Insorge il sindacato dei medici: senza tamponi agli asintomatici quest’incubo non avrà mai fine

10/04/2020

CONDIVIDI

Sebastiano Cavalli, segretario del Cimo Piemonte: "Senza il tampone chiunque può mettere in serio pericolo la propria vita, quella dei familiari e, se è un medico o un infermiere, anche quella dei pazienti"

“Siamo piuttosto disorientati in merito alle recenti dichiarazioni dell’Assessore Regionale alla Sanità, Luigi Icardi, rispetto al tema dei tamponi. Esiste eccome una forte correlazione rispetto all’andamento dei decessi. Il problema continua ad essere, anche tra il personale sanitario, quello relativo ai positivi asintomatici. Senza il tampone chiunque può mettere in serio pericolo la propria vita, quella dei familiari e, se è un medico o un infermiere, anche quella dei pazienti. Occorre che la Regione li intensifichi in modo determinante e controlli che vengano predisposti dalle Asl a tappeto anche negli Ospedali e nelle Case di Riposo”.

A dichiararlo è Sebastiano Cavalli, Segretario di Cimo Piemonte, il sindacato dei medici, che sottolinea anche il deficit negli ospedali piemontesi del materiale di protezione: dalle mascherine FFP2-FFP3, ai camici, ai guanti e a tutto l’occorrente necessario per proteggersi e proteggere i pazienti. Inoltre, il sindacato ha chiesto, tramite una lettera ufficiale, un incontro urgente con i vertici regionali, per rendere possibile, come per altro è accaduto in altre regioni italiane, l’erogazione di un contributo straordinario una tantum pari 1.000 euro per tutti medici piemontesi.

“Siamo in trincea – prosegue il dottor Cavalli di Cimo – ma non vogliamo essere definiti eroi. Lavoriamo con dedizione per il bene della salute dei nostri pazienti, ma ci sentiamo poco riconosciuti da chi esterna a parole lodi, ma nel concreto risulta essere molto meno presente in termini decisionali. Vorremmo anche capire come l’Assessore Icardi intende distribuire al personale sanitario i circa 18 milioni di euro destinati al Piemonte all’interno del contributo straordinario di 250 milioni deciso dal Governo. Chiediamo fatti concreti, decisioni veloci, ascolto continuo”.

Leggi anche

30/09/2020

Volpiano: il 4 ottobre nella chiesa dei santi Pietro e Paolo il concerto della rassegna “Organalia”

Domenica 4 ottobre, alle 21, nella Chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo (Piazza Vittorio Emanuele […]

leggi tutto...

30/09/2020

Ivrea: automobilisti più indisciplinati. In 6 mesi (lockdown compreso) multe per 1 milione di euro

Un milione di euro. Tanti ne incasserà il comune di Ivrea grazie alle multe elevate dagli […]

leggi tutto...

30/09/2020

Coronavirus in Piemonte: impennata di contagi in tutta la regione (+170), un decesso e 47 pazienti guariti

L’Unità di Crisi ha comunicato che alle 17,0 di oggi, mercoledì 30 settembre, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy