18/02/2022

Cronaca

Il giornalista Savatteri racconta il suo “maestro” Leonardo Sciascia e l’impegno contro le mafie

CONDIVIDI

Forte del nuovo successo della trasposizione televisiva del suo “Màkari”, lo scrittore e giornalista Mediaset Gaetano Savatteri sarà ospite, in videoconferenza da Roma, del prossimo appuntamento che la Libera Università della Legalità terrà lunedì 21 febbraio dalle ore 10 in streaming in collaborazione con il Liceo Isaac Newton di Chivasso e la professoressa Antonella Calzavara. L’iniziativa culturale, moderata dal giornalista Michele Ruggiero, è rivolta alle Scuole Secondarie di Secondo Grado di Chivasso per riflettere in particolare sull’impegno di Leonardo Sciascia sul fronte della lotta alla mafia, dopo che lo scorso anno è stato celebrato il centenario della nascita.

Anch’egli racalmutese, considerato tra gli eredi dello scrittore siciliano, Savatteri fa parte della generazione di quei cosiddetti “Ragazzi di Regalpetra” che però seguì le orme del “maestro”. Nel giornalismo d’inchiesta così come nei suoi libri ha approfondito il fenomeno mafioso, incontrando personalmente boss e collaboratori di giustizia. Un’evoluzione, insomma, di quel mondo composto da “uomini, mezz’uomini, ominicchi, ruffiani e quaquaraquà” che Leonardo Sciascia aveva delineato nel “Giorno della Civetta”.

Sciascia fu spirito libero e anticonformista, lucidissimo e impietoso critico del nostro tempo, una delle grandi figure del Novecento italiano ed europeo. All’ansia di conoscere le contraddizioni della sua terra e dell’umanità, unì un senso di giustizia pessimistico e sempre deluso, ma che non rinuncia mai all’uso della ragione umana di matrice illuminista, per attuare questo suo progetto. All’influenza del relativismo conoscitivo di Luigi Pirandello si possono ricondurre invece l’umorismo e la difficoltà di pervenire a una conclusione che i suoi protagonisti incontrano: la realtà non sempre è osservabile in maniera obiettiva, e spesso è un insieme inestricabile di verità e menzogna.

Si impegnò anche in politica in battaglie per i diritti civili e contro il fenomeno della criminalità organizzata. Si ricorda in particolare la celebre polemica scaturita da una serie di prese di posizione dello scrittore a proposito dei “professionisti dell’antimafia”.

 

26/11/2022 

Cronaca

Covid-19: “Il Piemonte vi dice grazie”. Premiati a Leinì i volontari di coordinamenti piemontesi

Il Palazzetto dello Sport di Leinì ha ospitato nella mattinata di oggi, sabato 26 novembre, “Il […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Caldo anomalo, pochi i tartufi a settembre. Si pensa di spostare più avanti la raccolta

“La raccolta dei tartufi andrebbe spostata più avanti nella stagione, viste le conseguenze del cambiamento climatico […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Venaria piange la scomparsa della “Miss” che amava i gatti. Il sindaco Giulivi: “Mancherà a tutti noi”

In tanti, tantissimi a Venaria Reale, hanno tributato l’estremo saluto a Lella Maldera, 92 anni, deceduta […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Ivrea: i vandali danneggiano durante la notte la biglietteria del Gtt. Indagini in corso

Raid notturno dei vandali a Ivrea. Questa volta oggetto della devastazione è stato l’ufficio biglietteria Gtt […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Cascina a fuoco in frazione Sant’Antonio di Castellamonte. Distrutte 350 rotoballe di fieno

Ore di palpabile paura in frazione Sant’Antonio di Castellamonte, per un vasto incendio divampato, intorno alle […]

leggi tutto...

25/11/2022 

Cronaca

Rivarolo Canavese, strage di corso Italia: nuova perizia psichiatrica per il killer Renzo Tarabella

Una nuova perizia psichiatrica su Renzo Tarabella, il pensionato oggi 84enne che il 10 aprile 2021 […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy