Per la Regione Piemonte aprire le scuole è imprescindibile, ma serve il rispetto delle regole

08/09/2020

CONDIVIDI

In caso di contagi vale quanto stabilito dalla Regione in linea con le indicazioni nazionali, ovvero che la scelta sulla chiusura della classe o della scuola è in capo alle aziende sanitarie

La Regione Piemonte è in prima linea, consapevole che si tratta di un momento delicatissimo, raggiungere quell’obiettivo imprescindibile costituito dall’apertura delle scuole il 14 settembre, su cui si sta concentrando l’attenzione di tutta la Giunta con il coordinamento del presidente: l’assessore all’Istruzione ha iniziato così l’informativa svolta nell’aula del Consiglio regionale, sostenendo subito dopo che per ottenere questo risultato c’è bisogno di una forte collaborazione di tutti, famiglie e studenti, che dovranno attenersi alle nuove regole per la prevenzione dal contagio. Si auspica infatti che la didattica a distanza possa essere un momento integrativo e non sostanziale dell’istruzione.

Sul fronte della riapertura in sicurezza delle scuole, l’assessore ha rilevato che il distanziamento fisico resta una delle principali criticità e che risultano ancora dei problemi per 430 classi e 1200 studenti della scuola statale, lo 0,2% del totale. Ma le criticità sono in corso di soluzione, per esempio la Diocesi di Torino ha messo a disposizione degli spazi e tante altre realtà hanno dato la loro disponibilità, anche grazie alla collaborazione della Protezione civile e del Demanio.

Per quanto riguarda gli organici, ha dichiarato che con i 112mila euro a disposizione dell’Ufficio scolastico regionale per fare contratti a tempo determinato sarà coperta la quasi totalità del fabbisogno nelle scuole dell’infanzia e nelle primarie. Per la altre la copertura degli organici risulta al 70% per quanto riguarda i docenti e al 50% per il personale tecnico e amministrativo.
In caso di contagi, l’assessore ha ricordato quanto già stabilito dalla Regione in linea con le indicazioni nazionali, ovvero che la scelta sulla chiusura della classe o della scuola è in capo alle aziende sanitarie.

La misurazione della temperatura ha ribadito l’assessore, la Regione vuole farla a scuola, a differenza di quanto indicato dal Governo, tanto che ha stanziato 500 mila euro per l’acquisto di termoscanner. A questo proposito sono in corso approfondimenti con i sindacati.

Infine, i trasporti: la capienza è all’80%, rispettando regole per ridurre al massimo i rischi, come mascherina obbligatoria, sanificazione periodica e adeguato ricambio dell’aria.

Leggi anche

24/09/2020

Rivara: domani, 25 settembre, nel parco di Villa Ogliani l’ultimo saluto al piccolo Andrea

L’ultimo saluto ad Andrea Baima Poma avrà luogo nel parco di Villa Ogliani a Rivara alle […]

leggi tutto...

24/09/2020

Volpiano: operaio di 38 anni precipita da un’altezza di 5 metri. È grave alle Molinette di Torino

Incidente sul lavoro a Volpiano: operaio di 38 anni precipita da un’altezza di 5 metri. È […]

leggi tutto...

24/09/2020

Chivasso: 17enne canavesano fermato su un’auto rubata. Denunciato dalla polizia locale

Ha soltanto 17 anni il ragazzo che nel pomeriggio di ieri, mercoledì 23 settembre, è stato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy