23/01/2020

Cronaca

Ivrea: ladro svaligia la chiesa di Sant’Ulderico. L’uomo era ospitato dai sacerdoti

CONDIVIDI

I carabinieri della compagnia di Ivrea hanno arrestato un cittadino italiano: Raffaele Paonessa, 59 anni, disoccupato, senza fissa dimora, resosi responsabile del furto aggravato di decine di oggetti sacri (ostensori, testi e antichi manoscritti, preziosi reliquiari, compreso quello di Sant’Ulderico) trafugati dall’edificio religioso ove insiste anche la Chiesa di Sant’Ulderico, situata nella Via Arduino di Ivrea. La vicenda trae origine da una segnalazione di furto operata qualche settimana addietro dalla parrocchia di Sant’Ulderico a seguito della sparizione di alcuni oggetti sacri custoditi all’interno del complesso religioso.

Gli accertamenti avviati immediatamente dai carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno orientato i sospetti nei confronti di un soggetto senza fissa dimora, ospitato proprio dai religiosi, dallo scorso mese di settembre, presso un piccolo alloggio uso-foresteria situata all’interno dell’edificio ecclesiastico. Nel corso di un controllo, i militari hanno trovato, infatti, all’interno di una borsa, alcuni antichi volumi sacri e preziosi manufatti, pronti per essere rivenduti.

L’uomo è stato arrestato per furto. Dopo aver individuato il presunto ladro, i carabinieri di Ivrea, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Torino, hanno individuato due ricettatori: un commerciante di Ivrea e un venditore ambulante di San Francesco al Campo (dedito al commercio di antiquariato e dell’usato nei mercatini del Canavese).
Nella loro disponibilità i carabinieri hanno trovato altri innumerevoli oggetti sacri rubati dalla Chiesa di Sant’Ulderico, in particolare preziosi reliquiari, libri, registri e decine di antichi manoscritti, unitamente ad alcuni leggii e sedie curiali.

I due commercianti sono stati denunciati per ricettazione. In seguito, i militari dell’Arma hanno recuperato altro materiale sacro a casa di due collezionisti che sono stati denunciati per incauto acquisto. Tra tutto il materiale ritrovato spicca il prezioso reliquiario in argento di Sant’Ulderico che, insieme ai restanti innumerevoli oggetti, è già stato riconsegnato alla Diocesi di Ivrea, nelle mani del Vescovo Monsignor Edoardo Cerrato. Il vescovo di Ivrea ha ringraziato i carabinieri per il lavoro svolto con discrezione e tempestività.

 

23/11/2020 

Lavoro

Canavese, il consigliere Leone (Lega): “Una legge per dare impulso all’imprenditoria e al gioco legale”

Torna in discussione la proposta di legge 99 per normare il gioco legale piemontese, nell’ottica un […]

leggi tutto...

23/11/2020 

Sanità

Settimo: timori per la possibile chiusura dell’ospedale. L’Assessore Icardi: “Nulla di vero”

L’Ospedale di Settimo Torinese non verrà né chiuso, né depotenziato. A ribadirlo è l’assessore regionale alla […]

leggi tutto...

23/11/2020 

Cronaca

Venaria: positivo al Coronavirus esce dal Covid Hospital e passeggia per strada. Denunciato 22enne

È stato rintracciato dai carabinieri della Compagnia di Venaria mentre passeggiava tranquillamente, come se nulla fosse, […]

leggi tutto...

23/11/2020 

Sanità

I sindaci dell’Alto Canavese insorgono e chiedono la riapertura degli ospedali di Cuorgnè e Castellamonte

La situazione sanitaria in Canavese preoccupa non poco i 46 sindaci dell’Area Omogenea del Canavese Occidentale. […]

leggi tutto...

23/11/2020 

Cronaca

Torrazza Piemonte: esplosi due colpi di pistola contro il Polo Amazon. È il 3° episodio in pochi mesi

Ancora colpi di arma da fuoco esplosi all’indirizzo del Polo logistico Amazon di Torrazza Piemonte. Due […]

leggi tutto...

22/11/2020 

Sanità

Emergenza Coronavirus: scendono i nuovi contagi (+2.641). 69 i decessi (10 oggi). 1.652 i guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che alle 17,30 di oggi, domenica 22 novembre, i […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy