10/06/2021

Sanità

Lavoro&Sanità: la Giunta della Regione Piemonte ha deliberato oltre tremila assunzioni nelle Rsa

CONDIVIDI

La Giunta regionale del Piemonte ha deliberato l’assunzione di oltre tremila tra diplomati, allievi dei corsi per operatori sociosanitari e badanti, privi di qualifica specifica nelle Rsa per sopperire alla carenza di personale che si è generata nella prima fase della pandemia. Una misura messa in campo per garantire assistenza agli anziani ricoverati nelle strutture, dove si sono toccate punte di assenza del 50 per cento del personale necessario, perché in mutua o perché migrato verso i reclutamenti predisposti dalle Asl.

L’assessorato regionale sta ora lavorando per attivare corsi per qualificare queste figure ed evitare di disperdere il lavoro fatto in questo anno: il tema delle case di riposo è stata una delle questioni affrontate dall’assessore alle Politiche sociali, Chiara Caucino, nell’audizione davanti al gruppo di lavoro sulla gestione dell’emergenza Covid, presieduto da Daniele Valle.
“La Regione è intervenuta fin da subito con una serie di atti legislativi – ha precisato Caucino -, è stata creata un’area funzionale specifica all’interno dell’Unità di crisi, è stato istituito l’Osservatorio, che è diventato nel tempo un fiore all’occhiello”.

Il consigliere Marco Grimaldi (Luv) ha posto una serie di domande, in particolare sul coinvolgimento e il ruolo dell’assessorato rispetto al collocamento delle persone non autosufficienti che venivano dimesse agli ospedali nella fase post acuzie da contagio e sull’approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuale nelle strutture.

Dal canto suo la consigliera Monica Canalis (Pd) ha ricordato come ancora oggi sussista il rischio di carenza di personale nelle Rsa, con ripercussioni in termini di qualità delle cure e contenimento del contagio, ed ha sollevato la questione dei centri diurni per disabili, attualmente fruibili solo al 50 per cento, mentre, sempre per il Pd, Domenico Rossi ha chiesto se siano previste misure per sostenere le piccole Rsa, che sono in sofferenza e rischiano di chiudere o esternalizzare i servizi.

Sono intervenuti anche il presidente Daniele Valle e i consiglieri Alessandro Stecco (Lega) e Francesca Frediani (M4o). L’assessore Cucino, oltre a fare il punto sulle Rsa, ha ricostruito tutti gli interventi messi in atto da parte dell’assessorato in favore delle categorie fragili, minori, donne vittime di violenza, persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale e senza fissa dimora.

02/10/2022 

Eventi

Oglianico: Avis in festa per il 52° compleanno. Premiati i donatori di sangue benemeriti

Una stupenda giornata di sole ha fatto da corollario al cinquantaduesimo anniversario della fondazione della sezione […]

leggi tutto...

02/10/2022 

Cronaca

Cuorgnè: l’Emporio Sociale “Ratatù” in festa. In un anno donati 70 tonnellate di alimenti

Sabato 1° ottobre sono stati in tanti, molte famiglie con i loro bambini, a ritrovarsi presso […]

leggi tutto...

02/10/2022 

Economia

Lavoro, dalla Regione 3 milioni di euro per le microimprese che vogliono aprire in montagna

C’è tempo fino al 15 novembre per presentare le domande di contributo sul bando della Regione […]

leggi tutto...

01/10/2022 

Cultura

Rivarolo: la presentazione del libro “Il diario del tenente Robin” inaugura la rassegna letteraria

È giunta alla quarta edizione la rassegna letteraria “Autorevolmente” a Rivarolo Canavese. Primo appuntamento venerdì 7 […]

leggi tutto...

01/10/2022 

Sanità

Il Pronto soccorso di Cuorgnè ancora chiuso. Il Nursind: “Adesso basta con le false promesse”

Il sindacato delle professioni infermieristiche Nursind condivide le preoccupazioni del Comune di Cuorgnè e dei comuni […]

leggi tutto...

01/10/2022 

Cultura

Oglianico svela al pubblico i suoi tesori artistici. Cittadinanza onoraria all’architetto Burzio

Mattinata all’insegna della cultura quella di sabato primo ottobre ad Oglianico. Alle 9.30 il consiglio comunale, […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy