07/10/2022

Sanità

L’Asl T04 lascia a casa 70 Oss? Il sindacato Nursind: “La Direzione generale è per la stabilizzazione”

Ivrea

/
CONDIVIDI

A seguito di un comunicato stampa apparso su diverse testate giornalistiche, con il quale veniva segnalato che l’Asl T04 avrebbe lasciato a casa 70 Operatori sociosanitari entro fine dell’anno, il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche ha immediatamente chiesto delucidazioni alla Direzione generale dell’azienda sanitaria in quanto non a conoscenza della situazione descritta.

Nei fatti, chiarisce il Nursind, Attualmente sono circa 100 gli Oss in servizio a tempo determinato presso l’Asl T04 che sono in possesso dei requisiti per la stabilizzazione previsti dalla Legge di Bilancio. E, di questi, 30 stanno attualmente ricoprendo posti vacanti in organico.

“Come sempre confermato in questi mesi, la Direzione ci ha rassicurato che tutto il personale in possesso dei requisiti verrà stabilizzato – commenta Giuseppe Summa, segretario territoriale del Nursind Torino -. Resta come da noi già segnalato in passato, il nodo da sciogliere in merito al finanziamento che servirebbe per aumentare i tetti di spesa del personale e che riguarda tutta la Regione e non solo l’Asl T04.

Infatti, nell’accordo regionale che le organizzazioni sindacali hanno sottoscritto con la Regione Piemonte, si parla di ulteriori finanziamenti a favore delle aziende che ad oggi non sono stati ancora stanziati”.

Diverso invece è il discorso dei 37 Oss interinali in scadenza al 31 ottobre del 2022, per i quali la Direzione ha sempre garantito la possibilità di prevedere una proroga fino a fine anno in base alle esigenze dei servizi. Al momento per questi il rinnovo contrattuale è attuato mese per mese.

“Fra l’altro è doveroso sottolineare che non c’è alcuna correlazione tra la mancata riapertura dei servizi come il PS di Cuorgnè o il PPI di Lanzo e la stabilizzazione degli Oss – precisa Summa – dove il problema riguarda prioritariamente la carenza di medici e l’assenza dei requisiti previsti dal DM 70. Come sindacato crediamo sia doveroso informare correttamente sia il personale che i cittadini, al fine di evitare allarmismi in un momento storico già complicato”.

07/12/2022 

Cronaca

Canavese, la Coldiretti Torino: “Dopo gli incendi in cascina chiediamo massima vigilanza”

Dopo l’ennesimo incendio che ha devastato un fienile, questa volta nella frazione Sant’Antonio di Castellamonte, mandando […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Sport

San Francesco al Campo: via al Turin International Cyclocross. Gran finale di stagione al Velodromo

Sarà una fine anno davvero speciale per lo sport tra Torinese e Canavese. Ieri sera, al […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Politica

Pronto soccorso di Cuorgnè, il consigliere regionale Avetta (Pd): “Icardi non lo riaprirà più”

Il consigliere regionale Alberto Avetta (Pd) non ha dubbi ed esprime chiaramente la sua opinione:  a […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Pont Canavese: una frana si stacca dal fianco della montagna. Danneggiati la chiesa e un’auto

I massi si sono staccati all’improvviso dal fianco della montagna e la frana ha investito la […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Vidracco: il vicesindaco Metropolitano ai sindaci della Valle: “Nel 2023 i lavori sulla provinciale 61”

Sopralluogo ieri mattina lunedì 5 dicembre in ValChiusella per il vicesindaco della Città metropolitana di Torino […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Strade chiuse per lavori di ammodernamento a San Maurizio, Santuario di Belmonte e Valli di Lanzo

Strada provinciale 16 di “San Maurizio” dal 6 al 16 dicembre 2022 Per lavori di rappezzatura […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy