11/11/2020

Cronaca

L’ex ospedale di Castellamonte non riaprirà per l’emergenza Covid. La Lega: “Non è a norma”

CONDIVIDI

Sono in tanti a volerlo riaperto per sgravare gli ospedali territoriali dalla pressione dei tanti ricoveri di pazienti Covid: periodicamente torna alla ribalta il tema della riapertura dell’ex ospedale di Castellamonte. Ne parlano esponenti politici (il consigliere regionale del Pd Alberto Avetta e il sindaco di Castellamonte Pasquale Mazza), lo vogliono tanti canavesani che non si spiegano perché quella struttura non viene utilizzata per fronteggiare l’emergenza Covid. Sull’argomento interviene la Lega che spiega per quali ragioni l’ex struttura ospedaliera non potrà essere riattivata.

“Roma nel corso della settimana – commenta in merito il deputato eporediese Alessandro Giglio Vigna – dovrebbe far muovere i primi passi ai progetti di potenziamento degli ospedali e dei pronto soccorso, in capo al commissario straordinario Domenico Arcuri. Con la potenza di fuoco della task force governativa non siamo riusciti ad attivare gli interventi edilizi negli ospedali, da marzo ad oggi, mentre in piena seconda ondata leggo la proposta di riattivare un nosocomio in parte dismesso e in parte che si diceva che sarebbe stato riutilizzato come casa della salute per i medici di base e centro per l’autismo: si leggevano già nel 2017 questi proclami proprio dalla Giunta Saitta-Chiamparino per una struttura ospedaliera diventata prioritaria per chi allora non ha agito e oggi getta discredito”.

“Resto nuovamente stupito – commenta il consigliere regionale canavesano Andrea Cane, vicepresidente della commissione sanità piemontese – dalla faciloneria con cui il Pd, in particolare Avetta e Mazza, si propongano come risolutori di situazioni emergenziali che portano la loro firma in calce, grazie a tagli di ospedali e medicina territoriale perpetrati dalla loro politica. Si legge ovunque sui giornali che manca il personale per far funzionare nuove strutture, strepitare su Castellamonte come panacea anti Covid è vergognoso per chi dovrebbe sapere che la struttura è sprovvista di impianto antincendio, ha un impianto elettrico non a norma, ha un impianto idraulico da ripristinare così come quello dei gas medicali”.

27/01/2021 

Politica

Rivarolo: il consigliere regionale Leone (Lega) referente del Dipartimento per la gestione della fauna

Claudio Leone, consigliere del gruppo Lega Salvini Piemonte e presidente della Terza commissione del consiglio regionale, […]

leggi tutto...

27/01/2021 

Cronaca

Emergenza Covid: in 12 punti vendita Nova Coop al via la campagna della solidarietà alimentare

Sabato 30 gennaio, in 12 punti vendita della rete commerciale Nova Coop di Torino e della […]

leggi tutto...

27/01/2021 

Sanità

Canavese: tra qualche settimana sarà possibile visitare i parenti ricoverati. L’Asl T04 al lavoro

Dopo il via libera della Regione Piemonte per consentire le visite dei parenti ai pazienti ammalati […]

leggi tutto...

27/01/2021 

Sanità

Rueglio, focolaio di Coronavirus in casa di riposo. Positivi gli ospiti e quasi tutto il personale

Ospiti tutti positivi al Coronavirus. Accade nella casa di riposo di Rueglio, piccolo centro urbano della […]

leggi tutto...

26/01/2021 

Cronaca

Lavoratrici e lavoratori in disagio economico senza ammortizzatori: prorogato il bando al 29 gennaio

E’ prorogato fino alle ore 12.00 del 29 gennaio 2021 lo sportello per la presentazione delle […]

leggi tutto...

26/01/2021 

Cronaca

Deposito nazionale scorie nucleari. Cirio: “Si cambi il metodo. Il Piemonte ha già fatto la sua parte”

“Dobbiamo darci un metodo diverso perché il Piemonte sul nucleare la sua parte l’ha già fatta, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy