronaca

L’ex ospedale di Castellamonte non riaprirà per l’emergenza Covid. La Lega: “Non è a norma”

CONDIVIDI

Sono in tanti a volerlo riaperto per sgravare gli ospedali territoriali dalla pressione dei tanti ricoveri di pazienti Covid: periodicamente torna alla ribalta il tema della riapertura dell’ex ospedale di Castellamonte. Ne parlano esponenti politici (il consigliere regionale del Pd Alberto Avetta e il sindaco di Castellamonte Pasquale Mazza), lo vogliono tanti canavesani che non si spiegano perché quella struttura non viene utilizzata per fronteggiare l’emergenza Covid. Sull’argomento interviene la Lega che spiega per quali ragioni l’ex struttura ospedaliera non potrà essere riattivata.

“Roma nel corso della settimana – commenta in merito il deputato eporediese Alessandro Giglio Vigna – dovrebbe far muovere i primi passi ai progetti di potenziamento degli ospedali e dei pronto soccorso, in capo al commissario straordinario Domenico Arcuri. Con la potenza di fuoco della task force governativa non siamo riusciti ad attivare gli interventi edilizi negli ospedali, da marzo ad oggi, mentre in piena seconda ondata leggo la proposta di riattivare un nosocomio in parte dismesso e in parte che si diceva che sarebbe stato riutilizzato come casa della salute per i medici di base e centro per l’autismo: si leggevano già nel 2017 questi proclami proprio dalla Giunta Saitta-Chiamparino per una struttura ospedaliera diventata prioritaria per chi allora non ha agito e oggi getta discredito”.

“Resto nuovamente stupito – commenta il consigliere regionale canavesano Andrea Cane, vicepresidente della commissione sanità piemontese – dalla faciloneria con cui il Pd, in particolare Avetta e Mazza, si propongano come risolutori di situazioni emergenziali che portano la loro firma in calce, grazie a tagli di ospedali e medicina territoriale perpetrati dalla loro politica. Si legge ovunque sui giornali che manca il personale per far funzionare nuove strutture, strepitare su Castellamonte come panacea anti Covid è vergognoso per chi dovrebbe sapere che la struttura è sprovvista di impianto antincendio, ha un impianto elettrico non a norma, ha un impianto idraulico da ripristinare così come quello dei gas medicali”.

04/12/2022 

Cultura

Leinì: successo per lo spettacolo musicale “On Air, Musiche dal Vietnam” con Guido Bartalesi

Guido Bartalesi è un chitarrista specializzato nel repertorio jazz, rock e blues che dal 2005 collabora […]

leggi tutto...

04/12/2022 

Cultura

Sabrina De Federicis a Volpiano con “Butta via i fazzoletti”, un libro sulle patologie allergiche

Martedì 6 dicembre alle 21,00 nella biblioteca comunale di Volpiano (via Carlo Botta 26), Sabrina De […]

leggi tutto...

04/12/2022 

Cronaca

Rocca Canavese piange la scomparsa, a soli 43 anni, di Silvia Dalla Chiusa, allevatrice di cani

Non soltanto Rocca ma l’intero Canavese piangono l’improvvisa scomparsa di Silvia Dalla Chiusa, deceduta a soli […]

leggi tutto...

04/12/2022 

Cronaca

Chivasso: il sindaco mette in ferie parte del personale per limitare i consumi degli uffici

Dipendenti in conto ferie venerdì 9 dicembre al Comune di Chivasso. Lo stabilisce un decreto firmato […]

leggi tutto...

04/12/2022 

Eventi

Rivarolo, i carabinieri in congedo e in servizio hanno festeggiato la “Virgo Fidelis” patrona dell’Arma

La prima edizione della celebrazione in onore della “Virgo Fidelis”, patrona dell’Arma, svoltasi sotto la presidenza […]

leggi tutto...

03/12/2022 

Cronaca

Parte il recupero del Castello di Foglizzo. Ecco il piano metropolitano da oltre 4 milioni di euro

Si ipotizza una spesa di 4.568.000 euro per il progetto di fattibilità tecnica ed economica della riqualificazione e […]

leggi tutto...
Privacy PolicyCookie Policy