20/10/2022

Politica

Ivrea-Cossano, Alberto Avetta (Pd): “Bus pieni e studenti lasciati a terra. La Regione che cosa fa?”

Cossano Canavese

/
CONDIVIDI

Il bus delle 14,15 della linea Ivrea-Cossano, utilizzato dagli studenti per rientrare a casa, è sempre sovraffollato, molti ragazzi, nonostante paghino l’abbonamento per quel servizio, non riescono a salire e sono costretti a prendere l’autobus urbano fino ad Albiano, per poi farsi recuperare dai genitori giustamente esasperati per le ore di lavoro che sono costretti a perdere.

“È evidente che in quella tratta, negli orari utilizzati dagli studenti, gli autobus non sono sufficienti sottolinea il consigliere regionale del Partito Democratico Alberto Avetta -. Negli ultimi anni i fondi a disposizione del trasporto pubblico locale sono stati ridotti di almeno il 25% e la Regione Piemonte non ha provveduto alle necessarie integrazioni. Ovunque registriamo segnalazioni di treni e bus strapieni che fotografano un trasporto pubblico locale in grave affanno e che quotidianamente obbliga pendolari, studenti (e le loro famiglie) a subire disservizi e i disagi conseguenti. A maggior ragione quando le linee sono quelle utilizzate dagli studenti che rappresentano una ‘utenza prevedibile’, si conosce la domanda e quindi si può programmare il servizio. Ma solo se c’è la volontà di confronto e di coinvolgimento da parte di chi ha in mano il ‘portafoglio’, ovvero la Regione”.

Evidentemente, se ogni giorno ci sono studenti che restano a piedi, rimarca il canavesano Avetta e questo capita ormai ogni anno, questo sta a significare che manca la concertazione a monte.

“Diversi Comuni dell’area metropolitana stanno giustamente incentivando la mobilità dolce, in particolare l’utilizzo della bicicletta anche per il tragitto casa-scuola – conclude l’esponente politico -. Ma questa non può certo essere la soluzione quando si devono percorrere distanze rilevanti, perché in quel caso l’alternativa al bus e al treno non può che essere, purtroppo, il mezzo privato. Presenterò un’Interrogazione in Consiglio regionale chiedendo cosa intende fare la Regione Piemonte per garantire agli studenti un servizio decoroso sulle tratte come la Ivrea-Cossano”.

26/11/2022 

Cronaca

Covid-19: “Il Piemonte vi dice grazie”. Premiati a Leinì i volontari di coordinamenti piemontesi

Il Palazzetto dello Sport di Leinì ha ospitato nella mattinata di oggi, sabato 26 novembre, “Il […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Caldo anomalo, pochi i tartufi a settembre. Si pensa di spostare più avanti la raccolta

“La raccolta dei tartufi andrebbe spostata più avanti nella stagione, viste le conseguenze del cambiamento climatico […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Venaria piange la scomparsa della “Miss” che amava i gatti. Il sindaco Giulivi: “Mancherà a tutti noi”

In tanti, tantissimi a Venaria Reale, hanno tributato l’estremo saluto a Lella Maldera, 92 anni, deceduta […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Ivrea: i vandali danneggiano durante la notte la biglietteria del Gtt. Indagini in corso

Raid notturno dei vandali a Ivrea. Questa volta oggetto della devastazione è stato l’ufficio biglietteria Gtt […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Cascina a fuoco in frazione Sant’Antonio di Castellamonte. Distrutte 350 rotoballe di fieno

Ore di palpabile paura in frazione Sant’Antonio di Castellamonte, per un vasto incendio divampato, intorno alle […]

leggi tutto...

25/11/2022 

Cronaca

Rivarolo Canavese, strage di corso Italia: nuova perizia psichiatrica per il killer Renzo Tarabella

Una nuova perizia psichiatrica su Renzo Tarabella, il pensionato oggi 84enne che il 10 aprile 2021 […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy