05/05/2020

Cronaca

“Le nostre attività in ginocchio per il Covid-19”. Due albergatori canavesani denunciano la Cina

CONDIVIDI

Due albergatori canavesani hanno deciso di far causa al Ministero della Salute cinese e italiano perché, a loro giudizio, non avrebbe messo in atto in tempo utili le pratiche per contenere la diffusione del Coronavirus in Italia. Il chivassese Rudy Benco, proprietario dell’Hotel Ritz di Chivasso e dell’Hotel Rondissone con gli annessi ristoranti Giachino ed Emporio e Mauro Cortese, proprietario dell’Hotel Astoria di Cuorgnè hanno depositato, tramite l’avvocato del Foro eporediese Andrea Bertano, una citazione civile al tribunale di Ivrea.

L’accusa mossa al Ministero della Repubblica Popolare cinese è quella di aver procurato ai due albergatori ingenti danni economici. Si tratta di due cause parallele, entrambe seguite dallo stesso legale avviate nelle quali si accusa la Cina di aver colpevolmente ritardato la comunicazione del contagio con i conseguenti rischi alla quale è stata esposta la comunità italiana con i risultati che tutti ormai conoscono. I decreti restrittivi di contenimento adottati dal Governo hanno “portato alla chiusura anticipata dell’hotel e di tutti i servizi connessi con conseguenze disastrose anche per il licenziamento del personale delle strutture e la disdetta dei contratti di fornitura, così come avvenuto in altre strutture ricettive”.

In sostanza i ricorrenti chiedono ai giudici del tribunale di Ivrea di accertare “la grave responsabilità del diffondersi del virus e dei suoi gravi effetti letali a cavallo fra novembre e dicembre 2019, e comunque di non aver assunto i necessari provvedimenti di controllo sugli scali aeroportuali in partenza dalla Cina nonché la chiusura dei voli diretti ed indirettamente provenienti dalla predetta nazione”.

L’avvocato Bertano si rifà a una sentenza della Corte di Cassazione a sezioni unite che ha stabilito che il compito di un ministero della salute è quello di salvaguardare e tutelare la salute collettiva in ambito nazionale ed è responsabile, in caso di dolo o negligenza, dei danni cagionati alla salute pubblica. Non escluso che ai primi due coraggiosi imprenditori si aggiungano altri colleghi che lamentano danni economici molto importanti. La prima udienza della causa civile è stata fissata per il prossimo 16 dicembre.

18/01/2021 

Sanità

Covid in Piemonte, scende il numero dei nuovi casi. Oggi 435 contagi, 19 i decessi e 627 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI Alle ore 16,39 di oggi, lunedì 18 gennaio, l’Unità di Crisi della […]

leggi tutto...

18/01/2021 

Cronaca

Educazione ambientale ed energie alternative. Ecco cosa si studia al liceo “Green” di Rivarolo

L’Istituto “Santissima Annunziata” di Rivarolo Canavese vara per l’anno scolastico 2021/2022 una nuova sperimentazione di didattica […]

leggi tutto...

18/01/2021 

Economia

“Stellantis” esordisce in Borsa a Milano e Parigi. E il titolo del nuovo colosso automobilistico “vola”

Il presidente John Elkann e il Ceo Carlos Tavares hanno suonato insieme la campanella che tradizionalmente […]

leggi tutto...

18/01/2021 

Cronaca

Covid: il Piemonte zona arancione fino al 31 gennaio. Ecco quello che è possibile fare

Un’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, dispone per il Piemonte la […]

leggi tutto...

18/01/2021 

Sanità

Covid, il 27% del personale sanitario che ha lavorato con i pazienti chiede aiuto psicologico

Il 27 per cento del personale sanitario che ha lavorato a diretto contatto con i pazienti […]

leggi tutto...

18/01/2021 

Cronaca

Previsioni meteo: temperature sotto zero per l’ondata di freddo proveniente dai Balcani

Queste le previsioni del tempo eleborate del centrometeoitaliano.it: Clima piuttosto freddo sul nostro paese nel corso […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy