13/11/2020

Cronaca

Canavese: imprenditori denunciano la Cina per l’epidemia. La Lega: “Li sosterremo”

CONDIVIDI

Sono tre, un imprenditore di Chivasso, uno di Cuorgnè e uno di Torino ad avere deciso di denunciare il ministero della Salute italiano e il ministero della Sanità della Repubblica popolare cinese. Lo scopo? Richiedere un risarcimento per compensare le ingenti perdite economiche causate dalla pandemia di Coronavirus. Una notizia che ha fatto rapidamente il giro dei social. E, in questo contesto, la Lega del Canavese rende noto di essere disponibile a sostenere l’azione legale avviata dai tre imprenditori.

“Accogliamo con piacere la notizia che Imprenditori del nostro Territorio hanno intrapreso una Azione Legale contro il Ministero della Sanità della Repubblica Popolare Cinese e contro il Ministero della Sanità Italiano chiedendo un risarcimento per le perdite che le loro attività hanno avuto durante questa pandemia” affermano il deputato canavesano Alessandro Giglio Vigna e il consigliere regionale del Carroccio canavesano Andrea Cane.

“Questo è forse il primo caso in Italia, e siamo contenti che l’iniziativa parta dal Canavese, lo spirito indomito dei canavesani, la nostra voglia di correttezza e giustizia non potevano non farsi sentire in questo frangente, la speranza è che in tutto il paese vi siano molti altri imprenditori che decidano di seguire questa strada, perché richiesta di risarcimento vuol dire richiesta di presa di responsabilità da parte di queste due istituzioni.

La richiesta degli imprenditori canavesani si accoda alle numerose richieste che in tutto il mondo enti e istituzioni stanno effettuando, qui in Italia la Lega ha depositato alla Camera dei deputati interrogazioni sulla responsabilità della Cina, richieste di Commissioni d’Inchiesta; in Regione Piemonte, Regione Lombardia e Regione Lazio la Lega ha depositato Ordini del Giorno analoghi.

In questi mesi abbiamo fatto un lavoro di raccolta informazioni spiegano Alessandro Giglio Vigna e Andrea Cane -. abbiamo ricostruito la precisa sequenza delle prime fasi dell’epidemia in Cina analizzando quando precisamente la Cina ha omesso o ritardato informazioni; possiamo fornire documentazione sulle nostre richieste al Governo di bloccare i voli dalla Cina, anche le triangolazioni, nei mesi di febbraio e marzo; abbiamo individuato gli organismi responsabili delle omissioni, non solo il Ministero della Sanità. Mettiamo tutto questo bagaglio di informazioni a disposizione degli Imprenditori canavesani e di chiunque vorrà percorrere la loro strada”.

27/11/2022 

Cronaca

Incidente a Volpiano: donna di 34 anni muore in scontro in corso Europa. Due feriti in ospedale

Drammatico incidente stradale alle porte di Volpiano. Il bilancio dello scontro fatale tra una Citroen Ds3 […]

leggi tutto...

27/11/2022 

Cronaca

E’ morto a 78 anni Don Renato Vitali. La Comunità di Busano piange il suo amato parroco

E’ deceduto venerdì 25 novembre all’età di 78 anni, don Renato Vitali, ex parroco di Busano. […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Covid-19: “Il Piemonte vi dice grazie”. Premiati a Leinì i volontari di coordinamenti piemontesi

Il Palazzetto dello Sport di Leinì ha ospitato nella mattinata di oggi, sabato 26 novembre, “Il […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Caldo anomalo, pochi i tartufi a settembre. Si pensa di spostare più avanti la raccolta

“La raccolta dei tartufi andrebbe spostata più avanti nella stagione, viste le conseguenze del cambiamento climatico […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Venaria piange la scomparsa della “Miss” che amava i gatti. Il sindaco Giulivi: “Mancherà a tutti noi”

In tanti, tantissimi a Venaria Reale, hanno tributato l’estremo saluto a Lella Maldera, 92 anni, deceduta […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Cascina a fuoco in frazione Sant’Antonio di Castellamonte. Distrutte 350 rotoballe di fieno

Ore di palpabile paura in frazione Sant’Antonio di Castellamonte, per un vasto incendio divampato, intorno alle […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy